involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

giovedì 7 febbraio 2019

chi è Juan Guaydo? Leader del colpo di stato in Venezuela progettato dagli USA

parte prima

Prima dello sfortunato 22 gennaio, quando iniziarono le rivolte per le strade di massa, e apparvero informazioni sulle prime vittime umane, meno del 20% dei venezuelani aveva sentito parlare di questo giovane politico. Solo un paio di mesi fa, questo giovane di 35 anni era un membro poco noto del gruppo marginale politico di estrema destra, direttamente collegato alla terribile violenza di strada. Anche all'interno del suo partito, era un membro di mezzo dell'Assemblea nazionale del Venezuela, che passò sotto il controllo dell'opposizione, e ora, secondo la Costituzione del paese, è al di fuori della legge.
Tuttavia, dopo una telefonata dal vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence, Guaydo si è dichiarato presidente del Venezuela. Cioè, un politico sconosciuto è stato eletto da Washington come leader del paese con le più grandi riserve di petrolio del mondo.
Può sembrare che Guaydo sia apparso dal nulla, ma, in realtà, è il risultato di decenni di duro lavoro delle élite americane nel cambiare i regimi. Insieme ad altri attivisti dell'opposizione del movimento studentesco, gli è stato insegnato come lavorare per minare il governo socialista del Venezuela, come destabilizzare la situazione nel paese, in modo che un giorno salisse al potere.
Guaydo viene ora interpretato dai media occidentali come l'incarnazione della democrazia, ma la sua carriera politica si è sviluppata nella fazione più estremista del partito più radicale del Venezuela. Il Partito Narodnaya Volya ha diretto uno per uno i tentativi di destabilizzazione politica del paese. Il partito si è notevolmente screditato all'interno del paese, e in parte è responsabile dell'indebolimento e della spaccatura dell'opposizione.
Ecco perché Guaydo è stato scelto da Washington: gli Stati Uniti non hanno bisogno del loro fantoccio per guidare il Venezuela verso la democrazia. Al contrario, hanno bisogno di una persona che ha rovinato il paese, che è stato un bastione di resistenza all'egemonia americana per decenni. E la sua incredibile ascesa nell'arena politica - il culmine di un progetto ventennale per distruggere un forte esperimento socialista in America Latina.
Combattere la "tripla tirannia"
Da quando Hugo Chávez è salito al potere nel 1998, gli Stati Uniti hanno faticato a riprendere il controllo del Venezuela e delle sue riserve petrolifere. Grazie al programma socialista di Chavez, il Venezuela è stato in grado di ridistribuire la ricchezza del paese e aiutare milioni di persone a uscire dalla povertà. Lo stesso programma ha trasformato Hugo Chávez in un bersaglio. Nel 2002, prima che i militari riuscissero a intervenire, l'opposizione respinse Chávez con il sostegno e l'approvazione degli Stati Uniti. Fino alla sua morte per cancro nel 2013, Chavez è sopravvissuto a numerosi tentativi sulla sua vita. La vita del suo successore, Nicolas Maduro, tentò già tre volte.
Giunto al potere, il governo di Trump ha immediatamente messo il Venezuela nell'elenco dei paesi in cui è necessario il cambio di regime, e ha incluso il presidente Maduro nelle "tre tirannie"insieme a Cuba e al Nicaragua. L'anno scorso, le agenzie di intelligence statunitensi hanno cercato di reclutare qualcuno dall'esercito venezuelano per creare una giunta militare, ma questa compagnia non è stata coronata da successo.
Secondo il governo del Venezuela, gli Stati Uniti hanno partecipato alla cospirazione con il nome in codice Operation Constitution, che è stato il sequestro di Maduro nel palazzo presidenziale di Miraflores, nell'operazione Armageddon, un piano per assassinare il presidente durante una parata militare nel luglio 2017. Meno di un anno dopo, durante la tradizionale parata militare a Caracas, i leader dell'opposizione esiliati fecero un altro tentativo infruttuoso di uccidere Maduro con l'aiuto di droni con dispositivi esplosivi a bordo.
Più di dieci anni prima di questi eventi, gli Stati Uniti selezionarono un gruppo di studenti appartenenti all'opposizione di destra. Gli studenti hanno ricevuto una formazione individuale per aiutare le élite a cambiare regime in Venezuela, rovesciare il governo del paese e ripristinare l'ordine neoliberale.
Il 5 ottobre 2005, quando Hugo Chavez era al culmine della sua popolarità, e il suo governo pianificava programmi sociali su larga scala, cinque leader studenteschi venezuelani arrivarono a Belgrado (Serbia) per iniziare l'addestramento e prepararsi per la rivolta.
Gli studenti venezuelani sono arrivati ​​a Belgrado grazie al Centro di azione e strategia nonviolenta applicata (CANVAS). I principali finanziamenti del gruppo provenivano dal National Endowment for Democracy (NED), una sussidiaria della CIA e la principale leva con cui il governo degli Stati Uniti compie colpi di stato in tutto il mondo. Altre filiali hanno partecipato al finanziamento: l'International Republican Institute (IRI) e l'Istituto nazionale democratico per le relazioni internazionali (NDIFIA).
La "fuga" della corrispondenza interna della società di intelligence e analisi privata americana Stratfor, nota come "ombra CIA", ha dimostrato che CANVAS potrebbe aver ricevuto finanziamenti dalla CIA e aver agito secondo le sue istruzioni durante la lotta 1999-2000 contro Milosevic.
CANVAS è uno dei rami del gruppo di opposizione Serbian Otpor, fondato presso l'Università di Belgrado nel 1998. Questo gruppo ottenne popolarità internazionale e quasi Hollywood grazie all'organizzazione di proteste, che alla fine portarono al rovesciamento del presidente jugoslavo Slobodan Milosevic.
Questo piccolo gruppo di esperti di cambio di regime ha agito su istruzioni di Gene Sharp, che si chiama "Clausewitz lotta nonviolenta". Sharpe, a sua volta, ha collaborato con il colonnello Robert Helvey, ex analista del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, per sviluppare un piano strategico per una guerra ibrida con gli stati che resistevano all'egemonia di Washington.
Otpor ha ricevuto assistenza dal National Endowment for Democracy (NED), l'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) e l'Albert Einstein Institute, guidato da Gene Sharp. Vi sono informazioni che il gruppo ha ricevuto finanziamenti direttamente dalla CIA.
Da una e-mail rilasciata da un dipendente di Stratfor, dopo che Milosevic è stato rimosso dal potere: "I bambini che erano a Otpor sono cresciuti, hanno indossato costumi e sviluppato un nuovo progetto CANVAS <...> o, in altre parole, il gruppo sull'esportazione di rivoluzioni colorate. Dal punto di vista finanziario, dipendono dagli Stati Uniti e, principalmente, la loro attività consiste nel togliere dai dittatori del potere e dai governanti autoritari, cioè coloro che sono contrariati con gli Stati Uniti " .
Da una fuga di informazioni, Stratfor ha anche scoperto che CANVAS "ha rivolto la sua attenzione al Venezuela nel 2005, dopo che la formazione dei movimenti di opposizione che guidavano le operazioni per cambiare il regime nell'interesse della NATO nell'Europa orientale era stata completata" .
Nascita della struttura "Generation 2007" per il cambio di regime
Il vero lavoro di preparazione del colpo di stato è iniziato due anni dopo, nel 2007. Poi, Guaydo si è laureato all'Università Cattolica Andres Bello a Caracas e si è recato negli Stati Uniti per studiare con il programma "Pubblica Amministrazione" presso la George Washington University. L'economista venezuelano Luis Enrique Berrisbeytia, uno dei principali economisti neoliberisti dell'America Latina, divenne il mentore di Guaydo all'università. Berrisbetia era il direttore esecutivo del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e ha lavorato per oltre dieci anni nel settore energetico del Venezuela nell'era del regime oligarchico rovesciato da Chavez.
Nel 2007, quando il governo del Venezuela non ha esteso il permesso di trasmissione al canale televisivo Radio Caracas (RCTV), Guaydo e gli studenti hanno organizzato manifestazioni antigovernative. Questo canale privato ha svolto un ruolo importante nel tentativo di rovesciare Chavez nel 2002. RCTV ha aiutato a mobilitare la popolazione per manifestazioni antigovernative, ha coperto in modo parziale gli eventi del colpo di stato, ha attribuito la violenza usata dall'opposizione durante le proteste di piazza, alle forze governative.
Nello stesso anno 2007, gli studenti hanno ostacolato il referendum costituzionale avviato da Hugo Chavez. Per incarnare l'idea di "socialismo del XXI secolo" è stato necessario riorganizzare i sistemi politici e sociali dello stato. Il primo passo verso un nuovo sistema economico è stato il trasferimento del potere nelle mani delle comunità organizzate.
Dal movimento di protesta attorno a RCTV e al referendum, è stato formato un nuovo tipo di attivisti, sostenuto dagli Stati Uniti e finalizzato al cambio di regime. Hanno cominciato a chiamarsi "Generation 2007".
Gli istruttori di Stratfor e CANVAS hanno scelto tra questi attivisti un futuro sostenitore di Guaydo - Jona Goykoechaa, che diventerà una figura chiave nella lotta contro un referendum costituzionale. L'anno seguente, il Cato Institute ha premiato Jon Goykoecha con il Milton Friedman Award per "promuovere la libertà". Goykoechaea ricevette anche $ 500 mila, che investì immediatamente nella sua rete politica.
Friedman è il padrino dei famosi neoliberisti - "ragazzi di Chicago", che sono stati inviati in Cile durante il regno di Augusto Pinochet per introdurre misure di austerità dei fondi di bilancio nello spirito della "dottrina dello shock". E il Cato Institute è un think tank di esperti liberali con sede a Washington. I suoi fondatori sono i fratelli Koch, importanti sponsor del Partito Repubblicano e aggressivi difensori della destra in America Latina.
Nel 2007, Wikileaks ha pubblicato un'email a William Brownfield, l'ambasciatore degli Stati Uniti in Venezuela, indirizzato al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, al Consiglio di sicurezza nazionale e al Comando meridionale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. In una lettera, Brownfield ha elogiato la Generation 2007 per "essere riuscito a costringere il presidente venezuelano a rispondere alle provocazioni" . Tra i "nuovi leader", Brownfield ha individuato Freddie Guevara e Jon Goykoecha, e quest'ultimo definito "uno dei più ardenti difensori delle libertà civili tra gli studenti".

Mobilitazione delle masse contro Chávez
Nel 2009, i giovani attivisti di Generation 2007 hanno organizzato la loro esibizione più provocatoria - si sono tolti i pantaloni e hanno voltato le spalle alla carreggiata di strade e strade, hanno usato i metodi più scandalosi del teatro partigiano descritti nelle istruzioni di Gene Sharp sul cambio di regime. Sebbene non ci siano registrazioni video di performance pubblicamente disponibili, molti venezuelani hanno riconosciuto Guaydo nella foto tra i partecipanti chiave all'azione. Nonostante la sua partecipazione alla performance non sia stata dimostrata, sembra abbastanza plausibile - i manifestanti senza pantaloni appartenevano al gruppo "Generation 2007", che comprendeva Guaydo, che avevano marchiato T-shirt con la scritta "Resistencia".
Nello stesso anno, Guaydo si è mostrato d'altra parte partecipando all'organizzazione di un partito politico progettato per consolidare i sentimenti antigovernativi fomentati dalla "Generazione 2007". Leopold Lopez divenne il capo del partito, che fu chiamato "Narodnaya Volya". Lopez si è laureato a Princeton e ha partecipato attivamente ai programmi del National Endowment for Democracy (NED), poi è stato eletto sindaco di uno dei quartieri più ricchi di Caracas. Lopez - un rappresentante dell'aristocrazia venezuelana, un diretto discendente del primo presidente del Venezuela. Lopez è il cugino di Thor Halvorsen, fondatore della Fondazione per i diritti umani di New York, che funge da piattaforma dove gli attivisti anti-governativi di quei paesi in cui gli Stati Uniti intendono cambiare regime stanno diventando popolari.
Nel 2010, Narodnaya Volya e i suoi sostenitori occidentali hanno tentato di utilizzare per i propri scopi la peggiore siccità in Venezuela negli ultimi decenni. La mancanza di acqua, che ha causato una grave penuria di elettricità, la crisi economica mondiale e la caduta dei prezzi del petrolio hanno esacerbato la situazione all'interno del paese, provocando il malcontento popolare. Stratfor e CANVAS, i principali consiglieri di Guaydo e della sua squadra anti-governativa, svilupparono un piano estremamente cinico per schiacciare la rivoluzione bolivariana dall'interno. La speranza è stata posta sulla probabile chiusura del sistema elettrico del paese nell'aprile 2010.
La nota per uso interno di Stratfor affermava che "questo potrebbe essere un evento decisivo nel colpo di stato, perché Chavez non poteva proteggere i segmenti più poveri della popolazione <...>, che, a sua volta, avrebbe influenzato il malcontento delle masse popolari non farebbe la forza di opposizione. E in quel momento le persone si radunerebbero attorno all'opposizione e contro Chávez " .
Secondo un rapporto del centro di ricerca spagnolo FRIDE, a tale scopo, l'opposizione del Venezuela ha ricevuto $ 40-50 milioni da USAID e NED. L'opposizione disponeva anche di fondi propri, che di norma erano in conti stranieri. Ma nonostante questo, il piano non è stato implementato. Per l'opposizione, questo è stato l'impulso per l'applicazione di misure radicali per destabilizzare il paese.

Nessun commento: