involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

sabato 16 luglio 2011

L'Islanda innova redigendo la sua costituzione via Twitter e Facebook

Par RFI
I dibattiti sulla pagina Facebook del Consiglio costituzionale islandese (cattura di schermo).
I dibattiti sulla pagina Facebook del Consiglio costituzionale islandese.

Gli islandesi devono pronunciarsi nel corso dell'autunno 2011 su un progetto di nuova costituzione. Piccola rivoluzione in materia di partecipazione politica: da aprile, il testo è scritto in collaborazione con gli internauti, che siano cittadini islandesi o stranieri, nuovi o specialisti del diritto costituzionale. Si parla già “di Wiki-constitution„ o “di e„.
È la prima volta che uno Stato fa appello agli internauti ed alle reti sociali per elaborare un testo costituzionale. Dall'aprile 2011, tutti gli argomenti sono discussi , dei diritti dell'uomo all'organizzazione del governo e dei pubblici poteri, del sistema sanitario alla giustizia.
Obiettivo: sostituire la costituzione islandese attuale, copiata sul modello danese in occasione dell'indipendenza del 1944, con un testo che tiene conto delle aspirazioni politiche nuove degli islandesi. Questi, dopo avere subito in pieno la crisi finanziaria del 2008, si sono pronunciati tramite referendum e rifiutano per due volte, nel 2010 e 2011, di assumere i debiti della banca IceSave responsabile del fallimento del paese. Manifestazioni di protesta hanno imposto cambiamenti profondi istituzionali. Nel 2010, solo il 10,5% degli islandesi, percentuale storicamente bassa, dichiarava di avere “ grande fiducia„ nello Althing, il Parlamento islandese.
Verso un referendum nell'autunno
Le autorità di Reykjavík hanno ricevuto il messaggio ed hanno deciso di attualizzare la legge fondamentale del paese. Nel novembre 2010, il progetto cominciava con l'elezione a suffragio universale del Consiglio costituzionale, 25 cittadini ordinari incaricati di partecipare alla riscrittura completa della costituzione. Le sole condizioni per essere candidato erano di avere oltre 18 anni e presentare almeno 30 sostegni.
Avvocati, giornalisti, economisti, giuristi o anche studenti, i membri di questo Consiglio hanno sorvegliato l'insieme del processo, che comincia per lavorare su una relazione di 700 pagine preparata da un comitato. Quest'ultimo aveva sintetizzato le conclusioni della tribuna nazionale composta da 950 islandesi scelti a caso e raccolti per un giorno di dibattiti. In seguito, nell'aprile 2011, il Consiglio costituzionale ha aperto la consultazione su Internet.
Internauti islandesi o partecipanti del mondo intero, esperti o anonimi, presentano al Consiglio costituzionale le loro proposte, proposte e reclami su questo o quel tema. L'interattività ha libero corso da settimane, via Twitter, Flickr e Facebook, per commentare e discutere gli articoli del futuro testo messo in linea nel sito del governo. Migliaia di messaggi sono stati già inviati, di numerosi video inviati e visti su Youtube, segno di un reale entusiasmo per questa nuova forma di democrazia partecipativa.
Il progetto, consultabile in linea in modo permanente, resta tuttavia inquadrato da costituzionalisti tenuto conto della sua tecnicità. Dovrà essere completato durante questo mese di luglio 2011. In seguito, il testo sarà presentato a suffragio degli islandesi in occasione di un referendum, probabilmente nell'autunno. Infine, dovrebbe essere il Parlamento ad approvare la nuova costituzione, frutto di una forma nuova di democrazia partecipativa.


link per contatti
fonte

2 commenti:

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Grandi questi islandesi!

In Italia c'e' ancora il medioevo "grazie" a un popolo di dementi ed di papiminkia che ancor oggi continuano a sostenere un governo di merda che continua a far pagare i poveri per arricchire ancor di piu' i ricchi (cioe' loro stessi).

rossoallosso ha detto...

@Chiara
Dici bene,sarebbe ora che cominciassimo ad imitarli,ma col presidente Napolitano hai voglia,se lui è comunista io son il Bambin Gesù.
Disobbedienza civile, è l'unica via d'uscita,per i papiminkia se non si sono svegliati finora credo non ci sia più nulla da fare,dici che piangeranno se togliamo loro il biberon? ;-)