involuzione

involuzione
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

mercoledì 9 settembre 2020

Migranti:Inutile esercito di riserva o più veritiero esercito di consumatori?

Di cosa tratta la migrazione in Europa e perché è maggiormente accolta dai media mainstream , mentre le sue cause e conseguenze sono raramente messe in discussione in modo critico?
Si tratta di geoeconomia: dal 2025 circa, la popolazione nei paesi ricchi si ridurrà per la prima volta dalla rivoluzione industriale , che farebbe collassare il sistema economico, che dipende da una crescita sostenuta, e i mercati finanziari associati in un breve periodo di tempo.
Per evitare ciò e al tempo stesso, in un'ottica di globalizzazione, per superare le tradizionali strutture di stato-nazione su piccola scala, sono stati creati meccanismi per la rapida ammissione di diversi milioni di migranti, soprattutto dalle regioni africane e arabe.
In effetti, l'ex commissario ONU per la migrazione Peter Sutherland è stato in precedenza direttore generale dell'Organizzazione mondiale del commercio, commissario europeo per la concorrenza e presidente di Goldman Sachs International. Già nel 2012 , in un'ottica di crescita e globalizzazione, aveva raccomandato all'UE di fare "del suo meglio" per "minare" l '"omogeneità etnica" degli Stati dell'UE attraverso la migrazione.
Nei media, questo “esperimento storicamente unico” di trasformazione sociale motivato geoeconomicamente è affiancato da una narrativa umanitaria, mentre i politici che rifiutano la “gente comune” invece della strategia globale sono diventati “populisti”.
I media affermati non sono cambiati da "destra" a "sinistra", ma sono rimasti elitari e orientati alla crescita. In passato contro i progressisti sociali, oggi contro i conservatori nazionali: oppositori politici e assistenti si sono scambiati i ruoli, ma l'obiettivo principale è rimasto lo stesso.
La politica di migrazione era originariamente destinata ad essere integrata da aree di libero scambio internazionale come TTIP e TPP. Ciò creerebbe un mercato integrato da miliardi di dollari con oltre il 50% della produzione economica globale che potrebbe competere con la Cina nel 21 ° secolo.
L'elezione inaspettata del presidente degli Stati Uniti Trump, che è critico nei confronti della migrazione e del libero scambio, e l'esito inaspettato del voto sulla Brexit, tuttavia, sono stati gravi battute d'arresto per questa strategia.
  1. Non si tratta di un fenomeno indesiderato , perché la migrazione è richiesta e promossa.
  2. Non si tratta di umanitarismo , perché altrimenti le cause - soprattutto guerre e disuguaglianze economiche - sarebbero combattute. Ma è vero il contrario.
  3. Non si tratta di lavoratori qualificati , perché questi dovrebbero essere acquisiti in modo specifico, il che nel caso dei paesi in via di sviluppo sarebbe, tuttavia, eticamente discutibile.
  4. Né si tratta di lavoratori non qualificati , perché in primo luogo, l'Europa ha già diversi milioni di disoccupati (compresi i giovani disoccupati), e in secondo luogo, l'automazione taglierà milioni di posti di lavoro in più nei prossimi decenni.
  5. Non si tratta dell'uso della cosiddetta "arma della migrazione" contro la Germania o l'Europa, perché la migrazione è richiesta dalle stesse élite europee, e colpisce in particolare gli stati vittoriosi della seconda guerra mondiale come Inghilterra, Francia e Stati Uniti. Tuttavia, è vero che le strutture nazionali possono essere trasformate in entità geoeconomiche più grandi attraverso la politica migratoria a medio termine (si veda la citazione di Sutherland sopra).
Il collo di bottiglia del sistema economico moderno e altamente produttivo non è la mancanza di lavoratori, ma la mancanza di consumatori. Gli stati nazione in contrazione hanno una posizione particolarmente difficile nel mondo globalizzato del 21 ° secolo, soprattutto per quanto riguarda la Cina.
Paesi in stagnazione demografica o in contrazione come Germania e Giappone sono stati in grado di mantenere la loro crescita economica solo dal 2000 attraverso elevati surplus di esportazione. Questa crescita delle esportazioni è stata possibile principalmente grazie allo sviluppo economico della Cina.
Ad esempio, il numero di tedeschi di origine in Germania è sceso da 66,4 milioni a 60,8 milioni tra il 2005 e il 2018. La Germania aveva l'ultima volta 60 milioni di abitanti intorno al 1900.
Nello stesso contesto va inquadrata la moderna politica dei tassi di interesse bassi: ciò intende compensare la mancanza di crescita demografica e reale e stabilizzare i mercati azionari e immobiliari. medio termine, ciò a sua volta richiede il passaggio a un sistema monetario digitale al fine di impedire il prelievo di contante dal sistema bancario quando i tassi di interesse sono potenzialmente negativi.
Ma di cosa vivono le persone quando non sono più necessarie come lavoratori, ma come consumatori? Di assistenza sociale o reddito di base generato attraverso il debito o la creazione di denaro: un concetto che il Forum economico mondiale sta già esaminando .
Un'alternativa richiederebbe l'abbandono del modello economico orientato alla crescita e quindi significherebbe il più grande sconvolgimento dalla rivoluzione industriale. Tuttavia, anche questo non risolverebbe la sfida geostrategica ed economica posta dal "Regno di Mezzo".
I critici della migrazione orientata alla crescita come il direttore di lunga data della Divisione delle Nazioni Unite per lo sviluppo della popolazione, Joseph Chamie, parlano di una "demografia Ponzi" con conseguenze imprevedibili per le società dei paesi di origine e di destinazione e per l'ambiente.


mercoledì 19 agosto 2020

COVID-19 Con il coronavirus le élite economiche e finanziarie del pianeta hanno davvero fatto tombola

Con il coronavirus le élite economiche e finanziarie del pianeta hanno davvero fatto tombola. L’obiettivo comune dei gruppi di potere economico sovranazionale è da sempre palese e dichiarato: smantellare gli Stati sovrani che rappresentano una minaccia per la loro libertà di azione. Sono gruppi in contrasto tra loro, ma su questo punto sono tutti concordi, sono alleati. Una delle più note “associazioni di categoria” dei potentati economici ad esempio, la Commissione Trilaterale, fu fondata da David Rockefeller proprio con questo obiettivo. Curiosamente, ma non troppo, di questa associazione fa parte anche Mario Monti che oggi l’OMS vuole come commissario per la fase post covid. Ma tu guarda a volte il caso…
Va considerato che la ricchezza per questi gruppi economici non è affatto importante in quanto tale, ma diventa importante per il potere che genera sul resto della società. Qualche fesso ora penserà di essere davanti a becero complottismo. Purtroppo i fessi sono maggioranza ormai e normalmente sono anche terribilmente ignoranti e non sanno chiaramente che di queste tematiche si dibatteva già durante la stesura della nostra Costituzione. 
I Costituenti erano infatti perfettamente consapevoli che la ricchezza, quando si accentra nelle mani di pochi, diventa un potere politico che travolge la democrazia. Da questo ragionamento innegabile è nata la nostra Costituzione socialista, che nella sua parte economica (artt. 41 e ss.)  metteva al bando proprio l’assetto socio economico che, in forza della sua disapplicazione sistematica, oggi si è imposto in Italia e nel globo.
Come ci ricordava proprio Mario Monti anni fa, in una dichiarazione sostanzialmente confessoria dei suoi propositi eversivi verso l’ordinamento repubblicano, le crisi e le gravi crisi sono strumenti indispensabili per rafforzare il potere delle élite economiche. In quel video parlava in verità di crisi necessarie per far fare “passi avanti all’Europa”, ma questa espressione è per definizione un sinonimo di passi avanti per le élite. L’UE infatti è un ordinamento giuridico appositamente pensato per demolire le sovranità nazionali al fine che siano i grandi gruppi economici ad esercitare il vero potere politico impedendo alla Stato, da un punto di vista giuridico, di intervenire per disciplinare, coordinare e controllare l’economia. Insomma (e semplificando) i trattati europei vietano allo Stato di fare lo Stato.
Ma veniamo al coronavirus. La paura di morire acceca la maggior parte delle persone e le rende incapaci di comprendere cosa stia realmente accadendo, d’altronde non esiste paura più potente per l’essere umano. Esiste oggi un virus letale che sta facendo strage nel mondo? Anche se i numeri dei morti diffusi fossero veri, e non lo sono affatto (essendo ampiamente sovradimensionati in virtù del calcolo nei morti per covid di chi è invece mancato per cause diverse dal covid pur risultando positivo al virus), la risposta alla domanda è certamente un secco no. Esiste un virus come i tanti altri in circolazione, per i quali nessuno ha mai gridato all’allarme planetario. 
Si parla di circa 650 mila morti nel mondo per covid. Detto così sembra un grande numero. Ma se si guarda alla popolazione mondiale (oltre 7,5 miliardi) e alle altre malattie per le quali non è mai partita analoga campagna a rinchiudersi sotto una campana di vetro, il numero è assolutamente normale. L’influenza fa mediamente un numero di morti assolutamente simile ogni anno. Non ci credete? Ecco per comodità una fonte ufficiale: (https://www.epicentro.iss.it/influenza/epidemiologia-mondo). Perché allora non si chiude il mondo per i morti dell’influenza? Perché se avessero adottato le stesse misure oggi in atto per una malattia già nota e di cui le masse non hanno paura, non ci sarebbero stati effetti sulle loro debolissime menti e nessuna misura liberticida avrebbe potuto essere presa senza reazioni.
Sempre per mettere nel giusto rapporto i numeri perché non parlare anche dei vizi nocivi per la salute che addirittura nel mondo vengono incoraggiati essendo redditizi dal punto di vista economico. Senza scomodare l’alcol parliamo anche solo del fumo. Se vi sembrano tanti 650 mila morti (ampiamente sovrastimati come detto) per covid, allora gli 8 milioni di morti l’anno per fumo che vi sembrano? Eppure durante il lockdown si poteva andare dal tabacchino, rigorosamente indossando la mascherina, a comprare le sigarette . Ancora una volta una fonte, la prima che ho trovato visto che il dato è ovunque: (https://www.ilmessaggero.it/AMP/salute/fumo_sigarette_morti_milioni_oms_danni_new_york-4521921.html). In sostanza ci chiudevano in casa usando elicotteri e droni, ma ci lasciavano uscire per andare a comprare il veleno… Ecco come i signori al governo tengono alla nostra salute…
Gli Stati non vietano di fumare, Conte non fa conferenze stampa ogni cinque minuti per dire che bisogna fermare questa strage. Nessun magistrato  indaga i governi che consentono la vendita delle sigarette. Ma d’altronde anche questo prova ancora una volta che la gente pensa, in maggioranza, ciò che gli dicono di pensare. 
Qualcuno potrebbe ancora dire “ma le terapie intensive erano piene”. Certo, in alcune zone d’Italia si erano riempite, peccato che questo, a causa del grave sottodimensionamento della nostra sanità che si lega ancora una volta anche al nome di Mario Monti e dell’austerità, sia già successo. Non ci credete? Vi basta il Corriere della Sera per credermi?  Era il 2017… https://www.google.it/amp/milano.corriere.it/notizie/cronaca/18_gennaio_10/milano-terapie-intensive-collasso-l-influenza-gia-48-malati-gravi-molte-operazioni-rinviate-c9dc43a6-f5d1-11e7-9b06-fe054c3be5b2_amp.html
Ma perché vi dico queste cose? Perché provo disperatamente (ma senza troppe pretese ormai) a riportarvi alla ragione. Comprendo bene che se oggi girate ancora mascherati o siete tra quelli che esultano per l’ultimo demenziale atto di suprema imbecillità del governo circa le museruole all’aperto,  questa sia un’impresa ormai impossibile…
Tutte le misure che stanno prendendo, tutto ciò che i governi fanno, non avviene per il nostro bene. Della nostra vita non gliene frega assolutamente nulla, non avreste visto l’austerità altrimenti e neppure avreste mai sentito la Lagarde sbottare per i pensionati che proprio non vogliono decidersi a morire (Corriere della Sera on line del 11 aprile 2012). La politica nel mondo obbedisce alle richieste del potere economico che consente ai singoli partiti di andare o meno al timone degli Stati. I media, controllati dagli stessi poteri, indirizzano il vostro pensiero dicendovi quale sia la verità in cui credere e gettando fango sui pochi che usano il cervello e hanno gli attributi per dire ciò che pensano sempre (Piccolo auto encomio: dopo due esposti demenziali e una denuncia penale ancora più ridicola sono ancora qui a parlare senza alcun timore perché non sono nato pecora…).
Il covid in questo contesto diventa certamente un efficace metodo di governo. Una normale malattia, come purtroppo tante altre, viene pompata mediaticamente fino a far impazzire la maggioranza delle persone. Così diventa possibile togliere diritti, imporre strumenti di controllo del dissenso sempre più sofisticati, limitare la libertà di espressione (ad esempio dei cattivoni come me), distruggere ciò che rimane delle piccole e medie imprese in modo da consentire ai grandi gruppi di avere il monopolio su tutto e ovviamente consentirgli di governare le “democrazie” attraverso il debito, il vecchio sogno di Rockefeller… Aggiungiamoci poi il business di big pharma che spinge per vaccinare 7 miliardi di persone e il gioco è davvero fatto.
Non posso certamente dire se è vero o meno che il covid sia stato creato a tavolino per fare un passo avanti verso un nuovo ordine mondiale in cui le multinazionali si sostituiranno definitivamente agli Stati nazionali, forse no. Ma di certo, come ogni crisi, è stata cavalcata e sfruttata con sapienza da chi tira le fila delle nostre vite.
In questo incredibile caos si è poi aggiunta la magistratura, che invece di sancire con chiarezza l’inviolabilità della libertà personale, nemmeno davanti alla peste bubbonica o alle cataste di morti nelle strade sarebbe stato lecito mettere la popolazione agli arresti domiciliari (per ora ha avuto il coraggio di scriverlo in una sentenza solo il Giudice di Pace di Frosinone – clicca qui), addirittura pensa di perseguire chi non interviene per fermare con misure liberticide questa epidemia di influenza da coronavirus…
Cosa avrebbe fatto un governo non servo dei poteri economici? Avrebbe protetto le fasce deboli della popolazione, anziani e malati, come peraltro dovrebbe fare già per l’influenza, che come detto fa sostanzialmente gli stessi morti del covid.
Anziani e malati sono i soli che, dati dell’Istituto Superiore della Sanità alla mano (clicca qui per leggerli), corrono rischi con questa influenza. Un governo non servo sarebbe intervenuto con misure di protezione facoltative per queste persone (la libertà personale è un diritto sovraordinato alla stessa vita. Si muore per la libertà non vi si rinuncia per paura di morire) e dandogli il denaro necessario a poter scegliere liberamente. Gli Stati sovrani hanno infatti un’altra simpatica caratteristica, non chiedono soldi in prestito alla finanza, ma li creano dal nulla…
Ma vi ho già detto troppo. Se indossate da mesi la mascherina continuerete a vivere nella paura di morire. Peccato che prima o poi morirete comunque e il 99,9% di noi morirà di altro rispetto al temutissimo covid…
Riprendetevi dalla vostra ipocondria, spegnete la tv e piantatela di parlare di questo virus insignificante o stavolta calerà il sipario per davvero. Il tentativo di instaurare questo nuovo ordine mondiale non andrà a buon fine, si arriverà a caos e violenza ovunque nel mondo. Il tessuto sociale non reggerà… La guerra è lo scenario più prevedibile e sarà anche colpa di voi seriali bevitori di balle.
Avv. Marco Mori

venerdì 3 luglio 2020

App Corona: "Una truffa palese"

“Il codice sorgente rimane con Microsoft, il protocollo è implementato e controllato da Apple e Google, il server è ospitato da Amazon. L'attuale politica di informazione soffre di informazioni poco chiare o errate. "(Dall'analisi del professor Vaudenay)


Mentre la politica e i media continuano a non comunicare apertamente, SPR pubblica estratti della devastante analisi del professore di informatica EPFL Serge Vaudenay sulla mancanza di trasparenza e sui rischi per la sicurezza del tracciamento dei contatti "decentralizzato". L'analisi è di importanza globale dal momento che il protocollo svizzero è diventato lo standard globale attraverso Google e Apple.

 Il rapporto originale in inglese è disponibile qui .

uno studio sulle pandemie influenzali nel 2019, l'OMS è giunto alla conclusione che il tracciamento dei contatti "non è raccomandato in nessuna circostanza" perché epidemiologicamente non ha senso. Edward Snowden, informatore della NSA, ha avvertito in questo contesto che Corona sarà utilizzata come pretesto per lo sviluppo completo della società di sorveglianza di massa .

L'interfaccia non visibile per il tracciamento dei contatti menzionata nell'analisi Vaudenay è stata ora integrata in tre miliardi di telefoni cellulari da Google e Apple Vaudenay scrive: "Ora possiamo vedere che il sistema decentralizzato DP3T è diventato un sistema opaco centralizzato con i servizi Apple di Google".

“Il sito web del National Cyber ​​Security Center NCSC elenca molti rapporti sulla sicurezza che SwissCovid giudica abbastanza positivi. Ma non elenca il nostro rapporto. Al contrario, contiene una "analisi dettagliata" della NCSC sul nostro rapporto. Non siamo d'accordo con questa analisi. Dal momento che sembra abbastanza chiaro che la comunicazione non è trasparente, qui presentiamo le nostre osservazioni al pubblico ".


"In sintesi, le nostre osservazioni sono le seguenti:

  1. Sebbene il codice sorgente dell'app sia disponibile, non possiamo compilarlo, eseguirlo ed eseguirlo senza firmare un accordo con Apple o Google. Pertanto, l'app non è compatibile con il termine "open source".
  2. Gran parte del protocollo di tracciamento dei contatti è implementato da Apple-Google in una parte del sistema chiamato GAEN. Questa parte non ha un codice sorgente disponibile, sebbene la legge richieda la divulgazione del codice sorgente di tutti i componenti del sistema.
  3. Alcuni server sono ospitati da Amazon come parte di un servizio esterno.
  4. Le informazioni disponibili per i potenziali utenti non sono chiare, incomplete o errate.
  5. Quando si utilizza SwissCovid, gli utenti possono essere rintracciati o identificati da sistemi di sorveglianza di terze parti.
  6. Gli utenti diagnosticati che inviano un rapporto sono a rischio di essere identificati da una terza parte.
  7. Terze parti potrebbero fornire falsi avvisi di possibile infezione su un telefono target o su un ampio gruppo di telefoni target. Ciò comporterebbe che le persone debbano essere messe in quarantena senza essere realmente a rischio.
Al fine di evitare il problema che GAEN (l'interfaccia di Google Apple) non ha un codice sorgente disponibile, sebbene la legge prescriva un codice sorgente per tutti i componenti, il Consiglio federale ha emanato un regolamento che elenca tutti i componenti ma non è contenuto in GAEN .
Per giustificare tale esclusione, i promotori di SwissCovid sostengono che GAEN fa parte del sistema operativo del telefono o parte dell'interfaccia Bluetooth del telefono e che non è comune richiedere la divulgazione del codice sorgente di tali parti.
Neghiamo che GAEN sia una tale parte del telefono, almeno sui telefoni Android. GAEN fa parte dei servizi di Google Play, che sono indipendenti dal sistema operativo e dalle interfacce di comunicazione. ()
Inoltre, la maggior parte del precedente protocollo DP3T (per il tracciamento dei contatti "decentralizzato") implementato nella versione originale è scomparso nella versione corrente dell'applicazione perché un protocollo equivalente è ora incorporato in GAEN.
Concludiamo che non esiste una giustificazione tecnica fondata per escludere GAEN dai componenti del sistema. Crediamo fermamente che il regolamento costituisca un trucco legale per eludere la legge, che è il risultato di una controversia tra SwissCovid e Apple-Google.
Esortiamo gli esperti costituzionali a valutare la validità del regolamento ".
  • “Scopriamo che SwissCovid è lungi dall'essere open source. Il codice sorgente rimane con Microsoft, il protocollo è implementato e controllato da Apple e Google. Il server è ospitato da Amazon. L'attuale politica di informazione soffre di informazioni poco chiare o errate. "
  • "Quasi tutto ciò che è sensibile è gestito dall'API GAEN [l'interfaccia tra Google e Apple], che non fornisce alcun codice sorgente e che non possiamo mai compilare o analizzare. "
  • “ Ecco perché SwissCovid è lungi dall'essere open source. Nella migliore delle ipotesi, il codice sorgente dell'interfaccia utente grafica è disponibile, ma non può riprodurre o modificare l'applicazione in esecuzione. "
  • "Ci sono alcuni aspetti strani nel rapporto con Google-Apple. Il progetto DP3T [per la traccia dei contatti "decentralizzata] chiede al suo partner Google-Apple di aprire l'interfaccia almeno per gli audit esterni e di aggiornarne l'implementazione. Ciò suggerisce che DP3T ha perso il controllo di SwissCovid. "
  • “L'attuale relazione con Google-Apple mette SwissCovid in una strana situazione. () Gli utenti devono accettare di trasmettere i propri dati personali a Google-Apple, mentre SwissCovid non può utilizzarli . Anche l'applicazione SwissCovid non può utilizzare la posizione. Tuttavia, i servizi di Google Play utilizzano l'accesso a dispositivi, foto, posizione, segnalibri, calendario, archiviazione, telefono, microfono, ID dispositivo, fotocamera, contatti, Wi-Fi, stato e cronologia del dispositivo, identità, SMS e molti altri privilegi . Dato che iOS è chiuso, non potremmo dire nulla, ma sarà lo stesso ".
  • “Ci sono state polemiche sull'introduzione di sistemi centralizzati o decentralizzati. Ora possiamo vedere che il sistema decentralizzato DP3T è diventato un sistema opaco che è centralizzato nei servizi Apple di Google. "
  • “Indipendentemente da SwissCovid, la stessa tecnologia Bluetooth è già utilizzata da Apple e Google per individuare i dispositivi Bluetooth. Non usare il GPS non significa che è impossibile localizzare un telefono. "
  • "Poiché la maggior parte del sistema è implementata dall'interfaccia Google-Apple, DP3T (la traccia dei contatti" decentralizzata ") non è rimasta molto."
  • Elenco dei singoli rischi per la sicurezza nel rapporto originale.
    • “ Abbiamo dimostrato che SwissCovid crea minacce critiche alla sicurezza e alla privacy. Indipendentemente dal fatto che siano ridotti o meno, riteniamo che debbano assolutamente essere comunicati. "
    • "Ancora più importante, le informazioni disponibili sono inadeguate, ci sono informazioni sbagliate sull'anonimato e sull'open source , non sembrano esserci test di sicurezza pubblica e gli sviluppatori SwissCovid sono vincolati dalle decisioni di Google e Apple ."
    • "Siamo consapevoli che numerosi attacchi sono stati testati e riportati empiricamente . Il nostro punto principale è che gli utenti volontari dovrebbero essere consapevoli di questi attacchi . Possono essere considerati minori per la maggior parte di essi, ma cruciali per alcuni. Finora, la documentazione resa disponibile all'utente è stata silenziosa. "
    • “La legge del 19 giugno 2020 stabilisce che tutti i componenti del sistema SwissCovid devono avere un codice sorgente accessibile al pubblico e spetta al Consiglio federale trattare i dettagli dell'operazione. Il regolamento del Consiglio federale del 24 giugno 2020 definisce i componenti in modo tale da escludere ciò che viene fornito da Google-Apple e implementare le funzionalità DP3T. L'implementazione di DP3T ha aggirato la legge. "
    • "Riteniamo che il regolamento fosse già in preparazione quando il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale hanno discusso della necessità di un codice sorgente disponibile al pubblico e la nostra analisi è stata censurata . I cittadini e il Parlamento sono stati ingannati . Può essere per buoni motivi (ad esempio per prevenire la seconda ondata), è una truffa palese . A nostro avviso, 5 giorni dopo la sua approvazione , la legge creata per proteggere le persone dal dover utilizzare un sistema opaco si è rivelata insufficiente. "
    • "Su Android, GAEN fa parte dei servizi di Google Play che regolano i servizi specifici di Google. () Ciò dimostra che GAEN non fa parte né dei driver di comunicazione né del sistema operativo, contrariamente alla solita scusa per la non divulgazione di GAEN, che viene ripetuta dalla stampa. "
    • "Siamo convinti che la definizione legale di" componenti "in un regolamento sia un trucco per aggirare la legge sulla disponibilità del codice sorgente."
    • “Chiediamo a esperti legali indipendenti di commentare questa controversia per determinare se GAEN debba essere considerato parte di SwissCovid e pertanto debba essere soggetto alla legge che richiede un codice sorgente disponibile.
  • fonte