involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

domenica 3 marzo 2019

Cosa succede all'Europa quando rallenta l'economia della Germania?

Fino a poco tempo fa, la Germania è stata il cavallo di battaglia apparentemente indistruttibile che ha allontanato l'economia europea dall'orlo del baratro e l'ha tenuta sotto controllo attraverso una miriade di pressioni interne ed esterne, nonché di crisi politiche, nell'ultimo decennio. Quale leader innegabile del blocco, il paese ha guidato e supportato piani di salvataggio per i legami più deboli dell'Eurozona, nonché una serie di politiche controverse che mirano a una maggiore centralizzazione all'interno dell'UE. Tuttavia, con le nuvole che ora si accumulano sulle prospettive economiche della Germania, le preoccupazioni sui potenziali effetti a catena sull'intera unione monetaria sono in aumento.

Falling Below Expectations

Le tensioni commerciali, la minaccia di una dura Brexit e la debole crescita dei mercati emergenti hanno contribuito a smorzare la ripresa economica della Germania durata nove anni. Il 2018 è stato un anno difficile per il terzo esportatore mondiale, poiché la Germania ha visto diminuire il suo surplus commerciale molto apprezzato. Con le importazioni che crescono più velocemente delle esportazioni, l'impatto delle dispute commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina e l'Unione europea è stato ampiamente sentito dai leader del settore.
I dati rilasciati di recente gettano anche grandi ombre sul formidabile settore manifatturiero tedesco, con una produzione industriale molto inferiore alle attese. A novembre, la produzione industriale è diminuita dell'1,9%, mentre il calo anno su anno è stato del 4,7%. Queste cifre, le peggiori dalla fine della crisi del 2008, stanno comprensibilmente facendo sorgere timori tra gli investitori e gli analisti di una prossima recessione.
Germany1.jpg
Inoltre, è improbabile che il nuovo anno porti un'inversione di fortuna per l'economia tedesca, poiché si prevede ora di espandersi ad un tasso inferiore all'1,5%, una stima rivista verso il basso da marzo. Allo stesso tempo, il sentimento sul campo da parte dei leader del settore e degli investitori si sta spostando dalla prudenza e dall'esitazione al puro pessimismo per ciò che ci aspetta. Secondo un recente sondaggio dell'associazione di categoria BVMW, il 53% delle piccole e medie imprese tedesche ritiene che il paese scivolerà in una recessione nel prossimo anno.

Fattori aggravanti

Il previsto rallentamento economico può avere gravi conseguenze in sé e per sé, tuttavia, la situazione è destinata a diventare ancora più drammatica grazie a una serie di sviluppi esterni ed interni che aggravano le pressioni. In primo luogo, poiché la Banca centrale europea (BCE) si sforza di normalizzare e irrigidire la propria direzione monetaria, il contesto estremamente accomodante che i mercati e le società hanno operato negli ultimi anni diventerà un lontano ricordo.
Le forze interne contribuiscono anche a imporre le probabilità contro l'economia tedesca, con il mercato del lavoro del paese come uno dei problemi chiave. La sempre più grave penuria di lavoratori qualificati che i datori di lavoro hanno dovuto affrontare presenta enormi ostacoli alla loro crescita ed è stata dannosa per le loro operazioni. In media, ci vogliono 100 giorni perché un'azienda riempia un posto vacante, con i settori più duramente colpiti dall'industria tecnologica, edilizia e sanità. Come mostra un nuovo rapporto dell'istituto di ricerca economica Prognos, il problema è destinato a peggiorare. Il rapporto prevede una carenza di circa 3 milioni di lavoratori qualificati entro il 2030, prevista per salire a 3,3 milioni entro il 2040. I dati demografici della Germania, in particolare i bassi tassi di natalità, sono principalmente da attribuire a questo squilibrio, poiché la prossima generazione di lavoratori non è sufficiente a sostituire la popolazione attiva che sta ora passando alla pensione. L'ondata migratoria iniziata nel 2015, nonostante le previsioni contrarie, non è riuscita a colmare tale lacuna, poiché l'integrazione nella forza lavoro è ampiamente fallita e la maggior parte dei candidati non ha le competenze linguistiche e tecniche richieste per coprire i posti vacanti.
In larga misura, la carenza di manodopera è una ferita autoinflitta per la Germania, proprio come i problemi nel settore dei servizi a lunga sofferenza. L'eccessiva regolamentazione, gli ampi interventi e le inevitabili inefficienze di un'economia pianificata centralmente stanno creando ostacoli significativi che frenano la crescita e la competitività complessiva. Requisiti eccessivamente restrittivi e imposti dallo Stato per l'accesso a varie professioni riducono drasticamente il numero di candidati idonei, rendendo ancora più difficile per i datori di lavoro riempire i posti vacanti. Inoltre, i costi esorbitanti dei datori di lavoro per la sicurezza sociale e le altre imposte, nonché le severe restrizioni sulle condizioni di licenziamento dei dipendenti, impongono un pesante onere alle aziende, in particolare a coloro che cercano di competere a livello internazionale. In altre parole, la demografia potrebbe contribuire alle sfide attuali,
Ultimo ma non meno importante, è il profilo dell'economia tedesca stessa che è problematico e rende probabile che la contea lotterà per continuare a competere in futuro come è stato fatto finora. Nonostante la retorica del cielo blu e le proposte avanzate che ascoltiamo regolarmente dal governo tedesco e dai suoi rappresentanti, la maggior parte delle idee non sono passate dalla teoria alla pratica. Il paese non è riuscito a sfruttare i suoi anni di boom per migliorare la competitività del suo settore dei servizi, modernizzare e digitalizzare aspetti chiave del suo settore industriale, avanzare sulla riforma fiscale o imporre misure significative per sostenere le sue pensioni che sono vicino al punto di rottura. In altre parole, avendo perso l'opportunità di prepararsi e pianificare in anticipo mentre ancora poteva,

Effetto domino

Il ruolo della Germania come locomotiva e leader economico dell'intero blocco è stato cruciale per l'ultimo decennio e il calendario non avrebbe potuto essere peggiore perché le crepe iniziassero a manifestarsi nella più grande economia europea. L'Eurozona nel suo insieme sta già affrontando forti venti contrari, con stime di crescita che scendono a nuovi minimi. Secondo un recente sondaggio degli economisti condotto da Consensus Economics, la crescita del PIL per il 2019 è prevista appena al di sotto dell'1,6%, ovvero dello 0,4% in meno rispetto alla precedente, più ottimistica previsione di marzo. Questo sarebbe il secondo calo consecutivo annuale, con i dati sulla crescita per il 2018 previsti all'1,9%, molto al di sotto del robusto 2,4% registrato nel 2017.
Anche le pressioni periferiche, sia economiche che politiche, abbondano. La Francia, un tempo alleato politico affidabile in Germania e una forte presenza economica nell'Unione, è gravemente indebolita da disordini interni e pubblica perdita di fiducia nel governo, mentre il suo settore privato è scivolato in una contrazione per la prima volta dal 2016. Austria , anche un ex sostenitore delle iniziative tedesche nell'UE si è a lungo spostato su una posizione più critica, opponendosi ferocemente alle proposte di migrazione guidate dalla Germania e schierandosi invece con Ungheria, Polonia e altri Stati membri che la pensano allo stesso modo. Nel frattempo, la prospettiva di una Brexit "senza accordo", una volta impensabile per Bruxelles, sta lentamente prendendo fuoco, così come le sue implicazioni economiche per il blocco.
Sullo sfondo delle tensioni sociali e politiche che si sono prodotte in tutto il continente da oltre due anni, le elezioni del Parlamento europeo che si terranno nel maggio di quest'anno suscitano anche timori di una "rimonta" euroscettica. Profonde divisioni e una cronica mancanza di dialogo aperto hanno significativamente indebolito la coesione sociale in Europa, attenuando la voce dell'individuo e spostando il potere sulle strutture di gruppo e coltivando le identità collettive. I dibattiti su questioni politiche ed economiche vitali sono stati in gran parte ridotti a semplicistiche, populiste e gradevoli esibizioni, poiché l'interesse del pubblico per la politica e la fiducia nei politici è precipitato. Il "Yellow Vest" (link to previous article), recentemente scoppiato, ha ispirato proteste che sono iniziate in Francia ma si sono diffuse in tutto il continente,
Complessivamente, sembrerebbe che la Germania agisca come la corda che mantiene unito il blocco e se dovesse rompersi, potrebbero emergere molteplici sfide, minacciando il futuro dell'Eurozona e la coesione dell'UE. A causa delle crescenti frizioni politiche e del previsto rallentamento economico, le prospettive per i mercati europei e per l'euro sono tutt'altro che incoraggianti.

Nessun commento: