involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

venerdì 28 febbraio 2014

Disinformazone.com,Venezuela ma non solo

 


 Venezuela e Twitter, l’orgia di disinformazione
 

di Pascual Serrano (*)
 

In principio  fu internet, poi le reti sociali.
 

La conclusione sembrava  indiscutibile, era arrivata la democratizzazione dell’informazione.
 

Noi cittadini, vigilanti, testimoni, armati delle nostre diavolerie tecnologiche e della nostra connessione a internet mobile a banda larga avevamo sconfitto l’oligopolio dei grandi mezzi di informazione e avremmo messo fine alle loro manipolazioni e agli interessi che condizionavano il giornalismo.
 

Il giornalismo dei cittadini, prima con i suoi blogs e ora con le sue reti sociali, avrebbe portato nelle nostre case la realtà senza le mediazioni perverse delle società di comunicazione. 
 

In effetti la diagnosi sul potere e sull’uso della manipolazione da parte dei grandi media era corretta; ma l’illusione che saremmo arrivati a conoscere la verità attraverso la partecipazione di massa dei cittadini e tutto il potenziale tecnologico sembra sia stata appunto un’illusione.
 

Un’altra volta ancora il Venezuela è diventato il banco di prova delle nuove tentenze (dis)informative.
 

Gli scontri tra oppositori al governo di Nicolàs Maduro e i suoi difensori, e la violenza scatenata, hanno avuto un riflesso sulle reti sociali, in particolare su Twitter, che ci mostra fino a che punto internet e le reti sociali possono trasformarsi in un letamaio grazie all’intervento di militanti paranoici e di campagne dirette da mani occulte. 
 

Vecchie foto e fatti avvenuti in tutt’altre parti del mondo hanno nutrito una montagna di menzogne, dove è più faticoso smentire le bugie che raccontare la verità. 
 

La violenza e la repressione poliziesca hanno avuto un protagonismo speciale. Sono state presentate immagini della polizia che reprimeva nello Stato venezuelano di Mèrida che  risalivano all’anno 2010  e di un corpo di polizia che oggi non esiste più. O di studenti che manifestavano contro il governo cileno nel 2012. 
 


Non potevano mancare immagini di violenza sessuale, sempre di grande successo. E’ stata diffusa una foto di un poliziotto che obbliga uno studente ad un rapporto orale, ma si tratta di una scena che viene da un sito web pornografico. 
 

Hanno anche presentato come studenti morti a Maracay una dozzina di cadaveri di siriani ad Aleppo del 2012. 
 

Non capita solo ai brasiliani, ai cileni ed ai siriani di avere una seconda opportunità di essere protagonisti in Venezuela, ma anche il cittadino basco Unai Romano - con il viso deformato dalle lesioni dopo esser passato per la caserma della Guardia Civile spagnola nel 2001, accusato di appartenere all’ETA – ha finito per essere presentato come vittima della tortura del “regime” venezuelano. 
 



immagine sopra postata su twitter feb.2014


 foto a destra ripresa da PeaceReporter del

 28/05/2009








Oltre alla repressione, bisognava presentare alcune condizioni del paese che potessero giustificare questa “ribellione” contro il governo di Maduro. Si afferma così che nell’Ospedale Centrale di Maracay la situazione è tanto precaria che i neonati vengono messi in ceste di plastica e si uniscono le foto, che poi risultano essere state scattate in Honduras nel 2012. 
 

Quanto all’appoggio di masse dei cittadini alle mobilitazioni contro il governo, sono state diffuse immagini della catena umana che manifestava a favore dell’indipendenza della Catalogna (Spagna) dicendo che si trattava di Tàchira (Venezuela). 
 

Possiamo assistere, sulle reti, a ragionamenti piuttosto limitati mentalmente per dimostrare la propria tesi.
 

Pensavamo che le reti sociali avrebbero significato la democratizzazione dell’informazione ma, disgraziatamente, quello che hanno democratizzato è la disinformazione.
 

Tutto questo succede in Twitter, dove la maggioranza degli utenti mette i suoi twits in chiaro.In circoli più chiusi come Facebook, abbiamo paura che la spirale endogamica disinformativa tra affini possa arrivare al parossismo. Già qualcuno ha detto che ‘in tempi di inondazioni, l’acqua potabile scarseggia’. Forse questo sta accadendo con la super-informazione.

E’ ormai il momento di imparare ad essere molto più diffidenti e selettivi.
 

Senza dubbio la verità sta qui: c’è stato un tempo in cui, tramite la censura, ce la nascondevano; adesso, tramite l’eccesso di informazione, la sotterrano.
 

Nello stesso modo in cui i nostri padri e i nostri nonni impararono a burlare quella censura, noi dobbiamo imparare a ripulire la menzogna.
 

(*) Giornalista spagnolo; da: eldiario.es; 17.2.2014 
 

 

giovedì 27 febbraio 2014

ARSENI YATSENIUK il nuovo candidato UE per l'Ucraina

Arseni Yatseniuk (con gli occhiali nella foto) il candidato UE per la presidenza in Ucraina si presenta così:


UN'ALTRO AMICO DELLA NATO,USA,UE con pieni poteri ora in UCRAINA
VIDEO della Scheggia impazzita Aleksandr Muzychko, alias Sashko Bilyi, terrorista jihadista filo-Ceceno, reduce della guerra in Cecenia, Durante la Quale SI Vanta di Aver ucciso numerosi Soldati russi e distrutto diversi carri Armati di Mosca, Durante Una Riunione del Consiglio della Regione di Rovno, colomba Minaccia i Consiglieri con mitra e Altre Armi. La vita di MOLTI ucraini é Nella disponibilita dei capricci di QUESTO delinquente folle.
 

NOTAV-Appello dai familiari di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò

In queste settimane avete sentito parlare di loro. Sono le persone arrestate il 9 dicembre con l’accusa, tutta da dimostrare, di aver assaltato il cantiere Tav di Chiomonte. In quell’assalto è stato danneggiato un compressore, non c’è stato un solo ferito. Ma l’accusa è di terrorismo perché “in quel contesto” e con le loro azioni presunte “avrebbero potuto” creare panico nella popolazione e un grave danno al Paese. Quale? Un danno d’immagine. Ripetiamo: d’immagine. L’accusa si basa sulla potenzialità di quei comportamenti, ma non esistendo nel nostro ordinamento il reato di terrorismo colposo, l’imputazione è quella di terrorismo vero e volontario. Quello, per intenderci, a cui la memoria di tutti corre spontanea: le stragi degli anni 70 e 80, le bombe sui treni e nelle piazze e, di recente, in aeroporti, metropolitane, grattacieli. Il terrorismo contro persone ignare e inconsapevoli, che uccideva, che, appunto, terrorizzava l’intera popolazione. Al contrario i nostri figli, fratelli, sorelle hanno sempre avuto rispetto della vita degli altri. Sono persone generose, hanno idee, vogliono un mondo migliore e lottano per averlo. Si sono battuti contro ogni forma di razzismo, denunciando gli orrori nei Cie, per cui oggi ci si indigna, prima ancora che li scoprissero organi di stampa e opinione pubblica. Hanno creato spazi e momenti di confronto. Hanno scelto di difendere la vita di un territorio, non di terrorizzarne la popolazione. Tutti i valsusini ve lo diranno, come stanno continuando a fare attraverso i loro siti. E’ forse questa la popolazione che sarebbe terrorizzata? E può un compressore incendiato creare un grave danno al Paese?
Le persone arrestate stanno pagando lo scotto di un Paese in crisi di credibilità. Ed ecco allora che diventano all’improvviso terroristi per danno d’immagine con le stesse pene, pesantissime, di chi ha ucciso, di chi voleva uccidere. E’ un passaggio inaccettabile in una democrazia. Se vincesse questa tesi, da domani, chiunque contesterà una scelta fatta dall’alto potrebbe essere accusato delle stesse cose perché, in teoria, potrebbe mettere in cattiva luce il Paese, potrebbe essere accusato di provocare, potenzialmente, un danno d’immagine. E’ la libertà di tutti che è in pericolo. E non è una libertà da dare per scontata.
Per il reato di terrorismo non sono previsti gli arresti domiciliari ma la detenzione in regime di alta sicurezza che comporta l’isolamento, due ore d’aria al giorno, quattro ore di colloqui al mese. Le lettere tutte controllate, inviate alla procura, protocollate, arrivano a loro e a noi con estrema lentezza, oppure non arrivano affatto. Ora sono stati trasferiti in un altro carcere di Alta Sorveglianza, lontano dalla loro città di origine. Una distanza che li separa ancora di più dagli affetti delle loro famiglie e dei loro cari, con ulteriori incomprensibili vessazioni come la sospensione dei colloqui, il divieto di incontro e in alcuni casi l’isolamento totale. Tutto questo prima ancora di un processo, perché sono “pericolosi” grazie a un’interpretazione giudiziaria che non trova riscontro nei fatti.
Questa lettera si rivolge:
Ai giornali, alle Tv, ai mass media, perché recuperino il loro compito di informare, perché valutino tutti gli aspetti, perché trovino il coraggio di indignarsi di fronte al paradosso di una persona che rischia una condanna durissima non per aver trucidato qualcuno ma perché, secondo l’accusa, avrebbe danneggiato una macchina o sarebbe stato presente quando è stato fatto..
Agli intellettuali, perché facciano sentire la loro voce. Perché agiscano prima che il nostro Paese diventi un posto invivibile in cui chi si oppone, chi pensa che una grande opera debba servire ai cittadini e non a racimolare qualche spicciolo dall’Ue, sia considerato una ricchezza e non un terrorista.
Alla società intera e in particolare alle famiglie come le nostre che stanno crescendo con grande preoccupazione e fatica i propri figli in questo Paese, insegnando loro a non voltare lo sguardo, a restare vicini a chi è nel giusto e ha bisogno di noi.
Grazie
I familiari di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò


Indirizzi in carcere dei 4 giovani No Tav (11 Febbraio 2014)



Claudio Alberto

Casa Cincondariale
Via Arginone, 327
44122 Ferrara



Chiara Zenobi

Casa Circondariale Rebibbia
via Bartolo Longo, 92
00156 Roma

Mattia Zanotti e Niccolò Blasi

Casa di Reclusione
Via Casale San Michele, 50
15100 Alessandria

Scriviamo loro presto e con assiduità!

Ricordiamo, se si vuole ricevere risposta, di scrivere il mittente

domenica 23 febbraio 2014

A.Einstein,perchè il socialismo,analisi sul materialismo scientifico

Perché il socialismo?
di Albert Einstein
E' prudente per chi non sia esperto in materia economica e sociale esprimere opinioni sul problema del socialismo? Per un complesso di ragioni penso di sì.

Consideriamo dapprima la questione dal punto di vista della conoscenza scientifica. Potrebbe sembrare che non vi siano essenziali differenze di metodo tra l'astronomia e l'economia: in entrambi i campi gli scienziati tentano di scoprire leggi generalmente accettabili per un gruppo circoscritto di fenomeni, allo scopo di rendere il più possibile comprensibili le connessioni tra questi stessi fenomeni. Ma in realtà tali differenze di metodo esistono. La scoperta di leggi generali nel campo economico è resa difficile dal fatto che i fenomeni economici risultano spesso influenzati da molti fattori difficilmente valutabili separatamente. Inoltre l'esperienza accumulata dal principio del cosiddetto periodo civile della storia umana è stata, come ben si sa, largamente influenzata e limitata da cause che non sono di natura esclusivamente economica.

Molti dei maggiori Stati, per esempio, dovettero la loro esistenza a conquiste. I conquistatori si stabilirono, giuridicamente ed economicamente, come classe privilegiata nel Paese conquistato. Essi si presero il monopolio della proprietà terriera e formarono un sacerdozio con uomini della loro classe. I preti, avendo il controllo dell'educazione, trasformarono la divisione in classi della società in un'istituzione permanente e crearono un sistema di valori dal quale, da allora in poi, il popolo si lasciò in gran parte inconsciamente guidare nella sua condotta sociale.

Ma la tradizione storica è, per così dire, di ieri; oggi noi abbiamo realmente superato quella che Thorstein Veblen chiamò la "fase predatoria" dello sviluppo umano. I fatti economici osservabili appartengono a quella fase e anche le leggi che noi possiamo ricavare non sono applicabili alle altre fasi. Poiché il vero scopo del socialismo è precisamente di superare e andare al di là della fase predatoria dello sviluppo umano, la scienza economica nelle sue attuali condizioni può gettare ben poca luce sulla società socialista del futuro.

In secondo luogo, il socialismo mira ad un fine etico-sociale. La scienza, viceversa, non può creare fini, e ancormeno imporli agli esseri umani; essa, al massimo, può fornire i mezzi con cui raggiungere certi fini. Questi sono concepiti da persone con alti ideali etici e se essi non sono sterili, ma vitali e forti, sono assunti e portati avanti da quella larga parte dell'umanità che, per metà inconsciamente, determina la lenta evoluzione della società.
Per queste ragioni, noi dovremmo guardarci dal sopravvalutare la scienza e i metodi scientifici quando si tratta di problemi umani; e non dovremmo presumere che gli esperti siano i soli che hanno il diritto di esprimersi su questioni che concernono l'organizzazione della società.

Da un po' di tempo innumerevoli voci asseriscono che la società sta attraversando una crisi, che la sua stabilità è stata gravemente scossa. Caratteristica di questa situazione è che gli individui si sentano indifferenti e persino ostili al gruppo, sia esso grande o piccolo, cui appartengono. Per illuminare questo concetto, ricorderò un'esperienza personale. Recentemente discutevo con un uomo intelligente e di larghe vedute sulla minaccia di una nuova guerra che, a mio giudizio, porterebbe gravi danni all'esistenza del genere umano, e facevo notare che solo un'organizzazione internazionale potrebbe proteggerci da questo pericolo. Allora il mio interlocutore, con molta calma e freddezza mi disse: "Perché siete così profondamente contrario alla scomparsa della razza umana?". lo sono sicuro che solo un secolo fa nessuno avrebbe fatto con tanta leggerezza una dichiarazione di questo genere. E' la dichiarazione di un uomo che si è sforzato di raggiungere il suo equilibrio interno e ha più o meno perduto la speranza di riuscirvi. E' l'espressione di una penosa solitudine e di un isolamento di cui molti soffrono. Quale ne è il motivo? C'è una via d'uscita?

E' facile sollevare queste questioni, ma difficile rispondervi con un certo grado di sicurezza. Tenterò tuttavia, come meglio posso, sebbene sappia che i nostri sentimenti e i nostri sforzi siano spesso contradditori e oscuri e non possano essere espressi in formule semplici e chiare.
L'uomo è, nello stesso tempo, un essere solitario e sociale. Come essere solitario, egli tenta di proteggere la sua esistenza e quella di coloro che gli sono vicini, di soddisfare i suoi desideri personali e di sviluppare le sue innate capacità. Come essere sociale, egli cerca di guadagnarsi la stima e l'affetto degli altri esseri umani, di partecipare alle loro gioie, di confortarli nei loro dolori e di migliorare le loro condizioni di vita.

Solo l'esistenza di questi vari e spesso contradditori sforzi dà ragione del particolare carattere di un uomo, e le loro speciali combinazioni determinano in quale grado un individuo possa raggiungere un equilibrio profondo e contribuire al benessere della società. E' possibile che la relativa forza di questi due indirizzi sia in gran parte determinata dall'eredità. Ma la personalità che emerge alla fine è largamente formata dall'ambiente nel quale accade che l'uomo si trovi durante il suo sviluppo, dalla struttura sociale in cui cresce, dalle tradizioni di quella società e dal suo giudizio sui particolari tipi di comportamento. L'astratto concetto di "società" significa per l'essere umano individuale la somma totale dei suoi rapporti diretti e indiretti con i suoi contemporanei e con tutti gli uomini delle precedenti generazioni.

L'individuo è in grado di pensare, sentire, lottare e lavorare da solo; ma è tale la sua dipendenza dalla società, nella sua esistenza fisica, intellettuale ed emotiva, che è impossibile pensare a lui o comprenderlo fuori dalla struttura della società. E' la "società" che provvede l'uomo del cibo, dei vestiti, della casa, degli strumenti di lavoro, della lingua, delle forme di pensiero e della maggior parte dei contenuti del pensiero; la sua vita è resa possibile dal lavoro e dalle realizzazioni dei molti milioni di uomini, passati e presenti, che si nascondono dietro la piccola parola "società".

E' evidente perciò che la dipendenza dell'individuo dalla società è un fatto di natura che non può essere abolito; proprio come nel caso delle formiche e delle api. Tuttavia, mentre l'intero processo della vita delle formiche e delle api è fissato fin nei più piccoli dettagli dai rigidi istinti ereditari, il modello sociale e le relazioni tra gli esseri sociali sono molto variabili e suscettibili di mutamenti. La memoria, la capacità di nuove combinazioni, il dono della comunicazione verbale hanno reso possibili tra gli essere umani sviluppi che non sono dettati da necessità fisiologiche. Tali sviluppi si manifestano in tradizioni, istituzioni e organizzazioni, nella letteratura, nel perfezionamento scientifico e costruttivo, in opere d'arte. Questo spiega come accade che, in un certo senso, l'uomo possa influenzare la propria vita con la sua condotta, e che in quel processo possano avere una parte il pensiero e la volontà consapevoli.

L'uomo acquista dalla nascita, per eredità, una costituzione biologica che dobbiamo considerare inalterabile e fissa, che contiene gli impulsi naturali caratteristici della specie umana. Inoltre, nel corso della sua vita, egli acquista un abito culturale che riceve dalla società per mezzo di un complesso di rapporti e di molte altre specie di influenze. Questo abito culturale, col passare del tempo, è soggetto a mutamento e determina in grado molto elevato le relazioni tra l'individuo e la società. Su questo possono poggiare le loro speranze coloro che lottano per migliorare il destino dell'uomo; gli esseri umani non sono condannati, a causa della loro costituzione biologica, ad annientarsi l'un l'altro o a essere alla mercé di un destino crudele.

Se ci domandiamo come la struttura della società e l'atteggiamento culturale dell'uomo dovrebbero essere modificati al fine di rendere la vita umana quanto più possibile soddisfacente, dobbiamo essere costantemente consci che vi sono certe condizioni che non possono essere modificate. Come ho già detto, la natura biologica dell'uomo non è soggetta a mutamenti, almeno praticamente. Inoltre, gli sviluppi tecnologici e demografici degli ultimi secoli hanno creato condizioni destinate a durare. In popolazioni stabili e di densità relativamente elevata, con i beni indispensabili alla loro esistenza, sono assolutamente necessari un'estrema divisione del lavoro e un sistema produttivo altamente centralizzato. Il tempo, ai nostri occhi così idillico, in cui gli individui o gruppi relativamente piccoli potevano essere completamente autosufficienti, è passato per sempre. E' appena una lieve esagerazione affermare che il genere umano costituisce fin d'ora una comunità planetaria di produzione e di consumo.

Eccomi giunto al punto in cui mi è possibile indicare brevemente che cosa per me costituisca l'essenza della crisi del nostro tempo. L'individuo è divenuto più che mai consapevole della sua dipendenza dalla società. Questa dipendenza però egli non la sente come positiva, come un legame organico, come un fatto produttivo, ma piuttosto come una minaccia ai suoi diritti naturali o anche alla sua esistenza economica. Inoltre, la sua posizione nella società è tale che gli impulsi egoistici del suo carattere vanno costantemente aumentando, mentre i suoi impulsi sociali, che sono per natura più deboli, vengono di mano in mano deteriorandosi. Tutti gli esseri umani, qualunque sia la loro posizione nella società, sono danneggiati da questo processo di deterioramento. Inconsciamente prigionieri del loro egoismo, essi si sentono malsicuri, soli e privi dell'ingenua, semplice e non sofisticata gioia della vita. L'uomo può trovare un significato alla vita, breve e pericolosa com'è, solo votandosi alla società.

L'anarchia economica della società capitalistica, quale esiste oggi, è secondo me la vera fonte del male. Vediamo di fronte a noi un'enorme comunità di produttori, i cui membri lottano incessantemente per privarsi reciprocamente dei frutti del loro lavoro collettivo, non con la forza ma, complessivamente, in fedele complicità con gli ordinamenti legali. Sotto questo punto di vista è importante comprendere che i mezzi di produzione -vale a dire tutta la capacità produttiva che è necessaria sia per produrre beni di consumo quanto per produrre capitale addizionale- può essere legalmente, e per la maggior parte dei casi è, proprietà dei singoli individui.

Per semplicità, nella discussione che segue, io chiamerò "lavoratori" tutti coloro che non partecipano alla proprietà dei mezzi di produzione, sebbene ciò non corrisponda all'uso abituale del termine. Il proprietario dei mezzi di produzione è in grado di comperare il potere-lavoro del lavoratore. Usando i mezzi di produzione, il lavoratore produce nuove merci che divengono proprietà del capitalista. Il punto essenziale di questo processo è la relazione tra ciò che il lavoratore produce e la misura in cui viene pagato, misurando entrambe le cose in termini di valore reale. Dal momento che il contratto di lavoro è "libero", ciò che il lavoratore percepisce è determinato non dal valore delle merci che produce, ma dalle sue esigenze minime e dalla richiesta capitalistica di potere-lavoro, in relazione al numero dei lavoratori che sono in concorrenza tra di loro per i posti di lavoro. E' importante comprendere che anche in teoria il pagamento del lavoratore non è determinato dal valore del suo prodotto.

Il capitale privato tende a essere concentrato nelle mani di una minoranza, in parte a causa della concorrenza tra i capitalisti e in parte per il fatto che lo sviluppo tecnologico e la crescente divisione del lavoro incoraggiano la formazione di più larghe unità di produzione a spese delle più piccole. Il risultato di questo sviluppo è un'oligarchia del capitale privato, il cui enorme potere non può essere effettivamente arrestato nemmeno da una società politica democraticamente organizzata. Ciò è vero dal momento che i membri dei corpi legislativi sono scelti dai partiti politici, largamente finanziati o altrimenti influenzati dai privati capitalisti che, a tutti gli effetti pratici, separano l'elettorato dalla legislatura.

La conseguenza si è che di fatto i rappresentanti del popolo non proteggono sufficientemente gli interessi degli strati meno privilegiati della popolazione. Inoltre, nelle condizioni esistenti, i capitalisti privati controllano inevitabilmente, in modo diretto o indiretto, le principali fonti d'informazione (stampa, radio, insegnamento). E' così estremamente difficile, e in realtà nella maggior parte dei casi del tutto impossibile, che il cittadino privato giunga a oggettive conclusioni e a fare un uso intelligente dei suoi diritti politici.

La dominante in un'economia fondata sulla proprietà privata del capitale è caratterizzata da due principi basilari: primo i mezzi di produzione (il capitale) sono posseduti da privati e i proprietari ne dispongono come meglio credono; secondo, il contratto di lavoro è libero. Naturalmente una società capitalistica pura, in questo senso non esiste. In particolare si dovrebbe notare che i lavoratori, attraverso lunghe e dure lotte politiche, sono riusciti ad assicurare per certe loro categorie una forma alquanto migliorata di "libero contratto di lavoro". Ma, presa nell'insieme, l'economia odierna non differisce dal "puro" capitalismo.

Si produce per il profitto, non già per l'uso. Non esiste alcun provvedimento per garantire che tutti coloro che sono atti e desiderosi di lavorare siano sempre in condizioni di trovare un impiego; un "esercito di disoccupati" esiste quasi in permanenza. Il lavoratore vive nel costante timore di perdere il suo impiego. Poiché i disoccupati e i lavoratori mal retribuiti non rappresentano un mercato vantaggioso, la produzione delle merci per il consumo è limitata, con conseguente grave danno. Il progresso tecnico spesso si risolve in una maggiore disoccupazione, piuttosto che in un alleggerimento del lavoro per tutti. Il movente dell'utile, insieme con la concorrenza tra i capitalisti, è responsabile dell'instabilità nell'accumulazione e nell'utilizzazione del capitale, destinata a portare a crisi sempre più gravi. Una concorrenza illimitata porta a un enorme spreco di lavoro e a quel deterioramento della coscienza sociale degli individui cui ho prima accennato.

Questo avvilimento dell'individuo io lo considero il maggior male del capitalismo. Tutto il nostro sistema educativo ne è danneggiato. Un'attitudine competitiva esagerata viene inculcata allo studente, così condotto, come preparazione alla sua futura carriera, ad adorare il successo.

Sono convinto che vi sia un solo modo per eliminare questi gravi mali: la creazione di una economia socialista, accompagnata da un sistema educativo volto a fini sociali. In una tale economia i mezzi di produzione sono di proprietà della società e vengono utilizzati secondo un piano. Un'economia pianificata che adatti la produzione alle necessità della comunità, distribuirebbe il lavoro tra tutti gli abili al lavoro e garantirebbe i mezzi di sussistenza a ogni uomo, donna e bambino.

L'educazione dell'individuo, oltre che incoraggiare le sue innate qualità, dovrebbe proporsi di sviluppare il senso di responsabilità verso i suoi simili, invece dell'esaltazione del potere e del successo che è praticata dalla nostra attuale società.

E' tuttavia necessario ricordare che un'economia pianificata non è ancora socialismo. Un'economia pianificata come questa può essere accompagnata dal completo asservimento dell'individuo. Il raggiungimento del socialismo richiede la soluzione di alcuni problemi politico-sociali estremamente difficili: come è possibile in vista di una centralizzazione di vasta portata del potere politico ed economico, impedire che la burocrazia divenga potente e prepotente? Come possono essere protetti i diritti dell'individuo ed essere con ciò assicurato un contrappeso democratico alla potenza della burocrazia?

A.Einstein,MonthlyReview,maggio '49

sabato 22 febbraio 2014

Francesco Cardovino,operaio e vecchio quadro marxista leninista

Francesco Cardovino,operaio e vecchio quadro marxista leninista
 IMG4 PDF della lettera dei partigiani marxisti leninisti contro il revisonismo
Riflessioni:
 L’anno millenovecentosessantatre posso definirlo che per me é stato un anno decisivo ben messo su due ragioni: la prima, quella di vedere vincere il pci per una risposta storica dopo il fascismo; la seconda molto più importante della prima giacché dopo averlo scoperto partito non più della classe operaia e delle masse lavoratrici. Dopo la caduta di Tambroni che ha fatto il colpo di Stato, per buttarlo giù il pci e il sindacato ha chiamato la classe operaia, le masse lavoratrici a scioperare. Le forze poliziesche per la difesa e la sicurezza dello Stato borghese, l’8 luglio fecero undici morti in tutta Italia ma altre poi ne seguirono per i feriti gravi. Quell’8 luglio a Palermo nel primo pomeriggio arriva la notizia nei cantieri del colpo di Stato. Tambroni ha fatto il colpo di Stato, e il sindacato chiama allo sciopero gli operai. Gli operai han capito di che cosa si trattava precipitosamente lasciano il lavoro e vanno in centro per manifestare contro. La polizia da inizio a sbarrare la strada e sparare lacrimogeni. Non era sufficiente a intimidire allora sparano dei colpi di arma da fuoco. Dei tiratori scelti spara all’altezza d’uomo cade il compagno Francesco Vella colpito in fronte e un giovane, e ancora altri feriti. I compagni e i lavoratori e tutti gli scioperanti volevano arrivare non so dove, “un casino” ma certamente l’obiettivo era là, dove stanno i poteri per la difesa della borghesia. Mentre ci si avviava per la destinazione confusa i federali del PCI sulle camionette della polizia che urlavano di andare a casa,che Tambroni era caduto, quindi non ai lavoratori, agli scioperanti, ai caduti, l’onore di aver fatto cadere il governo fascista di Tambroni, ma al parlamento della repubblica democratica borghese; nessuna protesta efficace contro gli assassini dei lavoratori e dei compagni ovvero questi sono stati onorati del loro crimine con le medaglie. La campagna elettorale del millenovecentosessantatre a Palermo l’ha aperta Togliatti. Al fine comizio ci arriva l’ordine di fare un cordone per evitare cattive sorprese che la massa di gente gli si buttasse addosso a Togliatti. Fatto il cordone, abbiamo resistito con la schiena spezzata alla pressione di quei potenziali elettori del Pci. Avevamo la schiena spezzata e resistevamo ma l’onorevole Speciale non contento, chiama i carabinieri a proteggere il numero uno del Pci. Tutti noi ci siamo rimasti mali.
Verso la fine della campagna elettorale lo scrivente fui minacciato da persone di dubbia morale e appartenenza  e da vari  galoppini che non dovevo più fare con intransigenza la campagna elettorale, la federazione mi venne in soccorso per procedere in modo tranquillo.
Con i risultati delle elezioni l’Unità a grande titolo in rosso scrive “VITTORIA!!!”come se si fosse conquistato la maggioranza e il potere. Con il raffreddamento del clima politico, si è capito che era una vittoria di Pirro. A quel punto mi resi conto che qualcosa non andava e toccava a me capire cosa non andava.  Un giorno qualsiasi di quell’anno,tiro da  un cassetto per prendere un documento che era arrivato quasi alla fine della campagna elettorale, desideroso di capire cosa c’era scritto. Dalla lettura di  quel volantino iniziai a prendere dei contatti e conscio del mio sapere prese una decisione facendo una scelta netta. Mi son dimesso da segretario, sono uscito dal Pci e rinunciai cosi  alla  scuola di partito (ndr le Frattocchie) con la convinzione certa che se il Pci é revisionista, la sua scuola é revisionista e non più per il potere alla classe operaia, al proletariato, e per il socialismo. Nell’insieme non era più per la rivoluzione, così mi son predisposto ad aiutare agli altri compagni a capire cosa stesse succedendo e che fine avremmo fatto.
Verso la fine del millenovecentosessantatre mi arriva a casa una lettera stampata dei partigiani m-l mi son reso conto che io ho fatto una scelta giusta. Mi son messo a cercare compagni a discutere a dibattere. Con un po’ di pazienza sono stato utile a mettere su un gruppo di compagni a Palermo. La mancanza di lavoro mi ha spinto a emigrare, inizialmente e per quasi due anni sono stato in provincia di Milano. Una piccola provincia ,Villa Cortese. In virtù di altre necessità di vita, mi trasferì a Torino. A Torino fu molto più facile cercare e a trovare i compagni e a costruire qualcosa di buono ma il tempo non era nostro favore: il trozkismo con la tendenza revisionistica prese campo sino alla social democrazia di destra per arrivare  cosi al compromesso storico, che nella sua sostanza risulta essere una posizione di socialdemocrazia estrema e conciliatoria altamente  antioperaia e contro il socialismo. Devo dire che non siamo riusciti a creare un’organizzazione per via della delusione delle masse e degli operai che ormai nulla poteva più  fare per cambiare. Oggi posso dire che di traditori e ipocriti ne ho visti tanti che non sto qui a elencare, perché l’elenco é molto lungo.

giovedì 13 febbraio 2014

NO TAV,ragazzina undicenne stronca carabiniere

Scuola media di un paese della bassa Valle di Susa.
Una mattina come tante: campanella, tutti in classe, e mentre si chiacchera arriva il prof. “Oggi niente lezione, si va in palestra ad ascoltare l’arma dei carabinieri”
E così ci si “intruppa” e si prende posto.
Il carabiniere relatore spiega nei dettagli quanto bene fanno alla popolazione, spiega cos’è il bullismo e come loro possono intervenire in simili casi, che la loro missione è quella di aiutare i più deboli e fermare i cattivi, infine un bel video dove si vedono volanti sgommare, cattivoni arrestati e bambini salvati.
Tutto sembra finito nei migliori dei modi…ma c’è un ma. Perchè i bambini possono fare delle domande e la prima domanda la fa una piccola bambina che frequenta la prima media (11 anni!) che molto candidamente dice “Voi dite che fate tanto bene, ma in questa Valle io so che picchiate e manganellate i no tav, a me non sembra che facciate tutto sto bene”
Al che il carabiniere si dimostra per quello che è, e al posto di chiudere la questione con una battuta inizia un lungo panegirico contro i no tav: sono “disobbidienti” (usa prorpio questo termine) “non ascoltano come quando un bambino non ascolta la mamma” e in un crescendo wagneriano inizia a raccontare che si camuffano, tirano pietre e bombe, attaccano le reti e che fanno cose illegali e quest’ultima parola la ripete più volte.
La bambina ascolta, poi finito il panegirico, si ritrova ancora il micorfono in mano e allora ribatte “ma a me sembra che i primi ad essere illegali siete voi. Sparate dei gas lacrimogeni che sono vietati da tutto il mondo, proprio voi che dovreste essere legali” A quel punto succede quello che non ti aspetti.
Succede che tutti i bambini si mettono ad applaudire e osanarre la piccola bambina di prima e che il carabiniere non riesce più a parlare.
Lei in tutto quel clamore scoppia a piangere per l’emozione, mentre i tutti i bambini li sono adosso: chi  fa i complimenti, chi l’abbraccia, chi gli dice che è una piccola eroina.
Nelle ore dopo non si parla di altro. Della “primina” che ha azzitito il carabiniere
Vi assicuro che è’ tutto vero! raccontato dai diretti interessati.
FONTE 

domenica 9 febbraio 2014

E-mail spedita da operaio ventiduenne ......

...al rappresentante sindacale CGIL dell'azienda in cui opera

 

 

Lettera di Davide ai corinzi


Enrico Davide De Zan 




Questa Mail vuole essere una provocazione, un esplicazione, un invito e una sottile linea rossa.
Verrò ora a spiegare con rammarico, con rabbia e forse con molta presunzione i motivi che spingono le persone dotate di capacità intellettive a mordere i calcagni della rappresentazione sindacale cgil e perchè mi spiace molto vedere la vostra lista che prende o perde voti in universo cedevole.
Ignoriamo certi personaggi, ignoriamo certi fatti e passiamo al primo punto TESSERAMENTO CGIL
La tessera in questo mondo di UPVOTE di MIPIACE è un male tumorale assoluto, ho assistito a politici dire a rappresentanti delle piccole medie industrie che non avevano i CONSENSI.
Questo ovviamente non ha alcun senso, noi non siamo bisognosi di consensi... eppure far vedere alle persone che pochi hanno le tessere e che diminuiscono spingono le persone schiave di questo sistema di vita a credere che la cgil siano 4 gatti, cosa non solo sciocca ma dubbia oltremodo visto che essa rappresenta i lavoratori in todo.. e qui passiamo al punto due...
Quando votiamo che mocassini devono portare i sindacalisti alle riunioni, il numero di matite, le stupidaggini ufficiali e chi va a dire cosa Come stipulato allora ha molto senso far votare solo i tesserati... ma quando la decisione del voto rappresenta due linee di COMBATTIMENTO per la propria vita ( essì lavorare è la vita di tutti noi, nel bene e nel male)
non possiamo chiedere solo ai tesserati di votare, non solo per motivi ETICI, ma perchè se fino ad ora si è fatto come era intenzione di continuare a fare nella lista numero uno, allora tutti coloro che hanno lasciato le tessere perchè non ne potevano più non possono ora votare la lista nuova e più attiva,,, Sì, COLORO CHE HANNO LE TESSERE SARANNO PIù PORTATI A VOTARE IL PRIMO DOCUMENTO CHE NON IL SECONDO PERCHè ALTRIMENTI PER COERENZA AVREBBERO GIà LASCIATO LA TESSERA.
C è un male molto brutto sai? Un male che deve essere estirpato... quello che la politica e i rappresentanti siano idioti.
Loro non sono affatto negligenti o sciocchi, loro sanno benissimo quello che fanno.
Una cosa che hanno capito in pochi nella storia è che qualcuno fa le regole e coloro che le seguono cadono vittime del signore del gioco, perchè l ha fatto lui.
Un breve esempio...
Il padre di un bambino ha il bruttissimo vizio di bere e quando lo fa diventa violento; tutte le sere prende a ceffoni il povero bimbo di 8 anni.
Un giorno, forse meno brillo del solito ha un dolore di coscienza e lascia quindi al piccolo un campanellino, dicendogli di suonarlo nel caso lui diventasse violento così avrebbe capito e si sarebbe fermato.
Quella stessa sera il padre esce, beve e come da copione torna a casa e alza le mani sul bambino, il quale, suona subito il campanello.
Il padre lo continua a prendere a ceffoni e più il bimbo suona il campanello più il padre si altera.

ecco perchè esiste il telefono azzurro.. questa è la situazione UMANITà CONTRO MOSTRI.
siamo messi così.
rendiamocene conto.
un altro brutto male del quale ci stiamo ammalando.... se nessuno mangia e io mangio della merda ( pardon) io sono il più fortunato perchè almeno mangio.
Questo è dannoso e pericoloso e ci porterà a lavorare gratis tutto il giorno lodando dio che non ci accada di peggio.
non ridere questo è ciò che succede...  io non ho il disagio del freddo ( contro la legge oltretutto perchè nel ccnl c è) e mi hanno tolto uno stipendio annuo con tutte le cose che mi sono state tolte... TUTTAVIA IO DEVO RINGRAZIARE.
non deve funzionare così..
Adesso tutti coloro nella CGIL che hanno ancora un cuore o un barlume di etica stanno lasciando le tessere per scappare nell USB.
Solo voi rimanete.
Certo però che sentire ancora delle persone dire che i no tav tirano i sassi ai lavoratori non si può più... questi gruppi, rivoltosi, aggressivi.. sanno dove colpire non colpiscono i poveracci, perchè solo una persona con una capacità di ragionamento superiore alla capra può essere no tav o forcone.
a proposito, grazie a queste persone la cgil ha ucciso i movimenti dei forconi che erano bellissimi, ma senza il nome di qualcosa di ORIENTAMENTO SINISTRO e forte nel quale specchiarsi uno più furbo della cgil ( no, non più furbo perchè nn sono stupidi, uno d' accordo) ha messo la sua branca di deficienti e cani estremodestristi a cavalcare l' onda ( le manganellate però le prendevano gli altri forcono non loro) e quindi per paura che con la riuscita della protesta potessero salire quel genere di persone.. il movimento si è sciolto.
Anche solo il fatto che io abbia protestato e mi abbiano detto di entrare in CGIL è quantomeno buffo.
ce ne sarebbero di cose da dire, perdonami.
non volevo essere scortese ma non ci sono più sogni tra le mie orecchie.
non c è più sangue da togliere, solo da recuperare.
Il sogno si è avvizzito...
Due morti in un corpo solo.


scritta ma non riletta ( e di questo anche mi scuso)
e.d.d.

sabato 8 febbraio 2014

La premura del mio amico Leo

provo a scrivere qualcosa nonostante il mio gatto Leo cerchi di impedirmelo a tutti i costi ,che abbia ragione lui dopo che ho scoperto che il mio blog ,per Facebook, è divenuto sito malevolo solo per aver postato I dieci comandamenti di E.Morales ma siccome io sono testardo mi compiaccio di ciò perchè come disse non so chi "La censura è una buona cosa, poiché in tal modo a ogni libro è garantito almeno un lettore attento"e continuo per la mia strada ritenendo l'autocensura peggiore della censura stessa, ringraziando Leo per l'attenzione che mi riserva.

LEO

IL "MIRACOLO" TEDESCO


Il basso tasso di disoccupazione, la crescita economica e l'aumento delle esportazioni è la lettera della "formula magica" che ha venduto la Germania presso l'Unione europea, ma è  una storia che nasconde una realtà molto più simile al resto del continente di quello che vuole apparire.

Questo supposto "miracolo" cessa presto di esistere. Infatti, il rischio di povertà in Germania attualmente colpisce più del 16% della popolazione, subendo un aumento significativo rispetto a qualche anno fa.

Circa 7,4 milioni di lavoratori che vivono su mini-job , lavorano un massimo di 15 ore settimanali con salari che non superano i 450 € al mese (607 dollari). Infatti, nonostante l'immagine esterna ,gli esperti patriottici dicono che la Germania sta diventando "un paese a basso salario.« Così ha detto il ricercatore tedesco Sebastian Dullien, autore di "capitalismo decente" (titolo di cui è ovviamente un paradosso insormontabile: il capitalismo non può che essere per la stessa struttura operativa, indecente e criminale).

  Al crescente corpo di bassi salari e l'aumento dei tassi di povertà si deve anche aggiungere una crisi che sta colpendo molto duramente  i pensionati. La stima ufficiale è che il 30% riceve una pensione di 688 euro al mese (928 dollari).

Finora, l'intervento della sicurezza sociale aiuta a integrare tali redditi bassi, ma l'attuale flessibilità del mercato del lavoro e la riforma della sicurezza sociale prevedono un futuro nero per i lavoratori tedeschi (mentre, e questo dato è essenziale per capire il problema e pure il sistema, grandi imprese e politici continuano a riempirsi le tasche sfruttando il precariato).

Secondo un recente rapporto del Ministero del Lavoro, i contributi delle persone con mini-lavori a fondi pensione pubblici darà loro diritto a un 3,11 € al mese (4,19 dollari) per anno lavorato. Con l'età pensionabile fissata a 67, si può calcolare che qualcuno che ha avuto mini-posti di lavoro in alberghi o ristoranti, avrà una pensione mensile di 140 euro (189 dollari) al momento del pensionamento.

Questo non riguarda solo i miniimpieghi ma anche il lavoro a tempo pieno è pagato circa cinque euro all'ora (6,75 dollari). "Presto  al di sotto della soglia di povertà", ha detto Dullien (che anche dopo le prove storiche e l'acuirsi della crisi attuale a conferma  che il capitalismo è sinonimo di barbarie,cerca nel suo scritto di perorare ancora la causa,utopica, del capitalismo  "dal volto umano")

Come si è visto, il "miracolo" tedesco, venduto come modello per altri paesi in Europa, non è niente di tutto questo, tranne naturalmente per pochi, per i  molti, per coloro che lavorano ed il popolo tedesco in generale ciò assomiglia sempre più ad  una condanna.
FONTE