involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

domenica 3 luglio 2016

PERU,USAID,MILIONI DI DOLLARI FINANZIANO STERiLIZZAZIONE FORZATA

PERU: Fujimori crimine; la sterilizzazione forzata di 370.000 peruviano

 Cusco / Dick & Miriam Emanuelsson / Riepilogo Latinoamericano / Tra il 1995-2001 sono stati forzatamente sterilizzati 24,535 donne e 346,219 uomini, secondo ad un rapporto di una commissione indipendente, 2002. Lo stesso congresso nazionale del Perù ha indagato i casi di contraccezione chirurgica e essa ha concluso che 314,605 ​​donne sono state sterilizzate nell'ambito del Programma nazionale di pianificazione familiare del governo di Alberto Fujimori. Il Comitato Latina e dei Caraibi per i diritti delle donne (CLADEM) ha concluso che solo il 10% delle donne che sono state sterilizzate in quel periodo hanno dato il loro "vero e proprio consenso".

Quindi è stata la sterilizzazione forzata sotto Fujimorismo
organizzazioni femministe hanno applaudito il programma di pianificazione di principio. USAID e UE finanziati con milioni di dollari, che alla fine si è rivelato essere un programma di orrore per le persone colpite.
Nei primi mesi del 2016 ha iniziato ad operare il registro delle vittime di sterilizzazioni forzate (Reviesfo). Il motivo era quello di registrare e casi di documenti di tutte le vittime di sparizioni forzate in Perù, una decisione presa dal governo uscente di sterilizzazioni presidente Ollanta Humala.
Qui di seguito vi presentiamo le prove, il risultato del giro di marzo (2016) nel dipartimento di Cusco, tre vittime che hanno sofferto e continuano a soffrire le conseguenze di sterilizzazioni forzate del secondo mandato dell'ex presidente Alberto Fujimori. O come riassunto Huilca Demetria Molina: "Purtroppo questo disgraziato cinese ci ha fatto questo male."
 [Video] Interviste sulla sterilizzazione forzata di 370.000 peruviani in Perù 1995-2001 1. Sterilizzazione di Fujimori in Perù: Teodora era legato fino sul letto e sterilizzato
https://youtu.be/Gswi3Oiuz6M
2. la sterilizzazione forzata in Perù uomini
https://youtu.be/y5uKHOEeAnM
3. Perù: Come sterilizzazioni forzate distrutti matrimoni
https://youtu.be/IEyWemAc7BQ
4. L'Associazione organizza e sostiene le donne colpite costretti sterilizzazioni, AMAEF
https://youtu.be/BSa-SN6wHSA
5. L'avvocato che dirige la registrazione delle vittime della sterilizzazione Fujimori a Cusco
https://youtu.be/tljwcLTsUtw
 
"Hanno legato i piedi e il corpo"
[Video] https://youtu.be/Gswi3Oiuz6M
CUZCO / PERU '/ Le tre vittime hanno in comune l'aspetto di tristezza nelle profondità dei suoi occhi. Le loro testimonianze hanno anche un filo comune; Essi sono stati sterilizzati brutalmente 1995-2000 per ordine del governo di Alberto Fujimori.

 Teodora Guzman Velazquez, 47, viene dal quartiere Mollipata nelle Ande. Il suo villaggio si trova a circa tre ore di autobus dalla città di Cusco, l'antico centro dell'Impero Inca. Quando abbiamo iniziato a intervistare noi reagisce nel suo Quechua, impossibile da capire la lingua.
E questa è l'altra cosa in comune con quasi tutte le vittime; Non parlano castigliano. In questa parte del Perù (Cusco) parlano solo Quechua. In altre province si parla una lingua madre, ma non lo spagnolo.
Non hanno capito quando i medici o infermieri sono venuti alle loro case in montagna a dire che sarebbe oggetto di sterilizzazione. In caso di prendere una decisione così drastica, come si potrebbe correre se non addirittura a capire la lingua in cui stavano parlando?
Se sappiamo anche che le vittime provenivano da estrema povertà mentre i medici, d'altra parte, in genere provengono da una classe sociale molto diversa, perché abbiamo capito che erano due mondi diversi che hanno affrontato questi sei anni in cui sono stati sterilizzati più di 370.000 peruviani.

 Demetria Molina Huilca chiedere aiuto con la traduzione. Ha lottato dal 2001 per chiedere giustizia attraverso il lavoro organizzato nella Associazione delle donne colpite da sterilizzazione forzata, AMAEF. E Teodora inizia il suo racconto:
- L'ambulanza mi ha portato dal Mollipata il 20 aprile 1999 ed è arrivato al posto di salute. Quando siamo arrivati ​​ho era legato ai piedi. E allora ho legato con filo. Volevo scappare ma abbiamo ottenuto bloccato.
Perché hanno preso il suo al posto di salute?
- Mi hanno costretto duro. E 'stata la politica del presidente Fujimori. Mi hanno iniettato e ho insensibile. Quando mi sono svegliato ero a casa di mia sorella e ho iniziato a camminare di nuovo a casa mia.
Teodora aveva solo tre bambini che non è molto nelle montagne del paese andino. Questo è molto comune e anche importante avere i bambini a sufficienza per le famiglie nel campo perché lavorano la cura per gli animali.
Sarà la sterilizzazione avuto alcune conseguenze fisiche, psícicas o rapporto con tuo marito?
- Mio marito era andato a lavorare presso l'azienda agricola del mattino, quando l'ambulanza sarebbe venuto a prendermi. Mio marito non ha firmato nulla perché sapevo nulla di ciò che stava per accadere. Ora il mio marito dice "Io non voglio sapere niente, hai detto quelle cose, si sa come vivere", dice mio marito ora vuole il divorzio. Tutto è cambiato dopo la sterilizzazione hanno fatto a me, dice con le lacrime agli occhi. Dice che sono alla ricerca di altri uomini.

 Gli uomini anche:
"Io sterilizzare o non diamo il certificato di nascita del tuo bambino"!
[Video]:
https://youtu.be/y5uKHOEeAnM
Il Programma Nazionale pianificazione familiare del governo di Alberto Fujimori non solo ha colpito le donne povere, come altrove in America. Quasi 25.000 uomini sono stati vittime di "coltello giapponese" di Fujimori.
A Cusco, quest'anno, nove uomini sono stati registrati come vittime e connazionale Alvaro Mario Champin, 49, è uno di loro. Per gli uomini il peso è forse maggiore proprio perché gli uomini in un paese maschilista.
Champin viene dal quartiere Huancarani situato 4.000 metri sul livello del mare.
- Hanno cominciato a citare me e mi richiedono dal 1995. C'è stato solo 28 anni. Nel 1997, quando sono andato al presidio sanitario per registrare il mio quinto figlio, mi è stato dato l'ultimatum; sterilizzati o non mi dia l'atto di nascita di mio figlio. Sono stato costretto a accedere al mio figlio. E 'stato un ricatto.
Quali conseguenze ha avuto dopo la sterilizzazione?
- Io non vivo a partire dal 2001 con mia moglie. Mia moglie voleva avere altri due figli e così ho lasciato. Ho avuto un nuovo rapporto, ma anche lei mi ha lasciato per non essere in grado di dare ai bambini che voleva.
Quando abbiamo intervistato l'agricoltore Alvaro Mario Champin ci dice che andrà a registrarsi presso l'ufficio come una vittima della famiglia politica di pianificazione del regime di Alberto Fujimori.
- Esigo la giustizia e la verità dietro questo crimine non resterà impunito, inclusivamente per noi uomini. Perché se non fosse per "El Chino" Fujimori, che aveva ancora vissuto con la mia prima moglie.

 La povertà estrema e due chili di mais
[Video]
https://youtu.be/IEyWemAc7BQ
Demetria Molina Huilca è tesoriere in AMAEF. E 'nativo quartiere Huraro nel dipartimento di Cusco. Si tratta di un classico caso in cui le autorità pressioni del marito in modo che egli ha dato loro un potere per sterilizzare la moglie. "Carota" ha chiamato il denaro e tra le popolazioni di estrema povertà nelle regioni andine, potrebbe essere equivalente di due chili di mais sono stati consegnati alle famiglie abbandonate dallo Stato peruviano.
Questo è il caso Demetria:
- Più volte c'erano due infermiere in casa mia, al mattino, mezzogiorno e sera, dicendo che abbiamo dovuto esterilizarnos ma mio marito non volevamo. "Devo lavorare in azienda per i miei figli", ha detto. Hanno cercato di convincere mio marito, dicendo che Fujimori era di 1000 piante (in realtà U $ 285) come uno staio di grano. "Dire grazie Presidente Fujimori! Aprovéchense! "Hanno detto. E abbiamo convinto.
DEMETRIA è stato trasferito in ambulanza al presidio sanitario di Anta, a circa 30 minuti dalla città di Cusco. Era il 22 settembre, 1997 quando entrò Demetria al post e gli diede una scossa:
- Ho visto la fila di donne cambiato (vestiti), i piedi e le mani legate su barelle o per terra. Ho voluto lasciare, ma ho ordinato: "cambiarsi, interruttore, e stai per ottenere il vostro turno"! Mi è stato detto.
- Ma che altro faranno di me? "Signore sono morti", ho pensato, vedendo li sdraiato ", così farò anche a me, mi ha ucciso? Preferisco lasciare, ma ho intenzione di scappare, "ho detto, ma non ho lasciato andare.
Contrariamente alla regola, o la mancanza di conoscenza, Demetria fatto colazione al mattino in modo che l'anestesia non aveva sufficientemente rapido effetto. Il medico le ha detto di contare fino a 20 e poi si addormentò. Quando si svegliò male terribile. "Che altro hai fatto a me?", Pensò.
- L'ambulanza mi ha lasciato, dove finisce la strada, una mezz'ora a piedi da casa mia. Da lì ho camminato, da poco operato, fino a casa mia.

 Proprio come la maggior parte delle vittime, donne e uomini, la coppia diffida la sua / il suo compagno di vita. Demetria ci dice che le lotte con il marito sono stati costanti dal 1997.
- Dal momento che non ho più figli dicono io resto con altri uomini, mi dice ora.
- E io discutere: chi è la colpa? Fate bene una lettura. Mi (sterilizzazione) hanno autorizzato. Se mi fosse stato ucciso, bene, ora si pensa che (infedeltà). Come vivere bene? Quasi abbiamo separati, dice con le lacrime agli occhi, dopo aver tenuto un totale di quattro figli.
Quando abbiamo intervistato Demetria manca solo un mese alle elezioni in Perù. Tutti i sondaggisti danno come figlia prediletta di Fujimori. Ha sostenuto che suo padre era innocente e che, nel caso di violazioni dei diritti umani a 370.000 vittime, perché i medici sarebbero responsabili come autori.
- Speriamo che non arrivare al potere. Se si tratta di potenza, cosa ne sarà di noi? Se tuo padre è che lui ha fatto questo per noi. Se avete intenzione di ottenere la figlia non riconoscerà le migliaia di vittime che siamo.
- Non c'è nessuno che ci sostiene. Tre volte abbiamo depositato il nostro caso a Lima. Ma non dovremmo, continuiamo con la stessa forza.
Prima hanno lavorato insieme con il marito nel campo, in azienda, che tende gli animali, prendendo il raccolto. Ma dopo sterilizzazione, le donne hanno lasciato in casa ha in genere Demetria. E il marito reagisce:
- "Perché me lo chiedi per l'argento, che cosa l'argento si chiede? 'Dead drop "!!! diversi mariti raccontano le loro mogli, ho compagni. Egli ci dà un sacco di dolore, "i cinesi" Fujimori. Quel bastardo ci ha fatto questo danno. Noi soffriamo.

 L'associazione delle vittime
[Video] https://youtu.be/BSa-SN6wHSA
Per quasi 20 anni ha lavorato l'Associazione AMAEF. Livia Pinares è il coordinatore e ha trovato una mattina in ufficio REVIESFO a Cusco.

Livia Pinares, AMAEF
Lei è un'infermiera di professione e conta come l'ex segretario generale della Federazione dei coltivatori di Cusco, Hilaria Supa, chiamato una mattina per dirgli che dodici donne avevano visitato per dirgli che era stato sterilizzato con la forza. Da quel giorno Livia è inseparabile con AMAEF.
Ha aiutato le donne a Lima ed il contatto con le organizzazioni femministe per creare una maggiore attenzione sul caso di migliaia di peruviani vittime. Inizia così il lavoro organizzato oggi scuote di nuovo l'opinione pubblica in Perù.
Il giorno dopo l'intervista a Cusco, è venuto il candidato Keiko Fujimori. È stato ricevuto da una gran parte della popolazione di urla; "Siamo le figlie di contadini che non ha ottenuto sterilizzato"! Con questo atto ha iniziato una catena di eventi e manifestazioni, indipendentemente da dove si è esibito la figlia di Fujimori.
conto Livia Pinares che durante i 20 anni di attività, AMAEF visita città, paesi e regioni e ha confermato la stragrande maggioranza delle vittime che seminavano il programma di pianificazione familiare 1995-2000.
Il colpo di stato di Fujimori
Quando il programma di pianificazione familiare iniziata nel 1995, Fujimori è stato ri - eletto per il suo secondo mandato. Ma nel maggio del 1992, Fujimori ha implementato il "colpo di stato Palacial". Ha sciolto il Congresso, la Corte Suprema e la maggior parte della magistratura. Ha governato con decreti presidenziali, in base alla forze armate, la polizia, le agenzie di sicurezza (Dircote-SIN) e di intelligence militare.
Con l'assistenza di ex capitano dell'esercito Vladimiro Montesinos, ha usato il gruppo paramilitare, The Hill, per la guerra sporca. Questo gruppo assassinato il presidente del più grande sindacato, la CGTP, comunisti e mineraria leader di Pedro Huilca ed eseguito altre due stragi, per il quale Fujimori è stato arrestato e condannato a 25 anni di carcere.
 I parenti delle vittime di sparizioni e la macellazione del Cantuta il 18 luglio del 1992, appena due mesi dopo il "colpo di Fujimori", dove sono stati uccisi dieci università (insegnante) da parte del gruppo paramilitare La Colina.
Il motivo principale per il colpo di stato era "lotta al terrorismo", vale a dire il movimento di guerriglia di Sendero Luminoso e MRTA. Ma tutte le proteste sociali sono state brutalmente represse.
Basta regioni andine sono state classificate come "scuse per il centro terrorismo" da parte del regime illegale di Fujimori. I civili hanno temuto il decreto presidenziale che dà 20 anni di carcere, che è stato accusato di "apologia del terrorismo". Fu in questo ambiente ostile per le comunità che le autorità Fujimori avviato il programma di pianificazione familiare.
Pinares Livia dice che nessuno dei presidenti di turno ha voluto prendere sul serio il problema e hanno fatto una vera e propria soluzione al problema. Le vittime chiedono giustizia, dice, in particolare la loro salute molte donne sono prostrati a letto e ora sono di nuovo recriminadas.
Incinta e sterilizzato
Il coordinatore racconta la storia di Esperanza Huayama, una donna che era incinta al terzo mese, nel 1996, quando volevano sterilizzare.
- Ha detto che i medici; "Non fare la legatura, l'accattonaggio. Sono incinta di tre mesi. " Sono stati fatti analisi delle urine e ha detto; "No, non in stato di gravidanza". Alla fine hanno fatto la sterilizzati. Il quarto mese stava crescendo nell'utero e ferita e scoppio. Si va al centro di salute per dire loro: "Venite, sono incinta e mi hai fatto rimuovere il feto"! Eppure devono pagare, il che non è giusto.
- Attualmente ha avuto una tale sfortuna, signora, sua figlia è stata colpita da una macchina. Ora lei non ha figli, separata dal marito, perché dice; "Voglio fare un partner malato per tutta la vita Spendo i soldi solo da te." Ha lasciato e ora vive con la vendita di alcune cose. E 'una triste realtà, conclude Livia Pinares.
- Ci sono così tante cose che sono successe e nonostante questi difficili prove che hai, il governo peruviano non riconosce l'errore che hai avuto. Le signore che sono state colpite più sono il quechua-parlante. Perché se si dà loro le informazioni in spagnolo, non capiscono. "A me mi hanno detto che guarirò", hanno creduto e sono stati sterilizzati.
Dick & Miriam Emanuelsson
 Robert Chavez Hurtado, l'avvocato che dirige la registrazione delle vittime della sterilizzazione forzata a Cusco
[Video]
https://youtu.be/tljwcLTsUtw
Di Dick & Miriam Emanuelsson
Cusco / 2016/09/03 / Intervista a Robert Chavez Hurtado, avvocato e direttore distretto a Cusco dal Registro delle vittime di sterilizzazioni forzate, REVIESFO.









Nessun commento: