involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

mercoledì 26 agosto 2015

MADURO RISPONDE

Il presidente del Venezuela ha salutato l'opera di Michel Collon "Les 7 peccati di Hugo Chavez "affermando che questo libro ci permette di comprendere come voi, gli intellettuali dell'Europa, siate riusciti a captare l'essenza rinnovatrice del nuovo paradigma che il comandante Chavez ha costruito nella nostra realtà. Ha in seguito chiesto molte precisazioni ed ha dialogato con il fondatore di Investig'Action. Questa intervista si svolgeva durante la cerimonia di chiusura dell' importante salone del libro di Caracas 2014.


JIHAD MADE IN USA

Nel momento in cui il Medio Oriente è scovolto da una guerra senza fine, questo lavoro si interroga: quali sono esattamente i legami tra USA e jihadistes? Ciò è determinante, poiché questo conflitto strariperà sull'Europa, l'Africa, la Russia e la Cina. Sarà mai pubblicato anche in Italia?

lunedì 24 agosto 2015

UE,LINGUE REGIONALI,ENNESIMO ATTACCO IMPERIALISTA?

Nel contesto della Carta europea delle lingue regionali promossa dall’Unione Europea (UE) e della strategia della cosiddetta “euro-regionalizzazione”, il presidente della Repubblica francese François Hollande, esponente del Partito Socialista (PS), non è stato ad attendere e ha impresso un’accelerata ai progetti di Bruxelles, annunciando una modifica della Costituzione francese per permettere la ratificazione (evidentemente senza referendum popolare) di tale Carta europea.

CONTINUA ARTICOLO 

sabato 22 agosto 2015

VERITA' STORICHE

«23 August 1939»

Michael Jabara CARLEY | professor of history at the Université de Montréal (Canada) 22.08.2015 | 00:00 Fonte    
traduzione ita        
23 August marks the anniversary of the Nazi-Soviet non-aggression pact which allowed Hitlerite Germany to attack Poland nine days later without fear of Soviet intervention against it. There will undoubtedly be comment in the western Mainstream Media about Soviet dictator Joseph Stalin «betraying» his would-be French and British «allies», about «stabbing Poland in the back», «colluding» with Adolf Hitler, and so on. 
It’s an annual event, anxiously awaited by western Russophobic propagandists, to remind us of the iniquitous Soviet role in starting World War II. Nowadays of course when the Mainstream Media say «Soviet», they want you to think about Russia and its president Vladimir Putin. Western «journalists» can’t make up their minds about Putin: sometimes he’s another Hitler, sometimes another Stalin.
When it comes to World War II, Poland is above criticism and gets a lot of sympathy in the West, as the first «victim» of both Nazi Germany and the USSR. The Wehrmacht invaded Poland on 1 September; and the Red Army moved in from the east 17 days later. It was a Soviet «stab in the back».
Or was it? Winston Churchill, then First Lord of the Admiralty, saw the matter differently. In a BBC broadcast on 1 October 1939, he observed that Soviet action «was clearly necessary for the safety of Russia against the Nazi menace.» Given that the Polish government had collapsed, better the USSR stood in those eastern borderlands than Nazi Germany.
During the 1930s Poland played a spoiler’s role. It was a far-right quasi-dictatorship, anti-Semitic and sympathetic to fascism. In 1934 as the USSR raised the alarm about Hitler, Poland signed a non-aggression pact in Berlin. Who stabbed who in the back? France had a formal alliance with Poland and felt betrayed. Until 1939 Poland did all it could to sabotage Soviet efforts to build an anti-Nazi alliance, based on the World War I anti-German coalition of France, Britain, Italy, and in 1917 the United States. It may surprise, but Maksim Litvinov, the Soviet Commissar for Foreign Affairs, saw fascist Italy as part of a defensive alliance against Hitlerite Germany. Litvinov also wanted to bring Poland into his anti-Nazi coalition, and in 1934 warned his Polish counterpart, Józef Beck, of the danger of Hitler. Beck laughed him off. 
Poland felt itself caught between two hostile great powers, but of the two, the USSR was by far its «worst enemy». These were old lines; Polish Russophobia dated back many centuries. In 1934-1935, when the USSR sought a mutual assistance pact with France, Poland attempted to obstruct it. In 1938, during the Czechoslovak crisis, Foreign Minister Beck said that if Hitler was to get the Sudeten territories, Poland should have the Teschen district. In other words, if Hitler gets his booty, we Poles want ours. Litvinov accused Beck of playing into the hands of Hitler, but Beck laughed him off again. Poland was Hitler’s accomplice in 1938 before becoming his victim in 1939.
What about France and Britain? The USSR saw France as «the pivot» of collective security in Europe. Supported by Stalin, Litvinov warned his western counterparts that Hitler was bent on war and that it was essential to organise a defensive alliance against him. It was Litvinov, not Churchill, who first conceived of the «Grand Alliance» against Hitler. Unfortunately, Soviet policy suffered setback after setback. Litvinov’s coalition became the Grand Alliance that Never Was.
How is that possible? Amongst other reasons, because the conservative elites of Britain and France and also generally in Europe, feared Bolshevism more than they feared Nazism. There were important exceptions of course to this general rule; Soviet diplomats called them «white crows». The Nazis were admired for their virility and masculinity. The odour of fascist leather and sweat was a powerful aphrodisiac for insecure, tired European elites who saw Nazi Germany as a bulwark against Bolshevism.
British Prime Minister Neville Chamberlain feared victory allied with the USSR more than he feared defeat at the hands of Nazi Germany. A victorious Red Army, with Bolshevism in its baggage trains, could advance into the heart of Europe. «I have met Hitler», Chamberlain declared in September 1938 after one of three visits to Germany, «and I believe him». But the Munich accords, which sacrificed Czechoslovakia, only encouraged further Nazi aggression.
There was one last chance in 1939 to conclude an alliance against Nazi Germany. Again, the Soviet side took the initiative. And again the British, followed reluctantly by the French, dragged their feet. In fact, if you read the Soviet diplomatic papers from the mid to late 1930s, it’s hard to avoid the conclusion that Britain was chief saboteur of Soviet collective security. Stalin sacked the seemingly quixotic Commissar Litvinov in early May 1939 and replaced him with the tougher Vyacheslav Molotov. Maybe French and British negotiators would take Molotov more seriously. It didn’t happen. They still dragged their feet, with the result that last ditch negotiations in Moscow in August 1939 failed. They’re not serious, Stalin concluded, and so he made a deal with Hitler to avoid war with unreliable allies.
The final chapter of this abysmal history occurred during the autumn of 1939 and the winter of 1940, when the British decided to publish a collection of telegrams and dispatches, a so-called White Paper, on the 1939 negotiations. Their objective was to show that the failure of these negotiations lay with the Soviet side, not with the British and French. The White Paper got to proofs in January 1940, and the British Foreign Office was impatient to publish.
The whole exercise proved to be a fiasco because the Quai d’Orsay, the French foreign ministry, had «certain misgivings» about publication and vetoed it. French diplomats were masters of understatement. In Paris they thought that the White Paper might be interpreted to show that the Soviet side was serious about concluding an anti-Nazi alliance while they, the French and British, were not. The White Paper provoked additional irritation in Paris because it omitted to show that France was keener for agreement with Moscow than London. The Quai d’Orsay threatened to publish its own Livre jaune to save France’s credibility, though there was precious little of that.
The Polish government in exile was also none too eager for publication since Poland attempted to obstruct the 1939 talks. It was beginning to look like a falling out amongst thieves. To add to the embarrassment, one senior Foreign Office official worried that the White Paper was «tendentious». Another official was apprehensive about the US reaction. Would Americans believe the British account «since our reputation [in the United States] for telling the truth is none too bright»? Then there was the additional worry that the USSR might publish its own account. What if public opinion believed the Soviet side and not the British? In the end, the British government wisely decided not to publish the White Paper. It was quickly forgotten during the military catastrophes which engulfed Britain and France in the spring of 1940.
Here is the real context to the Nazi-Soviet non-aggression pact which you will never hear about in the western Mainstream Media. Western historians have tried mightily to explain appeasement and save Chamberlain’s reputation. But even British and French diplomats at the time felt the need to conceal their conduct for fear they would get the blame for the failed 1939 alliance. We cut «a rather sorry figure,» said one Foreign Office official. And they did too. It was sympathy for fascism which confused the west about Hitler.
What a comedy. And what scruples in London. These days western governments and their «inspired» journalists, if one can call them journalists, don’t worry about «tendentious» argument when it comes to blackening the Russian Federation. It’s anything goes. Should we let them equate the roles of the USSR and Nazi Germany for starting World War II? Certainly not. It was Hitler who intended war, and the French and British, especially the British, who repeatedly played into his hands, rejecting Soviet proposals for collective security and pressuring France to do the same. Then and only then did Stalin seek to appease Hitler through the non-aggression pact. As it turned out, Soviet appeasement did not work out any better for the USSR than it had for France and Britain. In fact, in June 1941 it proved to be a catastrophe.
If indisputable facts and real history mattered, the Mainstream Media would have one less weapon in its toolbox of scurrilous propaganda with which to attack President Putin and Russia. Unfortunately, western propagandists don’t pay much attention to what really happened in the past which so resembles what is going on in the present. There’s the danger and why these purveyors of deceit must be exposed and challenged.
________________________________________

venerdì 21 agosto 2015

NELSON MANDELA; "I tuoi nemici non sono nostri nemici"

il rispetto di Mandela Per Gheddafi, Arafat e Castro 

 

L'intervista in questo video è dal 1 ° giugno 1990, quando Nelson Mandela è andato al City College di New York per una riunione del Consiglio. Ciò che ha detto ha scosso il mondo.


 KEN Adleman: Quelli di noi che condividono la vostra lotta per i diritti umani contro l'apartheid sono rimastiti un po 'delusi dai modelli dei diritti umani con cui ti sei incontratoda quando sei stato rilasciato dal carcere. Hai incontrato nel corso degli ultimi sei mesi per tre volte con Yasser Arafat, che tu hai lodato. Hai detto a Gheddafi che ne condividi la visione e  applaudi il suo record dei diritti umani nella sua unità per la libertà e la pace in tutto il mondo; e avete elogiato Fidel Castro come leader dei diritti umani e ha detto che Cuba è stato uno dei paesi che è in testa e spalle sopra tutti gli altri paesi in materia di diritti umani, nonostante il fatto che i documenti delle Nazioni Unite e altrove dimostrano che uno di Cuba dei peggiori. Mi stavo chiedendo, sono questi i vostri modelli di leader dei diritti umani, e in caso affermativo vorresti un Gheddafi o di un Arafat o un Castro di essere un futuro presidente del Sud Africa?

 MANDELA:. Uno degli errori che alcuni analisti politici fanno è quello di pensare i nemici degli USA dovrebbero essere pure i nostri nemici (* standing ovation da parte del pubblico ) Il nostro atteggiamento nei confronti di qualsiasi paese è determinato dall'atteggiamento di quel paese per la nostra lotta. Yasser Arafat, il colonnello Gheddafi [e] Fidel Castro sostengono la nostra lotta fino in fondo. Non vi è alcun motivo per cui dovremmo avere alcuna esitazione circa provenienti loro impegno per i diritti umani, come sono di essere richiesti in Sud Africa ... Non supportano [la lotta anti-apartheid] solo nella retorica; essi stanno mettendo risorse a nostra disposizione per  vincere la lotta. Questa è la posizione.


Venezuela: Alcedo Mora, il primo politico “Desaparecido” della V° Repubblica

El Blog del prof. Attilio Folliero Caracas, Venezuela: Alcedo Mora, il primo politico “Desaparecido” dell...: Attilio Folliero, Caracas 31/07/2015 – Tradotto all’Italiano in data 20/08/2015 Articulo en español I comunisti, i rivoluzionari ...

domenica 16 agosto 2015

AMERICA LATINA SOTTO ATTACCO

traduzione ita

Récemment, trois monopoles de l'information latino-américains ont pris cette sage décision : que 82 médias d'Amérique Latine écrivent au moins une page par jour dans leur journal contre le Venezuela.

 Durant les derniers mois, de nombreuses délégations d’hommes politiques se sont bousculées pour aller rendre visite à l’opposition vénézuélienne. Mais rien n’est spontané dans ces visites. Il s’agit en réalité d’une campagne de communication bien orchestrée. Pour preuve, le bref séjour de la délégation d’Aécio Neves et d’autres sénateurs brésiliens à Caracas avec l’objectif que la « pression internationale fasse en sorte que le Venezuela tienne des élections libres ». Et pour mobiliser l’opinion mondiale, ils peuvent compter sur l’appui actif des médias de leur pays. En effet, au Brésil la quasi-totalité des médias est contrôlée par quatre familles. De plus, récemment, trois monopoles de l’information latino-américains ont pris cette sage décision : que 82 médias d’Amérique Latine écrivent au moins une page par jour dans leur journal contre le Venezuela. (1)

Ces mêmes médias sont ceux qui utilisent la visite de Felipe Gonzalez, ex-chef du gouvernement espagnol avec de nombreux leaders de la droite latino-américaine(2), pour présenter le prisonnier Leopoldo Lopez comme un saint innocent, rédempteur de la Patrie.

Seul Evo Morales a dénoncé le cynisme de la situation : « quelle classe de socialiste rend visite à l’extrême droite vénézuélienne ? S’il est socialiste alors pourquoi ne va-t-il pas à Guantánamo ? C’est la preuve qu’en Europe, les socialistes sont les meilleurs instruments du capitalisme ». (3)

Pour comprendre la portée de cette guerre médiatique ou de quatrième génération, il suffit de jeter un œil au phénomène des guarimbas qui a eu lieu au début de l’année 2014. Rappelons que les médias privés et internationaux présentaient alors le Venezuela comme un pays frappé par la guerre civile. Mais ils ne montrèrent aucunement la mise en place de barricades ou guarimbas situées dans des lieux stratégiques pour semer le chaos dans le pays. Les plans de violence de l’opposition furent passés sous silence et les victimes des guarimbas attribuées à l’État. Cette campagne médiatique avait pour unique objectif de diaboliser le gouvernement de la révolution bolivarienne et favoriser le programme des groupes d’extrême droite. Mais cette guerre médiatique ne s’arrête pas aux frontières du Venezuela. Actuellement, les médias dominants s’en prennent à la Révolution Citoyenne de Rafael Correa, sous prétexte que ce dernier veut faire adopter une loi sur l’héritage, loi qui ne concerne qu’une fraction extrêmement minoritaire de la population puisqu’il s’agit que de 2% de la population. Mais ce sont justement ces fameux 2% qui détiennent encore un fort pouvoir économique mais aussi et surtout médiatique. Le président équatorien a dénoncé ardemment les agissements de l’opposition et a appelé son peuple et ses partisans à être vigilants face à toute tentative de déstabilisation de son gouvernement. Rappelons que Rafael Correa a été victime en 2010 d’une tentative de coup d’Etat qui comme dans le cas vénézuélien en 2002 s’avéra être un échec cuisant pour l’opposition putschiste.(4)

L’Équateur et le Venezuela sont les deux pièces essentielles d’un même puzzle. Nous ne devons pas oublier ce que souhaite la droite latino-américaine pour la Patria Grande. Nous la voyons agir sous nos yeux au Honduras et à Haïti, pour ne prendre que ces deux exemples. Le premier, depuis le coup d’Etat contre Zelaya est devenu le pays le plus violent du monde. Une violence qui se dirige en premier lieu vers l’opposition, les journalistes un peu trop indépendants et ceux qui luttent socialement, comme le professeur Hector Martinez Motino, assassiné le 17 juin dernier. Le second, Haïti, est une autre preuve de l’enfer dans lequel l’impérialisme a plongé le pays depuis deux siècles et ce pour avoir osé arracher sa liberté, son indépendance et avoir aboli l’esclavage. L’unité des socialistes du XXIème siècle est nécessaire pour faire face au putschisme.

Notes :

1) Ces monopoles sont le GDA (Grupo de Diarios de las Américas), l’ANDIARIOS (Asociación de Editores de Diarios y Medios Informativos) et le PAL (Grupo Periódicos Asociados Latinoamericanos).


traduzione ita

ripresa da http://www.sinistra.ch/


 fonte originale articolo



















mercoledì 12 agosto 2015

democrazia è una favola per “dummies”

 FONTE 

(traduzione di Daniela Trollio Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli” Via Magenta 88, Sesto S.Giovanni)

 

TROIKA




Che cos’è la Troika
Di “Alas Republicanas” (*)
I mezzi di comunicazione e quelli di Podemos ( Possiamo: partito politico spagnolo fondato nel 2014, n.d.t.) ci raccontano che gli uomini neri della Troika sono le persone che comandano ma che nessuno ha votato. Dicono che, se vogliono così tanto comandare, si presentino alle elezioni.
Queste affermazioni mi hanno portato a chiedermi che cos’è la Troika e chi la controlla.
 
L’azione della Troika è circoscritta esclusivamente nell’ambito dell’Unione Europea e essa è formata da tre istituzioni: il Fondo Monetario Internazionale, la Commissione Europea e la Banca Centrale Europea. In teoria le tre istituzioni hanno lo stesso peso.
 
Il FMI è un’istituzione internazionale composta da 188 governi, quasi tutti quelli del mondo. Ma all’interno del FMI alcuni governi hanno più peso di altri. La divisione del potere all’interno del FMI è completamente squilibrata, gli USA hanno il 16% dei voti. Tenete conto che le decisioni devono essere votate dall’85% per avere via libera, il che significa che gli USA possono vietare qualsiasi decisioni che non piaccia loro. La Spagna non ha neppure una percentuale, fa parte di un gruppo di paesi che controllano, tutti insieme, solo un 3% dei voti.

Il FMI ha un fondo economico, alimentato dagli stati membri (tra di loro la Spagna), che utilizza per prestare agli stati che ne hanno bisogno. E’ inutile dire che ogni prestito deve essere restituito con gli interessi e che ogni prestito permette al FMI di influire sul governo dello stato moroso. Possiamo quindi concludere che il FMI è pubblico, internazionale si, ma pubblico. Anche se non si comporta come tale, visto che buona parte della sua attività si concentra nel dare credito a società e su queste, pur prestando loro del denaro, il FMI non ha controllo.
 
La Commissione Europea è un organo esecutivo e legislativo dell’Unione Europea. Si compone di 28 membri e di un presidente, tutti nominati dal parlamento europeo. Potremmo dire che è il consiglio di governo dell’Unione, quindi pubblico e democratico. Tanto democratico quanto il consiglio dei ministri, che in realtà non viene votato da nessuno ma esce dall’elezione tra i deputati eletti.
 
L’ultima istituzione che forma la Troika è la BCE. La BCE è un organismo pubblico che oggi sostituisce in molte delle loro funzioni le banche centrali dei diversi paesi. I suoi fondi si nutrono, in maggior parte, degli apporti degli stati membri della zona euro, dipendono invece in misura minore dalla creazione del denaro e dall’apporto delle banche private (in teoria devono versare alla BCE il 2% dei depositi dei loro clienti).
E’ inesplicabile, ad esempio, che la BCE non fornisca in alcun caso direttamente denaro agli stati da cui prende i soldi e che invece lo faccia con parecchia frequenza alle società multinazionali.
La BCE ha messo in atto un piano di acquisto milionario del debito, ma gli acquisti li fa sul mercato secondario. Cosa vuol dire ciò? Lo stato mette in vendita il suo debito (si indebita ad altissimi interessi), una banca lo compra e la BCE compra il debito da questa banca (ad un interesse molto più basso).
Un bell’affare per il sistema bancario.
Ha senso tutto ciò? Perché la BCE non compra il debito, ad un interesse moderato o con altre condizioni di pagamento favorevoli, direttamente dal paese che l’ha emesso?
 
Il FMI e la BCE agiscono come usurai con gli stati quando prestano denaro, prendono il controllo politico del paese moroso e lo obbligano a fare cambiamenti legislativi, diretti tutti alla riduzione degli stati stessi. Privatizzazioni di tutte le imprese di stato, aumento delle imposte, limitazioni dei diritti dei lavoratori, ecc. Sembrerebbe che non vogliano che i debiti siano saldati per poter sequestrare gli stati, e sembrerebbe che gli stati facciano il possibile per compiacere le aspettative degli usurai.
 
La Commissione Europea, ultima gamba della Troika, appoggia le altre due in tutte le loro misure, comportandosi come una nemica degli stati che rappresenta.
 
Si suppone che la legittimità di queste istituzioni la dia il voto della gente, visto che sono state create e vengono sostenute dai rappresentanti che noi abbiamo scelto nelle elezioni. Ma è evidente che non è così, sembra che la democrazia sia circoscritta solo ai parlamenti nazionali, parlamenti che sono continuamente pressati da queste istituzioni per agire contro se stessi e contro i lavoratori.
 
Da otto anni, tutti i giorni, i potenti ci dicono che il governo non voleva fare questa o quella cosa, ma che la Troika li ha obbligati. Le misure di austerità della Troika hanno moltiplicato il debito della Spagna per tre, hanno moltiplicato i salari dei lavoratori dello 0,70, hanno amputato qualsiasi spesa sociale. Bella austerità. Credo che, in tutta evidenza, questa austerità stia affondando lo stato e noi che ci lavoriamo dentro.
Ma qualcuno sta ottenendo pingui profitti da tutto questo.
 
Quello che voglio dire è che gli uomini neri sono gli stessi che si presentano alle elezioni, gli stessi che scrivono gli articoli che leggiamo sui mezzi di comunicazione.
Persone che hanno una sola lealtà – il denaro – e devono beneficiare coloro che li comprano.
In realtà viviamo in una dittatura mascherata da democrazia, la dittatura del capitale.
La crisi, quella che loro usano per guadagnare di più sulla nostra pelle e metterci nel posto che essi pensano ci spetti, ci serve perché alcuni vedano ciò che c’è dietro la maschera.
Quando saremo la maggioranza a vedere che questo sistema non vale, che bisogna sostituirlo con un altro che sia per tutti?
 
Perché questo miracolo avvenga, dobbiamo osservare quanto ci sta davanti al naso, imparare e fare tre cose:
 
In primo luogo, il pubblico oggi è già una carcassa vuota. Oggi il pubblico è un cartello attraverso cui  l’utente deve passare ma che arricchisce il privato perché lo Stato, dato il suo carattere borghese, ha trasformato la “ragione sociale” a beneficio privato. I banchieri prestano e condizionano le loro politiche agli Stati, come a Carlo 5° nel suo tempo. Allo Stato austriaco lo fecero i prestatori ebrei di Anversa (e sia detto senza alcun intento antisemitico. E’ una licenza storica) e le ricche famiglie genovesi, tra altri.
Oggi agli Stati moderni lo fanno i grandi fondi di investimento, i fondi-avvoltoi, i megaspeculatori che ammassano le loro fortune sui mercati dei futures e, in generale, quei pescecani che con un attacco speculativo nelle borse possono affondare una moneta, come successe a suo tempo con George Soros e il suo attacco alla sterlina.
Questi usurai sono coloro che dicono agli Stati e alle istituzioni sovra-statali (FMI) – perché prestano denaro anche a loro – quali politiche devono fare per restituire loro il denaro o, il che è lo stesso, quale fetta della torta sociale/”pubblica” si mangeranno quando sarà privatizzata a favore dei creditori.
 
In secondo luogo, quindi, sparare contro la BCE, la Commissione Europea o il FMI è come farlo contro un’ombra perché, dato che la base del potere non è là, non vi è sangue perché non vi è corpo: si schiva la critica diretta al capitalismo. Il problema principale delle società capitaliste non è nei suoi burattini ma in chi maneggia il capitale. Questo senza negare che vada fatta una critica a quei consigli di amministrazione del capitale che sono gli apparati istituzionali. Ma questo approccio è secondario.
 
In terzo luogo, la “democrazia”, come la critica alla sua assenza, non è il male che dobbiamo scongiurare e neppure la lancia che distruggerà il capitalismo. Ormai non è più una questione di come si eleggono o no le rappresentanze, del peso ponderato di ogni paese secondo discutibili criteri, della mancanza di uguaglianza di opportunità nella lizza politica o di tante questioni di ordine minore.
E’ che la democrazia è una favola per “dummies” (scimuniti, n.d.t.), una menzogna per addormentare le masse, il modo di rendere queste complici delle conseguenze delle politiche a loro avverse (“non ti lamentare, è stato deciso democraticamente”). Il votante ignora assolutamente cosa faranno del suo voto (e in questo non trova alcuna differenza tra le destre e le “sinistre”) e oltretutto ignora completamente su cosa vota, quando vota e le ripercussioni del suo voto.
 
(*) “Alas republicanas” è un militare dell’Aviazione spagnola.
da: rebelion.org; 9.8.2015
 
  

mercoledì 5 agosto 2015

Washington Institute Messaggeri per Alqaeda al Dipartimento di Stato

Washington Institute Messengers for ALQaeda to The State Department

EXPOSED: Goon from the Washington Institute think tank acts as messenger boy for ALQaeda to its supporters in the State Department.
Washington Institute fellow Aaron Y.Zelin sent a private message through his twitter account @Azlan, to the leader of Al Qaeda of shoot Ahrar Al Sham, suggesting that he may help relay a message to his supporters in the US State Departement.
"Any personal message you want to send to the people in the state department who want to support you? I'm talking with them in the morning my time"
The Ahrar Al sham's leader answered with "My reply to your message will be in public", and followed through by leaking out the private message in a tweet.

This tells us two things, first that there are people within the State Department that support ALQaeda and Zelin knows who they are. Secondly,think tanks like the Washington Institute , are acting as mouth pieces for Al Qaeda to stir up support in the US State Department.
This would not be the first time a think tank suggests that ALQaeda become the US's new best friend. In January 2014 the CFR wrote an article headlined " The good and Bad of Ahrar Al-Sham: An Al Qaeda-Linked Group Worth Befriending". But it is the first time an american analyst has shown his links and support for ALQaeda so directly, and exposed members of the State Department along with him.