involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

mercoledì 6 febbraio 2019

interessante intervista a giovane compagno venezuelano

interessante intervista a giovane comunista venezuelano in risposta agli "pseudo marxisti"

La situazione in Venezuela è tesa. I sostenitori dell'autorità legittima del presidente Maduro non intendono cedere la sovranità del paese ai gruppi dei loro arancioni avversari, guidati dal presidente autoproclamato sostenuto dagli Stati Uniti Guaydo. I gruppi oranjoid sono già stati influenzati per realizzare un colpo di stato nel paese con l'aiuto di una forte pressione internazionale. La situazione potrebbe esplodere in qualsiasi momento. In questo periodo acuto della vita del suo paese, il segretario generale della sezione giovanile del Partito comunista venezuelano, Hector Alejo Rodriguez, ha risposto alla richiesta dell'agenzia di stampa Red Spring di un'intervista e ha condiviso la sua visione di ciò che sta accadendo.
IA KV: Quali sono gli stati d'animo nel paese adesso, specialmente tra i giovani?
GAR: La situazione è piuttosto complicata, soprattutto dopo l'auto proclamazione illegale del Presidente del Parlamento, Juan Guaydo, in qualità di Presidente. Guaydo ha messo in dubbio i risultati delle elezioni presidenziali del maggio 2018. Egli "ascese" con il forte sostegno degli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti assunsero direttamente la direzione del colpo di stato in Venezuela. Si affidano ai settori reazionari di estrema destra, che apertamente difendono l'intervento straniero come un modo per rovesciare il governo legittimo. Gli americani, come al solito, giustificano la loro politica estremamente aggressiva contro il Venezuela dalla necessità di fornire assistenza umanitaria, violando tutti i principi del diritto internazionale.
Gli Stati Uniti stanno perseguendo una politica di blocco economico, sanzioni finanziarie, congelamento dei beni nazionali. Si tratta di misure volte a strangolare l'economia venezuelana e a mettere le conseguenze della crisi capitalista sulle spalle del nostro popolo.
La scelta del popolo venezuelano, e in particolare della gioventù, è di adottare le politiche imposte dagli imperialisti o di difendere il nostro diritto alla sovranità e all'autodeterminazione. Comprende la maggioranza delle persone. Il nostro popolo ha una lunga tradizione di lotta anti-coloniale e anti-imperialista.
La settimana scorsa sono state organizzate importanti manifestazioni in tutto il paese, mostrando l'unità del popolo e del governo di fronte a qualsiasi interferenza. I tentativi degli Stati Uniti e delle potenze europee di imporre ciò di cui hanno bisogno non ci spaventano.
Tuttavia, gli imperialisti stanno avanzando nei loro piani per riconoscere il governo fantoccio. Ha già seguito le misure per congelare i beni dell'industria petrolifera e i conti della Banca centrale del Venezuela negli Stati Uniti. L'Occidente mette pressione a livello internazionale, altri paesi stanno prendendo misure simili contro il nostro paese. Il terreno è già pronto per l'intervento militare con la partecipazione dei governi fantoccio di Colombia e Brasile.
Come risultato della crisi economica e di come ha influenzato la vita delle persone, il paese si trova in una situazione politica e sociale difficile. La pressione esterna degli imperialisti si intensifica proprio al momento delle difficoltà economiche. In un momento in cui le critiche delle persone alla politica economica incoerente, l'efficacia dei monopoli, quando i salari diminuivano, il potere d'acquisto dei cittadini si deteriorava.
L'imperialismo cerca di beneficiare di questo malcontento, cerca di ottenere popolarità in alcuni settori della società per attuare i suoi piani, o semplicemente cerca di paralizzare la volontà di agire nelle persone.
La linea PCV (Partito Comunista del Venezuela) e JCV (Organizzazione giovanile del Partito Comunista del Venezuela) è quella di raggiungere la più grande unità patriottica e antimperialista di fronte all'intervento militare esterno.
IA KV: Quali paesi supportano il governo di Nicolas Maduro e non riconoscono le azioni di Guaydo come legali?
GAR: La maggior parte dei paesi del mondo riconosce il legittimo presidente Nicolas Maduro. Le affermazioni di Stati Uniti e Unione europea nelle Nazioni Unite e nell'Organizzazione degli Stati americani (OSA) non hanno avuto successo. Il Venezuela ha sviluppato una politica di diversificazione delle sue relazioni commerciali e politiche in chiave di multipolarità per 20 anni. Pertanto, il paese ha forti relazioni e influenza nei Caraibi, nell'OPEC, in Africa, nel Medio Oriente, in Asia e con poteri così grandi come la Cina e la Russia.
L'obiettivo del nostro paese ora è quello di rimuovere la possibilità di una guerra imperialista sul nostro territorio. Tutta la nostra politica estera diretta dal governo del presidente Nicolas Maduro con il sostegno dei paesi amici del Venezuela è subordinata a questo.
IA KV: Ora il settore di sinistra degli pseudo-marxisti si è intensificato, affermando che la Russia non dovrebbe sostenere il Venezuela, perché la Russia è l'imperialismo russo. Cosa risponderesti a loro?
GAR: Anche qui ci sono questi settori. Ma questo è un profondo fraintendimento della crisi internazionale e di come la lotta di classe e le contraddizioni tra le potenze capitaliste possano, e quindi debbano essere usate dai popoli, resistere e sconfiggere il loro nemico immediato. Non caratterizziamo la Russia come una potenza imperialista e crediamo che il ruolo che gioca nell'affrontare l'egemonia degli Stati Uniti a livello internazionale lo rende un alleato del nostro popolo nella lotta per proteggere la sovranità e l'autodeterminazione del Venezuela.

Nessun commento: