involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

mercoledì 27 settembre 2017

MAMMA LI CURDI,opportune riflessioni sul referendum curdo

Di Saad Babir *
Dopo aver ottenuto il controllo di gran parte dell'Iraq e della Siria, il movimento jihadista dello Stato islamico (IS) e altri estremisti sunniti hanno commesso gravi atrocità e violazioni internazionali dei diritti umani contro le minoranze non sunnite, tra cui forse il crimine più estreme di tutti, il genocidio perpetrato contro Yazidis, cristiani e musulmani sciiti. Mentre l'IS è sconfitta gradualmente sul campo di battaglia, un'altra paura si avvicina a questi gruppi perseguitati.
Nonostante l'obbiezione di molti partiti internazionali e locali, la regione del Kurdistan dell'Iraq (KRI) avrà per lo più probabilmente un referendum per l'indipendenza il 25 settembre nei governatori ufficiali della KRI di Erbil, Suleimaniyah e Dohuk, nonché nei territori controversi di Kirkuk, Niniveh Plain e Sinjar.
Le minoranze etniche e religiose abitano i territori controversi, che sono eterogenei nella popolazione e presentano diverse concentrazioni di minoranze irachene tra cui cristiani, Yazidis, Turkmen, Shabak e minoranze Kakai che da tempo hanno subito minacce e persecuzioni. Ma oggi, affrontano un altro dilemma.
Le minoranze si trovano ad affrontare due sfide: il potenziale per un pericolo immediato acceso dal processo di indipendenza stessa e, in secondo luogo, i loro diritti sono messi in pericolo sotto futuri stati separati del Kurdistan e dell'Iraq.
Nel KRI, l'estremismo religioso si è esteso significativamente negli ultimi dieci anni, parallelamente all'aumento generale della religiosità. Il numero di moschee nella regione supera ora il numero totale di scuole, università e ospedali combinati. Le preoccupazioni che l'estremismo religioso potrebbe aumentare nel futuro provoca l'allarme per i gruppi non musulmani. Gli studi hanno dimostrato che circa un migliaio di giovani curdi hanno aderito all'IS, suggerendo che le società curde hanno gravi problemi con il radicalismo che deve essere affrontato.
Mentre il KRI è principalmente governato da partiti nazionalisti che non sono ideologicamente investiti nelle credenze islamiche, le minoranze non musulmane temono che questo potrebbe non essere in futuro e che, come in altri paesi del Medio Oriente, gli atteggiamenti religiosi finiranno per diventare dominanti.
Ancora più importante, il processo di indipendenza stessa potrebbe minacciare, soprattutto perché le aree primarie abitate dalle minoranze si trovano quasi esclusivamente ai confini del KRI, il che significa che se l'indipendenza curda dovesse essere risolta con mezzi militari, queste zone sarebbero state il primo ad essere colpito dalla guerra. Non solo questo ritarderebbe il ritorno degli IDP verso le aree di Yazidi, ma potrebbe anche rendere impossibile il loro ritorno.
Le minoranze del Kurdistan spesso sostengono che essi vengono utilizzati dai partiti politici kurdi per i vantaggi politici. Il referendum è stato progettato per svolgersi senza l'input delle minoranze KRI e le loro opinioni politiche non sono state sollecitate. Tuttavia, alcuni gruppi sono andati avanti e hanno presentato raccomandazioni o richieste scritte. Gli assiri, gli armeni e i turkmeni hanno presentato un documento con cinquanta richieste all'Alto Comitato del referendum. Queste richieste chiedono prevalentemente che i diritti religiosi e etnici siano conservati nel nuovo Stato e sottolineano che dovrebbe essere concessa l'amministrazione autonoma delle loro aree.
Yazidis, la più grande minoranza etno-religiosa, parteciperà anche al referendum secondo i piani del KRG. Yazidis, come gli altri, sono divisi sulla questione dell'indipendenza del Kurdistan; tuttavia, la maggior parte dei Yazidis probabilmente rimane lontano dal voto.
L'elite politica Yazidi, vicina al KDP, è stata coinvolta nella promozione del referendum; tuttavia, il generale Yazidi pubblico sembra essere estremamente dissociato dal processo e rifiutare in gran parte il referendum a livello emotivo.
La disconnessione tra Yazidis e KRG, in particolare il KDP, è il risultato di una diffusa diffidenza. Molti Yazidis credono che quando le forze di sicurezza KDP si ritirino dal Sinjar il 3 agosto 2014, abbandonarono l'obbligo militare e la responsabilità civile per proteggere l'area, rendendo così facile l'IS a commettere genocidio contro i civili Yazidi.
Il sostegno Yazidi per l'indipendenza del Kurdistan non sarà libero; se la leadership curda vuole che Yazidis sia al loro fianco, devono impegnarsi a compiere passi seri, tra cui quelli che hanno abbandonato Sinjar alla giustizia, assicurando Yazidis dei loro diritti sotto la costituzione, accettando Yazidis come un gruppo con una serie completa di diritti come etnia e una religione, e garantendo l'autonomia delle aree di Yazidi a Sinjar e Sheikhan.
I gruppi religiosi sono anche preoccupati per i cambiamenti demografici nella loro patria. Molte aree che una volta erano considerate omelitte per i cristiani, Yazidis, Shabak e Kakai nella pianura di Ninive sono stati alterati negli ultimi dieci anni. I musulmani curdi si sono sistemati sistematicamente in queste aree, spingendo fuori i popoli indigeni. Questi cambiamenti continuano oggi. Per esempio, la percentuale di Yazidis nella popolazione totale del distretto di Sheikhan, a nord di Mosul, è stata di circa l'85 per cento 30 anni fa. Oggi il rapporto di Yazidis con i musulmani è diminuito notevolmente, con la percentuale di Yazidis ora stimata al di sotto del 30 per cento con i musulmani kurdi circa il 70 per cento.
La città di Yazidi di Bashiqa sta vivendo simili cambiamenti demografici e altre aree di Yazidi sono state (e continueranno ad essere) influenzate. Il Master Plan per la città di Dohuk, progettato nel 2010 dalla società Ingenieurbüro Vössing Germania-Erfur (destinato a essere completato entro il 2032), trasformerebbe le terre Yazidi nelle pianure Shaariya a sud di Dohuk City in un nuovo sobborgo di Dohuk. Shaariya è una delle ultime aree di maggioranza Yazidi all'interno del KRI.
La conversazione che circonda l'indipendenza curda ignora anche le richieste delle minoranze religiose per creare zone sicure per le loro popolazioni in Sinjar e Niniveh Plain sotto protezione internazionale, con l'aiuto delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea. Queste richieste possono anche assumere la forma di governo locale e delle forze di sicurezza autodisciplinate per garantire la stabilità delle minoranze senza l'intromissione di partiti politici esterni. Non importa come questi desideri siano articolati, con l'attuale lotta politica tra il KRG e l'Iraq, è improbabile che qualcuno presterà attenzione alla situazione delle minoranze.
Le minoranze affrontano due opzioni: in primo luogo, per far parte dello Stato dell'Iraq, il che significa che dovranno coesistere e vivere con gli arabi sunniti che li circondano. Con un Baghdad lontano, questa opzione rimane rischiosa e scomoda per tutte le minoranze non musulmane.
La seconda opzione è accettare il controllo de facto del KRG e far parte di uno Stato curdo di nuova costituzione. Con tutte le sfide dettagliate in questo articolo, è chiaro che questa opzione è anche piena di rischi.
La triste situazione delle minoranze irachene oggi è che non esiste un percorso chiaro per la sicurezza e la sopravvivenza. Senza il coinvolgimento concertato della comunità internazionale, possiamo assistere al declino continuo di queste popolazioni, in quanto continuano ad emigrare dal paese.


______Saad Babir ha un diploma di laurea presso l'Università di Dohuk e ha lavorato in passato come giornalista e attivista per i diritti umani, in particolare per quanto riguarda i problemi che la componente Yazidi della società irachena ha affrontato. Saad ha perso suo fratello e due cugini negli attacchi contro i Yazidi e ora lavora per aiutare i sopravvissuti al genocidio. Spera di contribuire agli sforzi per prevenire i genocidi futuri contro le minoranze

FONTE ________________________

giovedì 21 settembre 2017

Requiem per il sogno americano Intervista con Noam Chomsky

 documentario trasmesso dalla tv svizzera italiana

https://youtu.be/4pyQDvG5Fmg

 https://youtu.be/4pyQDvG5Fmg