involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

giovedì 8 dicembre 2011

Meglio "L'uomo da marciapiede" almeno aveva un sogno

Disoccupato di lunga durata, sulla strada per un anno, Orlando Sousa si sente "rinato". A 62 anni, è diventato un lustrascarpe attraverso diverse istituzioni che vogliono far rivivere mestieri tradizionali di Lisbona, capitale di un paese in crisi.
"La mia vita è cambiata stranamente, è come se mi era appena nato", dice l'omino con un sorriso, cappellino sulla fronte.
Operaio edile e padre di sette figli, ha iniziato a lavorare all'età di 14 anni, ma deve sopravvivere con una pensione di 113 euro ed è ospitato da l'Esercito della salvezza.
Sotto i portici di Place du Commerce, nel cuore della Baixa, un business center ex della città ormai popolare con i turisti che vengono ad ammirare l'estuario del Tago, il signor Sousa è in attesa per il cliente negli occhi apprendimento del suo maestro, José Roque, scarpa Shiner 30 anni.
I due uomini incontrati attraverso un programma istituito dal caritatevole istituzione Santa Casa de Misericordia de Lisboa, una business school e il Cais associazione, dedicata ai senzatetto.
In definitiva, il loro obiettivo è quello di resuscitare le professioni che tendono a scomparire come un calzolaio, grinder sarta o di quartiere. Per ora, il progetto sia conforme a dieci occhiaie apprendisti e quattro insegnanti reclutati tra i quindici che sono rimasti a Lisbona.
Per Henrique Pinto, presidente del Cais, "l'obiettivo non è quello di tornare indietro nel tempo. Noi vogliamo rilanciare questo settore, perché ci siamo resi conto che lavorando duro e la costruzione di una clientela, un ragazzo lustrascarpe può sopravvivere e anche per mantenere una famiglia. "
"Bisogna gestire il pennello"
Necessaria a ristabilire le finanze pubbliche del paese in cambio di un piano di aiuti internazionali, il governo portoghese sta cercando di salvare il povero misure di austerità che aveva adottato, compresa l'attuazione di un "piano di emergenza sociale".
Ma la recessione, la disoccupazione e l'aumento dei prezzi ha colpito tutta la società ancora più difficile il prossimo anno. "Già oggi, molte persone non sfuggire alla miseria che con l'aiuto dei loro parenti, ma per quanto tempo questo può durare? "Chiede il Sig. Pinto.
Di fronte al caffè Martinho da Arcada, ha frequentato la scuola nell'anno bicentenario 1920 dal grande poeta portoghese Fernando Pessoa, il maestro José Roque dice che guadagna circa 35 euro al giorno, tariffe che vanno da 2,5 euro per scarpe e 5 di euro per gli stivali.
Il salario minimo è di 565 € al mese in Portogallo.
"Non è un business facile come sembra, mette in guardia l'uomo con gli occhiali enormi. Dobbiamo sapere come gestire il pennello, scattare lo straccio, e particolarmente gradita al cliente. "
Il suo allievo Orlando Sousa ha una lunga strada da percorrere. Dopo due mesi di allenamento, si è trasferito a un angolo della piazza si trova una sola settimana e solo due o tre clienti al giorno.
"Ma io non mi deluderà. Una grande opportunità si è presentata e io lo cogliere ", dice.
Qualcuno finalmente ha avuto luogo il seggiolone contro il muro. "Hai appena vinto un cliente", Sousa ha detto l'ufficiale di 57 anni che ogni giorno pranzi Martinho da Arcada. "Sei molto ben messo qui in un anno si avrà venti clienti al giorno", ci ha incoraggiato.

Nessun commento: