involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

giovedì 17 aprile 2014

l'ONU è la via perfetta per legittimare operazioni di propaganda NATO

By Andrew KORYBKO (USA) 
Segmenti della prossima relazione sui diritti umani in Crimea commissionata dalle Nazioni Unite , che verrà rilasciatoaMartedì, sono state rilasciate dalla rivista Foreign Policy, e le sue conclusioni sono tutt'altro che oggettive. Indicando ancora un altro esempio di pregiudizio istituzionale contro la Federazione Russa e dei suoi interessi, Ivan Simonovic, Assistente del Segretario Generale delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, ha riempito la cosiddetta relazione con pregiudizi, reporting ingannevoli, omissioni importanti, analisi unilaterali, in alcuni casi, addirittura false dichiarazioni. Considerando la sua storia di " valutazioni di parte, pregiudizievoli e non oggettive ", questo non dovrebbe essere una sorpresa, ma è sorprendente che tali pareri sono istituzionalizzati in rapporti di un'organizzazione nominalmente neutrale. Una breve panoramica del documento trapelato dimostrerà che alcuni "rappresentanti" delle Nazioni Unite sono più emblematici di obiettivi di informazione della NATO di quanto non siano di obiettività.
Di politica estera rapporto esclusivo sul documento inizia affrontando la presunta attività di "propaganda russa" nel periodo fino al referendum. Attraverso omissione selettiva, trascura di menzionare che la Russia ha il diritto internazionale di trasmettere i suoi media in Ucraina e la Crimea che faceva parte di quel paese,  non ha fatto eccezione. Può essere che Simonovic sia portato alla tendenza di chiamare qualsiasi supporto proveniente dalla Russia "propaganda", perché "propagandista capo" della Russia, Dmitry Kiselyov, è stato il primo giornalista a mai essere sanzionato dalla UE come punizione per aver esercitato il suo diritto alla liberta di parola (che si suppone sia anche un "valore europeo"). La relazione convenientemente dimentica di menzionare che l'Ucraina ha vietato le trasmissioni dii media russi  nel paese, una mossa che costituisce un precedente per la Lituania e le censure successive sempre a danno dei russi della Lettonia.
Il rapporto quindi sostiene sfacciatamente che gli attivisti anti-riunificazione(Crimea-Russia) sono stati "minacciati, arrestati e torturati". È interessante notare che questa affermazione esplosiva ha ricevuto scarsa eco Se ci fossero stati seria motivi credibili che determinati eventi si fossero verificati, le macchine dei media statunitensi e occidentali avrebbero munto la falsa narrazione quanto più potevano, non appena le fossero  emerse le accuse . Non è improbabile immaginare la CNN che dedica un'intera ora "indagando" (onde indottrinare il suo pubblico ) su questo argomento. Perché nulla di questo si è verificato e non ci sono prove sostanziali  per corroborare questo, è molto poco professionale per un funzionario delle Nazioni Unite  mettere queste voci in un rapporto ufficiale.
Ridicolmente, il documento continua a sostenere che "La presenza di gruppi paramilitari e i cosiddetti gruppi di auto-difesa così come soldati in uniforme con  insegne, falsamente accreditate alla Federazione russa, non creavano un ambiente  favorevole  in cui gli elettori potessero liberamente esercitare il loro diritto di opinione e il diritto alla libertà di espressione ". Ha poi l'ardire di affermare che "è ampiamente valutato che gli oratori russi non sono stati oggetto di minacce in Crimea." E sorvola senza problemi il fatto che violenti gruppi neo-nazisti sono una grave minaccia per le minoranze in Ucraina, e che il pravy sector ha direttamente minacciato l'Ucraina orientale  e la Crimea, zone in cui la minoranza russa risiede prevalentemente. Le loro dichiarazioni di intenti per attaccare altri che non sono d'accordo con loro sono ampiamente pubblicizzate su internet.

In questa luce, i gruppi paramilitari e di autodifesa sono una necessità assoluta per impedire che i nazionalisti radicali di istigare uno scoppio di violenza. E con quale prospettiva l'Ovest può de-legittimare le elezioni ? Dopo tutto,  ha unilateralmente riconosciuto l'indipendenza del Sud Sudan e in Afghanistan e le elezioni irachene sotto la stessa identica cosa, se non di più. Nonostante le bugie di Obama al contrario , i cittadini del Kosovo non hanno nemmeno la possibilità di partecipare a un referendum, non importa quanto truccato avrebbe potuto essere senza la partecipazione dei suoi abitanti nativi serbi. Dichiarazioni come "Il clima generale di incertezza ha portato alcune persone, prevalentemente tartari e ucraini etnici a lasciare la  Crimea" è giornalisticamente irresponsabile senza fornire alcun dato, mentre la  Russia può solidamente dichiarare che oltre mezzo milione di ucraini cercano rifugio all'interno del loro paese . Considerando la minaccia che i nazionalisti violenti rappresentano per la salvaguardia dei diritti umani per tutti i cittadini ucraini , è assolutamente falso per la relazione affermare che "le tensioni sono diminuite, insieme con le accuse di violazioni dei diritti umani", da quanto la giunta è salita al potere.Di fatto è vero il contrario.
Sorprendentemente, la relazione cita solo marginalmente le infami esecuzioni da parte di cecchini avvenute al culmine di EuroMaidan e utilizza una combinazione di giri di parole per portare i lettori alla conclusione che erano i Berkut  a sparare ai rivoltosi, non i mercenari sotto contratto dell' Occidente e dei leader il EuroMaidan, come è stato in seguito  rivelato . L'Ambasciatore russo Vitaly Churkin alle Nazioni Unite ha anche portato questo davanti all'Assemblea generale delle Nazioni Unite , e il Ministero degli Esteri russo ha chiesto un'indagine imparziale su ciò che realmente è accaduto. Questa omissione critica sarebbe considerata negligenza giornalistica da qualsiasi corporazione di media, ma averlo in un documento ufficiale delle Nazioni Unite, insieme a tutte le altre "scoperte" false e fuorvianti, è propaganda contro la Federazione russa.
Le Nazioni Unite non dovrebbe essere foriera di propaganda per nessuno, dato il suo stato apparentemente neutrale come entità oggettiva, così uno deve chiedersi che cosa potrebbe essere il ragionamento che sta dietro una relazione così poco professionale e di parte. A suo credito, che fa affrontare lustrazione ossessione della giunta e tattiche intimidatorie Muzychko'sthuggish, ma tali inclusioni di fatto sono troppo pochi e rari per contrastare la narrazione di anti-russa travolgente stabilito all'interno del documento. Evidente pregiudizio della relazione fa sembrare come se gli interessi informativi anti-russi della NATO si sono infiltrati delle Nazioni Unite e che l'organizzazione politico-militare sta usando i suoi agenti di influenza (in questo caso, Simonovic, la cui istituzionale lealtà è con la NATO prima e la seconda Nazioni Unite [è stato promosso alla sua attuale posizione nel 2010, un anno dopo la Croazia ha aderito alla NATO]) per promuovere la sua agenda. Infatti ed in forma, l'ONU sta rapidamente trasformando in un nido di propaganda per il vizioso informazioni avvoltoio NATO. Ammantato di falso stereotipo di imparzialità e neutralità, l'ONU è la via perfetta per legittimare operazioni di propaganda della NATO.
Andrew Korybko è studente del Master americano presso l' Università Statale di Mosca di Relazioni Internazionali s (MGIMO).               Fonte

Nessun commento: