involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

sabato 26 settembre 2015

L'URSS dei GRANCHI IN SCATOLA

Traduzione di Danila Cucurnia

Presentiamo un articolo mai tradotto in italiano, del Professor Valery Antonovich Torgashev, che ci fornisce una vivida testimonianza, in controtendenza all'opinione comune anticomunista, dell'alto livello del tenore di vita della popolazione sovietica negli ultimi anni di governo del compagno Stalin.
Ecco cosa scrive allo storico e politico Nikolai Starikov:

"Caro Nikolai! Seguo con interesse i vostri interventi e condivido molte delle vostre posizioni, sia nella storia che per il presente.
In uno dei vostri interventi evidenziate correttamente che il periodo post-bellico della nostra storia non viene rispecchiato nella ricerca storica. Quei tempi furono abbastanza unici nella storia dell'URSS. Senza alcuna eccezione, tutte le caratteristiche negative del sistema socialista dell'Unione Sovietica apparvero solo dopo il 1956 e l'Unione Sovietica dopo il 1960 fu totalmente diversa dal paese che era stato in precedenza. Tuttavia, anche prima della guerra l'Unione Sovietica era diversa in modo significativo dal quella del dopoguerra. In Unione Sovietica, che io ricordo bene, l'economia pianificata era combinata in modo efficace con il mercato e le panetterie private erano più grandi di quelle statali. I negozi avevano un'abbondanza e una varietà di prodotti industriali ed alimentari, la maggior parte dei quali proveniva dal settore privato, e non esisteva il concetto di scarsità. Ogni anno, dal 1946 al 1953, la vita delle persone migliorava in modo significativo. La famiglia media sovietica nel 1955 stava meglio di quanto stesse una famiglia media americana nello stesso anno e sempre meglio rispetto ad una moderna famiglia americana di 4 persone con un reddito annuo di 94.000 dollari. Per quanto concerne la  Russia moderna non posso parlare. Vi mando il materiale in base alla mia personale ricostruzione delle storie dei miei amici che erano, a quei tempi, più anziani di me, così come gli studi riservati dei bilanci familiari che il CSB aveva condotto fino al 1959. Le sarei molto grato se foste in grado di diffondere questa storia per il vostro largo pubblico, se la trovate interessante. Ho l'impressione che, oltre a me, su questo periodo nessuno sia in grado di ricordare ".

TRADUZIONE

FONTE

Nessun commento: