involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

mercoledì 27 febbraio 2019

L'AMERICA SOSTENNE CEAUSESCU MENTRE CROLLAVA IL CAMPO SOCIALE, E POI SI SBARAZZÒ SPIETATAMENTE DI LUI

L'America continua a tentare di rovesciare il leader legittimo del Venezuela, Nicholas Maduro, esprimendo sostegno per il suo oppositore avversario, autoproclamato "presidente" Juan Guaydo

Ma in realtà, le assicurazioni occidentali sull'amicizia non valgono nulla. Sei usato solo per il momento, come "utile idiota", per essere demolito quando non hanno più bisogno di te. Questo è stato ricordato dal rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, Maria Zakharova, con fatti storici nelle sue mani.L'altro giorno, il senatore repubblicano americano Marco Rubio, come esempio di "cosa sta aspettando Maduro", ha pubblicato sul suo conto una foto del Segretario generale del Comitato centrale del Partito comunista rumeno, e dal 1974, il presidente della Romania Nikolay Ceausescu.Permettetemi di ricordarvi che il signor Rubio è il presidente del Comitato del Senato americano per le piccole imprese e, secondo la rivista The Time, nel 2012 è entrato nella top 100 delle persone più influenti del mondo. È per capire che tipo di persone controllano gli Stati e il mondo.E ora riguardo la cosa principale. Il fatto è che, nonostante la sua "esperienza e status", il senatore Rubio non ha idea dell'argomento del ragionamento. Ma questo non sorprende, dal momento che i politici americani, e ora i funzionari, hanno poco senso di ciò di cui sono responsabili. E non varrebbe la pena parlare del senatore americano, che non conosce la storia del mondo, se non fosse per il suo assoluto che gli viene in mente.Il fatto è che la storia di Nicholas Ceausescu è un caso classico di come Washington sia pronta a sostenere chiunque sotto la copertura di "valori democratici", purché corrisponda agli interessi nazionali. E se gli interessi nazionali non hanno più bisogno di qualcuno, allora salutano il "protetto" senza cerimonie speciali.l senatore Rubio ha commesso un coming out politico con la sua linea sui social network, firmando la responsabilità storica degli Stati Uniti per milioni di vite perse in varie parti del mondo!
E ora un pò di scuola. Il fatto è che l'obiettivo della politica estera di Ceausescu era di ridurre la dipendenza della Romania dall'URSS e da altri paesi del campo socialista. Tra i suoi passi più brillanti in questa direzione:
- supporto per la Primavera di Praga;
- mantenere relazioni diplomatiche con Israele dopo la guerra dei sei giorni del 1967 e con il Cile dopo il colpo di stato militare di Augusto Pinochet nel 1973;


- riconoscimento della Germania senza "approvazione" dei fratelli maggiori di Mosca.

Questo è lo stesso Ceausescu, che ha attivamente sviluppato le relazioni con l'establishment politico occidentale. Era accolto dall'Occidente, premiato in tutti i modi e coperto da miliardi di prestiti. Negli anni '70 (questa è la misura), ha ricevuto oltre $ 20 miliardi di iniezioni occidentali! Ma come lo saprebbe il senatore Rubio nel 2019, l'anno del cinquantesimo anniversario della visita del presidente Nixon a Bucarest per i colloqui ... con chi? Esatto, con Ceausescu. Mi chiedo se il senatore Rubio sia informato che Nixon era un repubblicano?



Fu per la Romania, guidata da Ceausescu, che la CEE (ora l'UE - la spiego al senatore Rubio) fornì il trattamento più favorito e nel 1980 fu firmato un accordo sullo scambio di beni industriali tra la CEE e Bucarest. Come puoi vedere, per qualche motivo, non hanno fretta di applicare sanzioni a Ceausescu.

E ora quello che diventerà il principale "falso russo" nella vita del senatore Rubio: nel 1984 la Romania era l'unico paese membro del CMEA (Comecon )a non aver boicottato le Olimpiadi estive a Los Angeles, per le quali nel 1985 Ceausescu ottenne l'Ordine Olimpico.

Tutto è cambiato, come succede con l'amore occidentale, quando Ceausescu ha smesso di organizzare i suoi benefattori. Premi, visite, prestiti e altri "favori" cessarono non a causa della sua longevità politica o della natura antidemocratica del governo, ma a causa dell'incostanza con gli interessi occidentali. Qui la prima rivoluzione colorata nella regione si è schiantata con tutta una serie di meccanismi tradizionali di "ritorno della democrazia e preoccupazione per la popolazione": dalla disinformazione alla provocazione.

Anni dopo, nuovi dettagli degli eventi del 1989 si aprirono. Durante l'indagine ufficiale del 2007, è stato dimostrato che l'ordine all'esercito di sparare ai dimostranti a Timisoara non l'ha dato Ceausescu (per il quale è stato ucciso dopo un processo di due ore), ma "passato dalla parte del popolo" (non ricorda?) dal generale Stanculescu. A proposito, è stato uno degli organizzatori del processo Ceausescu e della sua esecuzione. E l'ex primo ministro dell'Ungheria Miklós Nemeth ha successivamente riconosciuto che i servizi speciali ungheresi hanno fornito all'opposizione rumena armi. Ancora niente, come?Non sono sicuramente un fan di questo leader rumeno, ma secondo i sondaggi condotti in Romania nel 2010, il 40% della popolazione vorrebbe vedere Ceausescu come presidente.E altro ancora. Informazioni da prendere in considerazione per il senatore Rubio e coloro che ispira. Due decenni dopo, nel 2008, "il generale Stenculescu, che andò dalla parte del popolo e rovesciò Ceausescu", fu condannato a una lunga prigione per aver partecipato alla soppressione della "rivoluzione del 1989". E il presidente del tribunale, che ha condannato a morte Ceausescu, subito dopo aver ucciso il leader rumeno, si è suicidato.Il circo è partito, Guaido è rimasto: i discorsi anti-governativi in ​​Venezuela si sono trasformati in un completo fallimento



Maria Zakharova.Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa


martedì 26 febbraio 2019

Israele , l'antisemitismo e Jeremy Corbyn

Quello che segue è una conversazione tra Ava Winstanley di Electronic Electronic e Greg Wilpert di Real News Network. 

Le questioni pro-israeliane e pro-palestinesi continuano a svolgere un ruolo importante nella politica britannica. Lo stesso giorno in cui i gruppi di pressione israeliani hanno lanciato un attacco orchestrato contro il membro del Congresso degli Stati Uniti Ilhan Omar, accusandola di antisemitismo per qualcosa che ha twittato, un attacco simile è stato orchestrato nel Regno Unito contro Sarah Leah Whitson, che dirige la sezione mediorientale dell'Uman Rights Watch. Quell'attacco era anche su un tweet. Whitson ha twittato: "Perché l'interferenza di Israele nella politica interna del Regno Unito è accettabile? È solo un problema quando la Russia fa questo? "Si riferiva ad un'indagine di Al Jazeera che mostrava prove di come gli ufficiali dei servizi segreti israeliani tentassero di delegittimare e minare i politici britannici di sinistra, specialmente nel Partito Laburista.
Poi, in un nuovo sviluppo all'inizio di questa settimana, otto membri del Parlamento laburisti hanno annunciato che stanno lasciando il Partito laburista, accusando il leader del partito Jeremy Corbyn di cattiva leadership su due questioni, la Brexit e l'antisemitismo. Il cancelliere ombra del Partito laburista, John McDonnell, ha detto che i dissidenti stanno commettendo un errore, ma ora dovrebbero chiedere nuove elezioni nei loro distretti.

JOHN MCDONNELL:  Dico che è meglio restare all'interno del partito, combattere la tua causa. A volte vincerai, a volte perderai. Ma quando ti dividi in questo modo, perdi la voce dalla festa. E se ti dividi e ti trovi su un'altra piattaforma politica, penso che tu abbia la responsabilità di tornare all'elettorato, quindi, e poi alle elezioni, combattere su quella piattaforma. E se non sei più un parlamentare laburista, la tua elezione a deputato laburista dovresti tornare al popolo.

GREG WILPERT:   ora per analizzare questi sviluppi è Asa Winstanley. Asa è un giornalista investigativo e direttore associato presso l'Intifada elettronica. Di recente ha scritto un articolo per Electronic Intifada che risponde alla campagna di destra, filo-israeliana, intitolata "Sì, certo! Israele interviene nella politica britannica

Quindi il governo israeliano sta stanziare un ampio budget per la propaganda hasbara filo-israeliana attraverso vari canali. I gruppi di Hasbara sono molto esperti di media e hanno coordinato i loro attacchi negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Dicci cosa fanno e cosa stanno cercando di ottenere nel Regno Unito. Ad esempio, come li aiuterebbe se Sarah Leah Whitson venisse licenziata da Human Rights Watch?

ASA WINSTANLEY:  Beh, c'è una grande varietà di cose che stanno facendo e hanno fatto per molti, molti anni con diversi gradi di successo, di insuccesso. E penso in termini di Human Rights Watch, nonostante i suoi limiti politici dal mio punto di vista, è una specie di spina nel fianco di Israele per molti anni perché Israele è uno stato che abusa dei diritti umani, e quindi è impossibile per gruppi come Human Rights Watch e Amnesty International ignorano questo. Anche quando ci sono dei limiti, secondo me, a molte delle loro relazioni, fanno avanzare il caso in qualche dettaglio delle violazioni dei diritti umani di Israele contro i palestinesi, crimini di guerra contro i palestinesi, l'ingiustizia che in generale lo stato di Israele perpetua e ha sempre perpetuato contro i palestinesi.

GREG WILPERT:  Ma cosa diresti che in generale stanno cercando di ottenere con questa campagna di incriminazione del partito laburista con l'antisemitismo?

ASA WINSTANLEY:  Beh, in poche parole, la campagna del cosiddetto antisemitismo laburista, la cosiddetta "crisi" dell'antisemitismo nel Partito laburista è una campagna di razzisti per diffamare gli antirazzisti come razzisti. Quindi è una completa inversione della realtà. Questo non vuol dire che non vi sia alcun antisemitismo nel partito laburista, il Partito laburista è un movimento di massa di oltre mezzo milione di persone secondo le ultime cifre sull'appartenenza. Quindi, statisticamente, ce ne saranno alcuni. Ma nel complesso, tutti i titoli principali sul cosiddetto antisemitismo nel partito laburista sono stati nel migliore dei casi un'esagerazione e in molti casi, manifeste manifeste.Quindi questa è una narrazione che i gruppi pro-Israele nel Regno Unito hanno spinto molto forte negli ultimi tre anni e mezzo per sabotare il Partito laburista e il suo leader di sinistra, Jeremy Corbyn, che è stato per molti decenni un Attivista solidale in Palestina. E si adatta a decenni di strategia deliberata della lobby israeliana per accusare chiunque sia coinvolto nella solidarietà della Palestina di essere un antisemita.


GREG WILPERT:  Sembra ora che Jeremy Corbyn stia prendendo un approccio abbastanza passivo nei confronti delle accuse di antisemitismo e non sta andando all'offensiva contro i gruppi filo-israeliani che stanno causando divisioni nel suo partito e minando le sue possibilità per le prossime elezioni. Perché pensi che stia adottando un approccio così passivo?



ASA WINSTANLEY:  È una bella domanda e sfortunatamente non conosco completamente la risposta. Voglio dire, sospetto che ci siano molte e diverse ragioni complicate per questo, ma penso che in sostanza lui si senta chiuso e limitato in ciò che è in grado di fare. Il sostegno a Jeremy Corbyn dalla base del partito laburista viene sempre con forza quando combatte il suo angolo e si mantiene saldo come ha fatto su tante questioni diverse. Sfortunatamente, la questione dell'antisemitismo va dritta al cuore di ciò che significa essere un movimento popolare anti-razzista e antirazzista, e Jeremy Corbyn ha un solido primato in questo senso per molti, molti decenni. E per lui essere accusato di essere un razzista davvero tipo- "funziona fa male".Le sbavature hanno un effetto, e penso che qualcuno di sinistra che sostiene il contrario si stia davvero illudendo. E sfortunatamente, ci sono troppe persone che negano questo. Succedono sbavature, macchie deliberate e disinformazione dell'antisemitismo. Non solo accadono, sono la corrente principale di ciò che Israele fa contro il movimento di solidarietà della Palestina. E questo deve davvero essere affrontato prima che possa essere attivamente combattuto.
GREG WILPERT:  Non è solo Corbyn, però. La questione Israele-Palestina è un importante punto di divisione politica nella politica britannica, anche se la Gran Bretagna non ha occupato la Palestina per 71 anni. Perché le forze dell'ordine britanniche non indagano sui sospetti di spionaggio da gruppi israeliani di hasbara e cosa sperano questi otto impiegati che stanno lasciando il partito laburista andando contro quella che sembra essere l'opinione pubblica dominante dei propri elettori?
ASA WINSTANLEY: Sì, quelle sono domande eccellenti. Quando il documentario di Al Jazeera è uscito per la prima volta due anni fa, l'edizione originale del Regno Unito trasmessa su Al Jazeera si chiamava The Lobby, e riguardava gruppi di lobby israeliani nel Regno Unito, principalmente nel Partito Laburista ma anche nel Partito Conservatore e altri. La risposta iniziale del partito laburista, anche da parte di persone come Emily Thornberry, che è un membro, non un membro perché tecnicamente non hanno un'appartenenza, ma hanno sostenitori in parlamento. Emily Thornberry, il segretario straniero ombra di Corbyn, è elencata come sostenitrice dei Labour Friends of Israel, anche lei e il resto della leadership laburista hanno chiesto un'indagine su ciò che hanno definito "interferenze scorrette" nella politica britannica. Nulla è venuto da quello e non hanno seguito su quello, e davvero deve essere fatto.E vediamo questa settimana, con la defezione di questi otto, ora nove, parlamentari laburisti lontani dal partito laburista, tutti tranne uno di loro in questo nuovo gruppo, il gruppo indipendente, che sembra essere un partito politico in tutto tranne il nome. Quello che abbiamo visto è che i parlamentari pro-Israele sono stati la stragrande maggioranza di queste persone. Degli otto iniziali, sei sono stati elencati come sostenitori di Labour Friends of Israel, e Ian Austin, che si è dimesso oggi, è di tutti i tipi di Labour Friends of Israel. Quindi la stragrande maggioranza di loro sono sostenitori dei laburisti di Israele, che in effetti mettono in discussione i laburisti amici di Israele. Se un gran numero di parlamentari non sono nemmeno nel partito laburista, che cosa sta facendo associando se stesso al partito laburista? A mio parere, il NEC del lavoro, l'organo dirigente, dovrebbe prescrivere questa organizzazione. Dopotutto,Ciò che abbiamo visto anche questa settimana è che Joan Ryan, uno dei parlamentari che si uniscono a questo nuovo gruppo indipendente, che ha lasciato i laburisti, viene accusata di accesso improprio ai dati dei membri del partito laburista. Non conosco ancora i dettagli di questo, ma sembra brutto, al momento sembra che sia potenzialmente in possesso dei dati elettorali privati ​​dei membri del Partito laburista. Ora, con i noti collegamenti di Joan Ryan con gli agenti dell'ambasciata israeliana, tra cui Masot, la spia dell'ambasciata israeliana espulsa dal paese nel 2017 dopo essere stata esposta dal documentario di Al Jazeera, le domande devono essere poste e devono essere poste. Dovrebbe esserci un'indagine da parte delle autorità britanniche su questo. Che cosa sta facendo con quei dati è una domanda valida da porre, l'ha rimandata in Israele? Assolutamente è una domanda assolutamente giusta da chiedere.Nel documentario di Al Jazeera Lobby USA, uno dei membri dello staff della LFI con il nome di Michael Rubin ha detto, con le sue stesse parole, "Joan parlerà con Shai quasi tutti i giorni." Era in stretto coordinamento con qualcuno che di fatto era una spia israeliana. Quindi è ancora in stretto coordinamento con l'ambasciata israeliana quasi tutti i giorni? Ora, questa è una domanda valida da porre, ma nessuno dei media mainstream si sta addirittura spingendo lì, per non parlare delle domande che devono essere poste.

fonte

domenica 10 febbraio 2019

Dal Venezuela: una lettera aperta al popolo degli Stati Uniti dal presidente Nicolás Maduro

e so qualcosa, riguarda le persone, perché proprio come te, sono un uomo del popolo. Sono nato e cresciuto in un quartiere povero di Caracas. Sono stato forgiato nel calore delle lotte popolari e sindacali in un Venezuela sommerso dall'esclusione e dalla disuguaglianza. Non sono un magnate; Sono un lavoratore di mente e cuore. Oggi ho il grande privilegio di presiedere al nuovo Venezuela, radicato in un modello di sviluppo inclusivo e uguaglianza sociale, che il Comandante Hugo Chávez ha forgiato a partire dal 1998, ispirato all'eredità di Simón Bolivar.
Viviamo oggi in un crocevia storico. Ci sono giorni che definiranno il futuro dei nostri paesi, dandoci una scelta tra guerra e pace. I vostri rappresentanti nazionali di Washington vogliono portare ai loro confini lo stesso odio che hanno seminato in Vietnam. Vogliono invadere e intervenire in Venezuela - dicono, come dicevano allora - in nome della democrazia e della libertà. Ma questo è falso. La loro storia di usurpazione del potere in Venezuela è falsa quanto le armi di distruzione di massa in Iraq. È un falso argomento, ma può avere conseguenze drammatiche per tutta la nostra regione.
Il Venezuela è un paese che, in virtù della sua Costituzione del 1999, ha ampiamente ampliato la democrazia partecipativa e protagonista del popolo, e che in un modo senza precedenti, così oggi il Venezuela è uno dei paesi che ha tenuto il maggior numero di elezioni nel ultimi 20 anni. Potrebbe non piacervi la nostra ideologia o il modo in cui la nostra società appare, ma noi esistiamo e siamo milioni.
Rivolgo queste parole al popolo degli Stati Uniti d'America per mettere in guardia dalla gravità e dal pericolo che alcuni settori della Casa Bianca intendono, cioè, invadere il Venezuela con conseguenze imprevedibili per il mio paese e per l'intera regione americana. Il presidente Donald Trump intende anche interrompere le meritevoli iniziative per aprire un dialogo promosso da Uruguay e Messico, con il sostegno di CARICOM, per una soluzione pacifica e il dialogo a nome del Venezuela. Sappiamo che per il bene del Venezuela dobbiamo sederci e parlare perché rifiutare il dialogo significa scegliere la via della forza. Tieni a mente le parole di John F. Kennedy: "Non negoziare mai per paura. Ma non temiamo mai di negoziare ". Coloro che non vogliono dialogare, hanno paura della verità?
L'intolleranza politica verso il modello venezuelano bolivariano ei desideri per le nostre immense risorse petrolifere, minerali e altre grandi ricchezze hanno spinto una coalizione internazionale guidata dal governo degli Stati Uniti a commettere la grave follia di condurre un attacco militare contro il Venezuela con il pretesto di inesistente crisi umanitaria.
Il popolo venezuelano ha sofferto dolorosamente le ferite sociali causate da un criminale blocco commerciale e finanziario, che è stato aggravato dall'esproprio e dal furto delle nostre risorse finanziarie e dei nostri beni in paesi allineati con questo folle attacco.
Eppure, grazie a un nuovo sistema di protezione sociale, di attenzione diretta ai settori più vulnerabili della nostra società, continuiamo orgogliosamente ad essere un paese nelle Americhe con un alto indice di sviluppo umano e una bassa disuguaglianza.
Il popolo statunitense deve sapere che questa complessa aggressione multiforme viene condotta con totale impunità e in chiara violazione della Carta delle Nazioni Unite, che dichiara espressamente la minaccia o l'uso della forza, tra altri principi e scopi, per il bene della pace e relazioni amichevoli tra le nazioni.
Vogliamo continuare ad essere partner commerciali del popolo degli Stati Uniti, come abbiamo fatto nella nostra storia. I loro politici a Washington, d'altra parte, sono disposti a mandare i loro figli e figlie a morire in un'assurda guerra, invece di rispettare il sacro diritto del popolo venezuelano all'autodeterminazione e di salvaguardare la loro sovranità.
Come voi, gente degli Stati Uniti, noi venezuelani siamo patrioti. E difenderemo la nostra patria con tutta l'anima. Oggi il Venezuela è unito in un unico grido: chiediamo la cessazione dell'aggressione che cerca di soffocare la nostra economia e soffocare socialmente la nostra gente, così come la cessazione delle gravi e pericolose minacce di un intervento militare contro il Venezuela.
Ci appelliamo alla buona anima della società americana, vittima dei suoi stessi leader, per unirci alla nostra richiesta di pace. Siamo tutti un popolo contro guerrafondaia e guerra.
Lunga vita ai popoli d'America!
Nicolás Maduro
Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela

giovedì 7 febbraio 2019

chi è Juan Guaydo? Leader del colpo di stato in Venezuela progettato dagli USA

parte prima

Prima dello sfortunato 22 gennaio, quando iniziarono le rivolte per le strade di massa, e apparvero informazioni sulle prime vittime umane, meno del 20% dei venezuelani aveva sentito parlare di questo giovane politico. Solo un paio di mesi fa, questo giovane di 35 anni era un membro poco noto del gruppo marginale politico di estrema destra, direttamente collegato alla terribile violenza di strada. Anche all'interno del suo partito, era un membro di mezzo dell'Assemblea nazionale del Venezuela, che passò sotto il controllo dell'opposizione, e ora, secondo la Costituzione del paese, è al di fuori della legge.
Tuttavia, dopo una telefonata dal vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence, Guaydo si è dichiarato presidente del Venezuela. Cioè, un politico sconosciuto è stato eletto da Washington come leader del paese con le più grandi riserve di petrolio del mondo.
Può sembrare che Guaydo sia apparso dal nulla, ma, in realtà, è il risultato di decenni di duro lavoro delle élite americane nel cambiare i regimi. Insieme ad altri attivisti dell'opposizione del movimento studentesco, gli è stato insegnato come lavorare per minare il governo socialista del Venezuela, come destabilizzare la situazione nel paese, in modo che un giorno salisse al potere.
Guaydo viene ora interpretato dai media occidentali come l'incarnazione della democrazia, ma la sua carriera politica si è sviluppata nella fazione più estremista del partito più radicale del Venezuela. Il Partito Narodnaya Volya ha diretto uno per uno i tentativi di destabilizzazione politica del paese. Il partito si è notevolmente screditato all'interno del paese, e in parte è responsabile dell'indebolimento e della spaccatura dell'opposizione.
Ecco perché Guaydo è stato scelto da Washington: gli Stati Uniti non hanno bisogno del loro fantoccio per guidare il Venezuela verso la democrazia. Al contrario, hanno bisogno di una persona che ha rovinato il paese, che è stato un bastione di resistenza all'egemonia americana per decenni. E la sua incredibile ascesa nell'arena politica - il culmine di un progetto ventennale per distruggere un forte esperimento socialista in America Latina.
Combattere la "tripla tirannia"
Da quando Hugo Chávez è salito al potere nel 1998, gli Stati Uniti hanno faticato a riprendere il controllo del Venezuela e delle sue riserve petrolifere. Grazie al programma socialista di Chavez, il Venezuela è stato in grado di ridistribuire la ricchezza del paese e aiutare milioni di persone a uscire dalla povertà. Lo stesso programma ha trasformato Hugo Chávez in un bersaglio. Nel 2002, prima che i militari riuscissero a intervenire, l'opposizione respinse Chávez con il sostegno e l'approvazione degli Stati Uniti. Fino alla sua morte per cancro nel 2013, Chavez è sopravvissuto a numerosi tentativi sulla sua vita. La vita del suo successore, Nicolas Maduro, tentò già tre volte.
Giunto al potere, il governo di Trump ha immediatamente messo il Venezuela nell'elenco dei paesi in cui è necessario il cambio di regime, e ha incluso il presidente Maduro nelle "tre tirannie"insieme a Cuba e al Nicaragua. L'anno scorso, le agenzie di intelligence statunitensi hanno cercato di reclutare qualcuno dall'esercito venezuelano per creare una giunta militare, ma questa compagnia non è stata coronata da successo.
Secondo il governo del Venezuela, gli Stati Uniti hanno partecipato alla cospirazione con il nome in codice Operation Constitution, che è stato il sequestro di Maduro nel palazzo presidenziale di Miraflores, nell'operazione Armageddon, un piano per assassinare il presidente durante una parata militare nel luglio 2017. Meno di un anno dopo, durante la tradizionale parata militare a Caracas, i leader dell'opposizione esiliati fecero un altro tentativo infruttuoso di uccidere Maduro con l'aiuto di droni con dispositivi esplosivi a bordo.
Più di dieci anni prima di questi eventi, gli Stati Uniti selezionarono un gruppo di studenti appartenenti all'opposizione di destra. Gli studenti hanno ricevuto una formazione individuale per aiutare le élite a cambiare regime in Venezuela, rovesciare il governo del paese e ripristinare l'ordine neoliberale.
Il 5 ottobre 2005, quando Hugo Chavez era al culmine della sua popolarità, e il suo governo pianificava programmi sociali su larga scala, cinque leader studenteschi venezuelani arrivarono a Belgrado (Serbia) per iniziare l'addestramento e prepararsi per la rivolta.
Gli studenti venezuelani sono arrivati ​​a Belgrado grazie al Centro di azione e strategia nonviolenta applicata (CANVAS). I principali finanziamenti del gruppo provenivano dal National Endowment for Democracy (NED), una sussidiaria della CIA e la principale leva con cui il governo degli Stati Uniti compie colpi di stato in tutto il mondo. Altre filiali hanno partecipato al finanziamento: l'International Republican Institute (IRI) e l'Istituto nazionale democratico per le relazioni internazionali (NDIFIA).
La "fuga" della corrispondenza interna della società di intelligence e analisi privata americana Stratfor, nota come "ombra CIA", ha dimostrato che CANVAS potrebbe aver ricevuto finanziamenti dalla CIA e aver agito secondo le sue istruzioni durante la lotta 1999-2000 contro Milosevic.
CANVAS è uno dei rami del gruppo di opposizione Serbian Otpor, fondato presso l'Università di Belgrado nel 1998. Questo gruppo ottenne popolarità internazionale e quasi Hollywood grazie all'organizzazione di proteste, che alla fine portarono al rovesciamento del presidente jugoslavo Slobodan Milosevic.
Questo piccolo gruppo di esperti di cambio di regime ha agito su istruzioni di Gene Sharp, che si chiama "Clausewitz lotta nonviolenta". Sharpe, a sua volta, ha collaborato con il colonnello Robert Helvey, ex analista del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, per sviluppare un piano strategico per una guerra ibrida con gli stati che resistevano all'egemonia di Washington.
Otpor ha ricevuto assistenza dal National Endowment for Democracy (NED), l'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) e l'Albert Einstein Institute, guidato da Gene Sharp. Vi sono informazioni che il gruppo ha ricevuto finanziamenti direttamente dalla CIA.
Da una e-mail rilasciata da un dipendente di Stratfor, dopo che Milosevic è stato rimosso dal potere: "I bambini che erano a Otpor sono cresciuti, hanno indossato costumi e sviluppato un nuovo progetto CANVAS <...> o, in altre parole, il gruppo sull'esportazione di rivoluzioni colorate. Dal punto di vista finanziario, dipendono dagli Stati Uniti e, principalmente, la loro attività consiste nel togliere dai dittatori del potere e dai governanti autoritari, cioè coloro che sono contrariati con gli Stati Uniti " .
Da una fuga di informazioni, Stratfor ha anche scoperto che CANVAS "ha rivolto la sua attenzione al Venezuela nel 2005, dopo che la formazione dei movimenti di opposizione che guidavano le operazioni per cambiare il regime nell'interesse della NATO nell'Europa orientale era stata completata" .
Nascita della struttura "Generation 2007" per il cambio di regime
Il vero lavoro di preparazione del colpo di stato è iniziato due anni dopo, nel 2007. Poi, Guaydo si è laureato all'Università Cattolica Andres Bello a Caracas e si è recato negli Stati Uniti per studiare con il programma "Pubblica Amministrazione" presso la George Washington University. L'economista venezuelano Luis Enrique Berrisbeytia, uno dei principali economisti neoliberisti dell'America Latina, divenne il mentore di Guaydo all'università. Berrisbetia era il direttore esecutivo del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e ha lavorato per oltre dieci anni nel settore energetico del Venezuela nell'era del regime oligarchico rovesciato da Chavez.
Nel 2007, quando il governo del Venezuela non ha esteso il permesso di trasmissione al canale televisivo Radio Caracas (RCTV), Guaydo e gli studenti hanno organizzato manifestazioni antigovernative. Questo canale privato ha svolto un ruolo importante nel tentativo di rovesciare Chavez nel 2002. RCTV ha aiutato a mobilitare la popolazione per manifestazioni antigovernative, ha coperto in modo parziale gli eventi del colpo di stato, ha attribuito la violenza usata dall'opposizione durante le proteste di piazza, alle forze governative.
Nello stesso anno 2007, gli studenti hanno ostacolato il referendum costituzionale avviato da Hugo Chavez. Per incarnare l'idea di "socialismo del XXI secolo" è stato necessario riorganizzare i sistemi politici e sociali dello stato. Il primo passo verso un nuovo sistema economico è stato il trasferimento del potere nelle mani delle comunità organizzate.
Dal movimento di protesta attorno a RCTV e al referendum, è stato formato un nuovo tipo di attivisti, sostenuto dagli Stati Uniti e finalizzato al cambio di regime. Hanno cominciato a chiamarsi "Generation 2007".
Gli istruttori di Stratfor e CANVAS hanno scelto tra questi attivisti un futuro sostenitore di Guaydo - Jona Goykoechaa, che diventerà una figura chiave nella lotta contro un referendum costituzionale. L'anno seguente, il Cato Institute ha premiato Jon Goykoecha con il Milton Friedman Award per "promuovere la libertà". Goykoechaea ricevette anche $ 500 mila, che investì immediatamente nella sua rete politica.
Friedman è il padrino dei famosi neoliberisti - "ragazzi di Chicago", che sono stati inviati in Cile durante il regno di Augusto Pinochet per introdurre misure di austerità dei fondi di bilancio nello spirito della "dottrina dello shock". E il Cato Institute è un think tank di esperti liberali con sede a Washington. I suoi fondatori sono i fratelli Koch, importanti sponsor del Partito Repubblicano e aggressivi difensori della destra in America Latina.
Nel 2007, Wikileaks ha pubblicato un'email a William Brownfield, l'ambasciatore degli Stati Uniti in Venezuela, indirizzato al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, al Consiglio di sicurezza nazionale e al Comando meridionale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. In una lettera, Brownfield ha elogiato la Generation 2007 per "essere riuscito a costringere il presidente venezuelano a rispondere alle provocazioni" . Tra i "nuovi leader", Brownfield ha individuato Freddie Guevara e Jon Goykoecha, e quest'ultimo definito "uno dei più ardenti difensori delle libertà civili tra gli studenti".

Mobilitazione delle masse contro Chávez
Nel 2009, i giovani attivisti di Generation 2007 hanno organizzato la loro esibizione più provocatoria - si sono tolti i pantaloni e hanno voltato le spalle alla carreggiata di strade e strade, hanno usato i metodi più scandalosi del teatro partigiano descritti nelle istruzioni di Gene Sharp sul cambio di regime. Sebbene non ci siano registrazioni video di performance pubblicamente disponibili, molti venezuelani hanno riconosciuto Guaydo nella foto tra i partecipanti chiave all'azione. Nonostante la sua partecipazione alla performance non sia stata dimostrata, sembra abbastanza plausibile - i manifestanti senza pantaloni appartenevano al gruppo "Generation 2007", che comprendeva Guaydo, che avevano marchiato T-shirt con la scritta "Resistencia".
Nello stesso anno, Guaydo si è mostrato d'altra parte partecipando all'organizzazione di un partito politico progettato per consolidare i sentimenti antigovernativi fomentati dalla "Generazione 2007". Leopold Lopez divenne il capo del partito, che fu chiamato "Narodnaya Volya". Lopez si è laureato a Princeton e ha partecipato attivamente ai programmi del National Endowment for Democracy (NED), poi è stato eletto sindaco di uno dei quartieri più ricchi di Caracas. Lopez - un rappresentante dell'aristocrazia venezuelana, un diretto discendente del primo presidente del Venezuela. Lopez è il cugino di Thor Halvorsen, fondatore della Fondazione per i diritti umani di New York, che funge da piattaforma dove gli attivisti anti-governativi di quei paesi in cui gli Stati Uniti intendono cambiare regime stanno diventando popolari.
Nel 2010, Narodnaya Volya e i suoi sostenitori occidentali hanno tentato di utilizzare per i propri scopi la peggiore siccità in Venezuela negli ultimi decenni. La mancanza di acqua, che ha causato una grave penuria di elettricità, la crisi economica mondiale e la caduta dei prezzi del petrolio hanno esacerbato la situazione all'interno del paese, provocando il malcontento popolare. Stratfor e CANVAS, i principali consiglieri di Guaydo e della sua squadra anti-governativa, svilupparono un piano estremamente cinico per schiacciare la rivoluzione bolivariana dall'interno. La speranza è stata posta sulla probabile chiusura del sistema elettrico del paese nell'aprile 2010.
La nota per uso interno di Stratfor affermava che "questo potrebbe essere un evento decisivo nel colpo di stato, perché Chavez non poteva proteggere i segmenti più poveri della popolazione <...>, che, a sua volta, avrebbe influenzato il malcontento delle masse popolari non farebbe la forza di opposizione. E in quel momento le persone si radunerebbero attorno all'opposizione e contro Chávez " .
Secondo un rapporto del centro di ricerca spagnolo FRIDE, a tale scopo, l'opposizione del Venezuela ha ricevuto $ 40-50 milioni da USAID e NED. L'opposizione disponeva anche di fondi propri, che di norma erano in conti stranieri. Ma nonostante questo, il piano non è stato implementato. Per l'opposizione, questo è stato l'impulso per l'applicazione di misure radicali per destabilizzare il paese.

chi è Juan Guaydo? parte 2

Destabilizzazione violenta
Nel novembre 2010, secondo le e-mail intercettate dalle forze di sicurezza del Venezuela e promulgate dall'ex ministro della Giustizia Miguel Rodriguez Torres, Guaydo, Goycoechaa e diversi altri attivisti studenteschi hanno partecipato a una sessione di formazione segreta di cinque giorni presso il Fiesta Mexicana Hotel in Messico. Gli incontri erano tenuti dagli attivisti di Otpor. Secondo i dati ricevuti, questo incontro ha ricevuto la benedizione dello stesso Otto Reich - un immigrato, un ardente combattente contro il regime di Castro, che ha lavorato nel Dipartimento di Stato americano sotto George W. Bush e dal presidente della destra colombiana Alvaro Uribe. Come si è saputo dalla lettera, nell'hotel messicano, Guaydo ei suoi associati hanno sviluppato un piano per rovesciare il presidente Hugo Chávez creando il caos attraverso rivolte prolungate e violenze di strada.
Gli sponsor dell'incontro messicano, che pagarono il conto per 52 mila dollari, presumibilmente furono Gustavo Tovar, Eligio Cedeño e Pedro Burelli - figure significative dell'industria petrolifera, noti per il loro atteggiamento negativo nei confronti della rivoluzione bolivariana.
Il piano, redatto in Fiesta Mexicana, si infilò senza problemi in un altro piano per destabilizzare il paese. Nel maggio 2014, le autorità venezuelane hanno pubblicato una serie di documenti che rivelano i dettagli del tentativo sulla vita di Nicolas Maduro. Il piano era guidato da Maria Carina Machado, sostenitrice dell'opposizione di metodi duri. Attualmente lavora come consigliere principale del senatore Marco Rubio. Machado è il fondatore del gruppo Sumate ("Join!"), Finanziato dal NED. Un tempo, Machado era il rappresentante internazionale dell'opposizione venezuelana, e nel 2005 ha anche incontrato George W. Bush. "Penso che sia giunto il momento di unire gli sforzi: fare le chiamate necessarie e ottenere finanziamenti per rimuovere Maduro, il resto andrà a pezzi da solo ", ha scritto Machado a un ex diplomatico americano in Venezuela nel 2014.
In un'altra lettera, Machado ha affermato che il piano per rovesciare il presidente con la forza è stato approvato dall'ambasciatore statunitense in Colombia Kevin Whitaker: "Ho già deciso che combatteremo fino alla fine e faremo il nostro dovere verso i nostri amici in tutto il mondo. Se sono andato a San Cristobal e sono apparso davanti all'OAS, non ho paura di nulla. Kevin Whitaker ha già confermato il suo sostegno e ha dato nuove istruzioni. Il nostro libretto degli assegni è più spesso di quello del regime per rompere l'anello della sicurezza internazionale . "
Guaydo va alle barricate
Nel febbraio 2014, gruppi di studenti dell'opposizione, difendendo gli interessi delle oligarchie emigrate, hanno causato disordini in tutto il paese e trasformato i quartieri sotto il loro controllo in luoghi dove le cosiddette "guarimbas", cioè disordini organizzati accompagnati da chiusure di strade, foratura di pneumatici, si svolgono lanciare pietre I media stranieri hanno descritto questi eventi come proteste spontanee di protesta contro il governo di Maduro, ma in realtà erano dietro al partito Narodnaya Volya.
Uno dei partecipanti a quelle rivolte diceva che nessuno degli studenti indossava il simbolismo della propria università, tutti indossavano magliette con gli emblemi del Partito Narodnaya Volya. Potevano essere membri di movimenti studenteschi, ma questi movimenti erano sicuramente legati alle forze di opposizione o addirittura responsabili nei loro confronti.
Nelle rivolte del 2014, 43 persone sono morte. Tre anni dopo, i manifestanti hanno già distrutto l'infrastruttura urbana, uccidendo i sostenitori del governo. 126 persone furono uccise, tra le quali c'erano molti Chavista. Ci furono casi in cui bande armate versarono benzina su di loro e bruciarono vivi i sostenitori del governo. Guaydo è stato direttamente coinvolto nelle rivolte del 2014. Ha anche pubblicato nel tuo account Twitter un video in cui indossa un casco e una maschera antigas ed è circondato da uomini armati che hanno bloccato la strada e sono contrari alla polizia.
Riferendosi alla sua appartenenza alla "Generazione 2007", ha gridato: "Ricordo come nel 2007 abbiamo gridato" Studenti! ". Ora gridiamo "Resistenza!" . Ora, Guaydo ha rimosso la pubblicazione, apparentemente preoccupata della sua nuova immagine di un difensore della democrazia.
Nel 2016, in un'intervista televisiva con Guaydo, ha definito il "mito" il fatto che, come risultato dell'uso di una delle tattiche del guarimbat, tirando un cavo d'acciaio attraverso la carreggiata, i motociclisti sono rimasti feriti e sono morti. Guaydo ha provato a mascherare le tattiche brutali che costano vite civili.
Il disprezzo imperturbabile della vita umana, caratteristica del partito "Narodnaya Volya", spaventò gran parte della società, compresi molti avversari di Maduro, da essa.
Misure severe contro "Narodnaya Volya"
Nel mezzo della violenza e della polarizzazione politica in tutto il paese, il governo ha intrapreso un'azione decisiva contro i leader di Narodnaya Volya, che ha incitato a questa instabilità.
Freddie Guevara, vice presidente dell'Assemblea nazionale e secondo uomo del partito, è stato il principale istigatore delle rivolte nel 2017. La minaccia di contenzioso sul suo ruolo in crimini di strada lo ha costretto a chiedere asilo all'ambasciata cilena, dove rimane oggi.
Quindi seguì una serie di detenzioni di altre figure chiave del partito. Sono stati accusati di varie accuse, che vanno dalle richieste di violenza allo stoccaggio di esplosivi, omicidi e omicidi. Qualcuno è riuscito a trattenere e qualcuno è fuggito negli Stati Uniti e lavora in varie ONG.
Quindi, "Narodnaya Volya" è stato distrutto - la sua sanguinosa campagna per destabilizzare il paese nella maggior parte dei casi ha spaventato le masse, ei suoi leader si sono trovati dietro le sbarre o in esilio. Dopo aver servito per 9 anni come assistente di un membro dell'Assemblea nazionale, Guaydo rimase una figura relativamente minore in politica. Nelle elezioni parlamentari del 2015, è arrivato secondo, guadagnando solo il 26% dei voti.
Recentemente, Guaydo è diventato noto come presidente dell'Assemblea nazionale, la maggioranza della quale è rappresentata dall'opposizione. Ma non è mai stato eletto in questa posizione - quattro partiti di opposizione che erano membri del gruppo Unità democratica hanno deciso di ruotare il sistema di presidenza. Venne il turno di Narodnaya Volya, ma il suo fondatore, Lopez, era agli arresti domiciliari, e il suo vice, Guevara, si nascondeva dalla giustizia venezuelana nell'ambasciata cilena. Il prossimo era Juan Andrés Mejía, tuttavia, per ragioni che stanno diventando chiare solo ora, Juan Guaydo è stato nominato per la carica di leader del partito.
Lo scienziato venezuelano Sequera crede che Guaydo sia stato scelto per una ragione di classe. Mejia - un rappresentante dell'alta società, ha studiato presso una delle università più costose del Venezuela e non è così facile presentare la gente come leader. Mentre Guaydo, come la maggior parte dei venezuelani, è un mezzosangue, sembra un uomo del popolo, inoltre, il suo nome raramente è apparso nei media, il che gli ha permesso di creare qualsiasi immagine necessaria.
Nel dicembre 2018, Guaydo viaggiò a Washington, in Colombia e in Brasile per coordinare un piano per l'organizzazione di manifestazioni di massa durante l'inaugurazione di Maduro. Alla vigilia della serata di gala, il vicepresidente Mike Pence e il ministro degli Esteri canadese Christie Freeland hanno chiamato Guaydo per confermare il loro sostegno.
Una settimana dopo, il senatore Marco Rubio, il senatore Rick Scott e un rappresentante di Mario Diaz-Balart - tutti questi membri del Congresso rappresentano gli interessi dei cubani emigrati in Florida - si sono riuniti alla Casa Bianca per incontrare il presidente Trump e il vicepresidente Pence. La conversazione riguardava il fatto che il presidente degli Stati Uniti accettasse di sostenere Guaydo se si fosse dichiarato presidente del Venezuela. Secondo il Wall Street Journal, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha incontrato personalmente Guaydo il 10 gennaio.
L'11 gennaio, la pagina nella Wikipedia di Guiko è stata modificata 37 volte, il che potrebbe indicare la diligenza con cui un'immagine creata dai politici è stata creata favorevole per l'ascesa al potere. Alla fine, il diritto di modificare questa pagina nell'enciclopedia elettronica rimane solo per gli amministratori di "Wikipedia", che ha soprannominato Guaydo "parzialmente riconosciuto come presidente ad interim del Venezuela" .
Guaydo avrebbe potuto essere un cavallo oscuro, ma qualità come il radicalismo e l'opportunismo soddisfacevano pienamente Washington. "Non ne avevamo abbastanza di lui, è ciò di cui abbiamo bisogno per l'attuazione piena e di successo della nostra strategia", ha dichiarato uno dei membri del governo Trump Guaido.
Il partito "Narodnaya Volya" formò le sue squadre d'assalto "guarimbus" per condurre disordini di massa, che causarono vittime tra la polizia e tra la popolazione civile. Inoltre, Guaydo si vantava del suo coinvolgimento personale nelle rivolte. Ma ora, per conquistare i cuori e le menti dei militari e della polizia, ha dovuto cancellare il suo passato sanguinante.
In una conferenza stampa tenuta tra i suoi sostenitori pochi giorni dopo l'auto-proclamazione, Guaido annunciò la sua via d'uscita dalla crisi: "Dobbiamo permettere l'intervento umanitario!"
In previsione di un'invasione diretta, Guaydo rimane quello che è sempre stato: un progetto preferito di creatori cinici dagli Stati Uniti.

parte 1