involuzione

involuzione
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

giovedì 13 febbraio 2020

Media Presents Anger and Jeers Against Juan Guaido as Hometown Hero’s Welcome

Media Presents Anger and Jeers Against Juan Guaido as Hometown Hero’s Welcome: Upon his return to Venezuela, Juan Guaido was greeted by an enraged mob hectoring, jeering and manhandling him, kicking his car and covering him in water and other liquids.

domenica 2 febbraio 2020

LA "GUERRA IBRIDA" DELLA NATO

La leadership della NATO sta costantemente introducendo nuovi modi di influenzare i suoi avversari, siano essi reali o potenziali. Oggi si parla molto della NATO impegnata nella cosiddetta "guerra ibrida", mentre in precedenza Russia, Iran, Cina e altri rivali della NATO erano stati diffamati come stati che svolgono tali attività. In realtà, il termine, simile al concetto stesso, è apparso all'interno del blocco euro-atlantico e ha fornito un approccio integrato alla condotta dello scontro nella società dell'informazione. Inizialmente, il concetto di "confronto ibrido" o "guerra ibrida" si basava sulla " teoria dei cinque anelli di Warden": Leadership, elementi essenziali del sistema, infrastrutture, popolazione e forze militari schierate. Attraverso questa teoria viene creata un'immagine della stabilità dell'avversario, vista come la capacità di ogni singolo elemento del sistema e le connessioni tra di loro. Si presume che il più importante o il più vulnerabile di questi elementi strutturali debba essere preso di mira a distanza. Impegnarsi in uno scontro armato diretto è condotto solo come ultima risorsa.
Studiare la "guerra ibrida" della NATO
I cinque anelli di Warden
Secondo gli esperti della NATO, la natura complessa delle minacce non lineari complica il compito di identificare le loro fonti, che sono in genere anonime. La combinazione equilibrata di metodi e mezzi di guerra asimmetrica complica qualsiasi valutazione operativa della situazione attuale, confonde i confini tra guerra e pace, complica in modo significativo il processo decisionale e la scelta delle misure da utilizzare come risposta.
Le seguenti sono considerate forme di azione "ibrida":
  • operazioni informative e psicologiche contro organi di comando statali e militari, personale delle forze armate e popolazione dello stato contraddittorio;
  • attacchi informativi a reti e infrastrutture di computer statali, militari e commerciali;
  • un'interruzione totale o parziale delle relazioni economiche, violazione delle comunicazioni di trasporto, introduzione di un embargo e un blocco;
  • organizzazione di proteste di movimenti di opposizione e azioni distruttive attraverso "agenti di influenza";
  • compimento di azioni armate e sabotaggio da parte di forze operative speciali, gruppi terroristici o unità irregolari.
I principi chiave dello svolgimento della "guerra ibrida" sono considerati tempestività, sorpresa e segretezza. La fase iniziale del conflitto, secondo l'alleanza NATO, è la destabilizzazione deliberata e pianificata della situazione politica interna nello stato attraverso una campagna di informazione aggressiva.

Nel contesto della crisi in via di sviluppo, le forze operative speciali vengono trasferite nel territorio dello stato avversario con il compito di assumere il controllo di oggetti chiave di comando statale e militare, nonché di infrastrutture di informazione e comunicazione.
Allo stesso tempo, vengono organizzate esercitazioni militari di grandi dimensioni per le maggiori forze armate convenzionali, dimostrando la possibilità di un intervento militare su larga scala.
In futuro, si presume che un focolaio di ostilità sarebbe organizzato, usando le forze armate dell'opposizione, i separatisti, i gruppi di banditi e il crimine organizzato, in congiunzione con la più attiva propaganda e la pressione della tecnologia dell'informazione sulle strutture dell'infrastruttura dell'avversario.
Dopo aver minato efficacemente la sovranità di una parte del territorio dello stato avversario sotto controllo, vengono prese misure per consolidare legalmente il suo nuovo status, cambiare la struttura politica e territoriale e distribuire permanentemente unità e subunità della NATO.
Nonostante la relativa novità del termine "guerra ibrida" stessa (utilizzata all'interno della NATO dal 2014, una bibliografia sull'argomento può essere trovata QUI ), lo sviluppo di misure e metodi per esercitare una pressione globale sull'avversario è stato in corso in Occidente per diversi decenni. Dalla fine degli anni '90, questo approccio è stato conosciuto come una combinazione di forze, mezzi, approcci e metodi di "soft power" per scopi militari e politico-politici. In seguito ha ricevuto il nome di " approccio globale della NATO " per garantire la sicurezza. Il concetto corrispondente è stato approvato al vertice di Riga della NATO nel 2006.
Clicca per vedere l'immagine a grandezza naturale
Secondo il concetto e i documenti sviluppati sulla base dell'approccio globale, il piano è quello di raggiungere gli obiettivi della NATO attraverso la cooperazione con le organizzazioni non governative internazionali e regionali e l'opposizione locale, nonché con strutture criminali in ogni fase di sviluppo della crisi . Allo stesso tempo, gli strumenti militari, di ricognizione, di sabotaggio e diplomatici devono essere impiegati per prevenire il raggiungimento dello scenario indesiderabile di conflitto aperto.
La parte più significativa delle azioni "ibride" del blocco è il confronto psicologico-informativo. Durante tutte le loro operazioni negli ultimi anni, gli alleati della NATO hanno costantemente influenzato il loro pubblico di destinazione attraverso una propaganda psicologicamente sofisticata. Gli Stati Uniti e la NATO cercano di eliminare completamente il "vuoto informativo" che potrebbe essere utilizzato dallo stato avversario. Quando questo non è efficace, viene impiegato un dominio schiacciante nella tecnologia dell'informazione nello spazio globale delle informazioni.
Il ruolo chiave è svolto da "Mainstream Media". In questo caso, viene utilizzato un modello di interazione, la cui essenza è la formazione di un gruppo di media "privilegiati", a cui sono tutti assegnati diritti prioritari nella copertura e nell'interpretazione degli eventi. Ciò è supportato dal pieno potere tecnologico delle principali piattaforme informative come Google, YouTube, Facebook, Tweeter, ecc.

Un significato particolare è tradizionalmente attribuito all'uso della disinformazione diretta, alla distorsione dei fatti, al ridicolo e ad altri metodi di influenza psicologica dell'informazione.
Nell'ambito dello sviluppo del concetto di "guerra ibrida", la NATO sta adottando misure attive per proteggere dalle minacce asimmetriche e per sviluppare mezzi di influenza asimmetrici offensivi. In particolare, negli ultimi tre anni, la NATO ha rivisto il suo "Manuale del sistema di risposta alle crisi" e i suoi piani di "difesa". Nel 2015, la "Strategia di guerra ibrida" approvata dalla NATO si è concentrata sulla lotta contro i metodi di "guerra ibrida". In conformità con il documento, i principali obiettivi dell'alleanza sono definiti come segue: rilevamento tempestivo della minaccia "non lineare" e la sua fonte; convincere un potenziale avversario della irraggiungibilità degli obiettivi perseguiti e l'attuazione di misure per garantire la sicurezza interna degli Stati membri.
Nelle migliori tradizioni del linguaggio dei doppi standard, i termini "protezione e sicurezza" nascondono la natura offensiva delle misure in fase di sviluppo. Al vertice dell'Alleanza a Varsavia nel 2016, gli Alleati si sono impegnati a "Impegnarsi a migliorare la resilienza della NATO". Il documento ha registrato l'intenzione dei paesi della NATO di sviluppare una "capacità individuale e collettiva di resistere all'intero spettro di sfide da qualsiasi direzione. "Allo stesso tempo, è stata prestata particolare attenzione al rafforzamento del settore civile, tra cui garantire il funzionamento continuo degli organi di governo e il funzionamento ininterrotto dei servizi nazionali critici, migliorare la sicurezza delle infrastrutture critiche e fornire sostegno alle imprese e alle società civili nel settori dell'energia, dei trasporti e delle comunicazioni. Così,
Data la natura complessa delle minacce ibride, la difficoltà della loro identificazione e la natura devastante delle loro conseguenze, i leader dei paesi della NATO non hanno escluso la possibilità di coinvolgere meccanismi di "difesa collettiva" (Articolo 5 del Trattato di Washington [Il Nord Atlantico [ Trattato]) in risposta all'aggressione asimmetrica. Di conseguenza, al vertice della NATO a Bruxelles nel 2018, è stato deciso di formare squadre di supporto contro-ibrido, che forniscono assistenza mirata su misura agli Alleati su loro richiesta di preparazione e risposta alle " minacce ibride ". In questo caso, le "minacce ibride" possono essere definite come qualsiasi azione non militare contraria agli interessi della NATO.
Allo stesso tempo, il numero del personale che comprende la NRF (NATO Response Force) fu aumentato da 25.000 a 40.000 truppe. Ciò includeva un'unità interspecifica NRF ad alta prontezza (Very High Readiness Joint Task Force [VJTF]) che contava 5.000 truppe in grado di schierarsi in breve tempo, tra 2 e 7 giorni. Il concetto di potenziamento del NRF VJTF è stato rivisto in dettaglio, una divisione Joint Intelligence and Security (JIS) è stata formata nel Segretariato Internazionale e il NATO Situation Center (SITCEN), che fa parte del quartier generale della NATO, è stato trasformato in un 24 / 7 operazione.

Un ruolo importante nel contrastare le minacce "non lineari" si ottiene stabilendo capacità nel campo della sicurezza informatica. La sicurezza informatica si riferisce, tra l'altro, all'attività dei mass media discutibili. Le principali direzioni di sviluppo sono state formulate nel "Pegno di difesa informatica" dal 2016. Propongono lo sviluppo di una cooperazione tra strutture nazionali nel campo della tecnologia dell'informazione, potenziando e aumentando lo scambio di dati, lo sviluppo del personale e l'educazione su questioni rilevanti durante il funzionamento e addestramento al combattimento. Il cyberspazio è stato introdotto come campo di guerra. Ulteriori budget multimilionari sono stati assegnati, per la guerra nel nuovo dominio cibernetico tra il 2017-2020. Nel 2018, il Consiglio NATO ha deciso di istituire un Cyber ​​Operations Center a Monet, in Belgio,
Nell'interesse di identificare azioni nell'ambiente dell'informazione che sono considerate aggressive, i paesi della NATO raccolgono dati sull'uso delle strutture di telecomunicazione e dei canali di distribuzione delle informazioni. Allo stesso tempo, vengono lanciate campagne su larga scala per screditare i media discutibili, anche impiegando risorse tecniche e amministrative e l'introduzione di una rigorosa censura

venerdì 10 gennaio 2020

I socialisti devono evitare la trappola della politica dell'identità borghese se vogliono fare progressi nell'unire la classe operaia contro il capitalismo.

Questo testo è un estratto di un discorso tenuto da un membro del comitato centrale all'ottavo congresso del partito a settembre.
Il discorso faceva parte di una lunga discussione sul tema della politica dell'identità in generale e dell'attivismo LGBT + in particolare. Alla fine della discussione, il movimento di emergenza del comitato centrale sulla politica di identità è stato adottato in modo schiacciante dal congresso. Altre mozioni sull'argomento, che chiedevano al partito di adottare l'attivismo LGBT + nel suo programma, sono state ampiamente soppresse.
La ragione del nostro dibattito di oggi è un fenomeno che ho incontrato inizialmente come accademico facendo un master e poi un dottorato in discipline umanistiche. Negli ultimi otto anni, sono stato impiegato per tenere conferenze sulle identità LGBTQ, sulla teoria queer e sulla politica dell'identità durante l'esecuzione.
Nel 1995, c'è stato un enorme cambiamento nelle discipline umanistiche - un momento che posso chiaramente individuare nella traiettoria dei miei studi, che ha coinciso con l'inizio della mia formazione per una laurea in lingue e linguistica in Europa. Questo cambiamento è stato consolidato quando ho iniziato il mio programma post-laurea in Gran Bretagna, nel ventre dell'educazione capitalista occidentale.
La prima cosa che mi è stata insegnata, come studente e in seguito come parte dello staff accademico nei primi anni 2000 - basato su libri che erano stati pubblicati anni prima, a seguito degli anni '60 e di ciò che l'Euroleftismo considerava "la fine di lotta di classe ": era che non abbiamo bisogno di parlare di classe nelle discipline umanistiche; che non è più "alla moda" considerare "la grande narrativa della classe" e che tali idee erano scadute dopo il maggio '68.
Invece, mi è stato detto che dovevamo parlare di "identità" sulla base di una nozione di "differenza". Avevo bisogno di familiarizzare con il movimento filosofico completo che si concentra sulla differenza; che non parla più di cose che possono radunare le persone attorno a una realtà condivisa, o di condizioni materiali che le persone possono avere in comune, ma dichiara questo un "fallimento" sin dall'inizio, sostenendo che è inutile cercare di trovare cose in comune con gli altri .
Mi è stato insegnato che questa comprensione del "fallimento" dovrebbe essere la base delle scienze umane e della cultura contemporanee e che non è più necessario studiare le scienze "positiviste" come la sociologia con le sue rigide categorie; che non è necessario ricercare spiegazioni sociologiche per fenomeni culturali, poiché ciò porta a conclusioni "deterministiche". Invece, devi andare direttamente alle teorie poststrutturaliste, alle idee sulla "decostruzione" e ai filosofi postmoderni come Jacques Derrida per affrontare la "differenza", come l'unica idea che unisce le persone.
Questa è stata la conclusione dei miei studi post-laurea: siamo uniti solo nel nostro individualismo. Posso ancora essere pagato oggi, o avere biglietti aerei offerti dalle università per tenere lezioni su "studi queer" - che posso fare del mio meglio per trasformare in opportunità per l'analisi di classe, ma credetemi, non è facile.
Certo, sono pagato ogni ora senza contratto a tempo indeterminato, come docente di donna, perché le attività universitarie in cui ho lavorato hanno messo in atto una politica di discriminazione positiva, che spunta le caselle quando si assume un uomo che si identifica come una "donna" e che può ottenere la posizione di docente che ha molto più senso finanziario per la gestione dell'università che pagare per il mio congedo di maternità. Bisogna confrontare le basi materiali della mia esistenza e l'identità di un uomo che si definisce una donna e che ha studiato Derrida ovviamente, come ho fatto io. Quest'uomo ha tutto il sostegno filosofico, oltre al finanziamento dell'università per rafforzare la sua posizione e chiamare la mia classe riguarda un "progetto fallito" come il progetto dell'Illuminismo (questo è ciò che insegnano nel postmoderno - la fine della logica; la fine della storia l'inutilità della lotta e della resistenza sociale).
Siamo in questa festa perché siamo d'accordo con quello che ha detto Karl Marx? Comprendiamo la necessità di sfuggire a questa educazione capitalista che ci disabilita; ciò disabilita la nostra capacità di unire e comprendere ciò che abbiamo in comune e agire su di esso; che ci insegna a feticizzare la nostra perdita? Mi hanno offerto vari lavori per parlare della mia "perdita", di ciò che mi rende diverso, come donna; parlare di stupro e traumi del "patriarcato". Si può ottenere carriere accademiche essendo "anti-patriarcali" e considerandosi "una classe per conto nostro". Ma non facciamo parte di questo partito perché crediamo di essere una classe per conto nostro, e nessuno che sia marxista leninista dovrebbe crederlo.
Si può sicuramente fare più soldi insegnando agli altri a credere di essere una classe in sé, ma siamo qui perché difendiamo la verità, non le carriere. Difendiamo Stalin perché difendiamo la verità storica, non perché Stalin ci distingue come "diversi". Sono sicuro che al giorno d'oggi alcuni possono venire a questa festa per essere "se stessi"; come un altro modo "radicale" di feticizzare la loro "identità" e di dichiararsi "diversi" rispetto ad altre lesbiche gay o altre lesbiche o altre persone "fluide di genere" che conoscono. Difendere Stalin può diventare un altro modo per identificarsi.
Ma non siamo qui per difendere le nostre identità individuali; siamo qui per scoprire davvero cosa ha reso possibile la società comunista. Se vogliamo aiutare le persone che si trovano in uno stato di perdita, in uno stato di dipendenza, allora dobbiamo essere "comunisti" e osare parlare delle cose che sono l'alternativa a ciò che ci insegnano.
In primo luogo, dobbiamo renderci conto esattamente di quali bugie e errori ci insegnano la classe dominante e di come queste ideologie ci disabilitano mentre si nascondono in una narrazione su "empowerment" individuale, "agenzia" e "auto-liberazione". Ci insegnano che abbiamo più 'agenzia' come 'ibrido', 'fluido', individuo, non collegato alla biologia o fondamenti materiali, precariato.
Ci insegnano che in realtà è fuori moda aspettarsi di godere della pensione, di una pensione o di un alloggio permanente; è di tendenza essere "nomade"; è creativo vivere nella precarietà e non avere un lavoro permanente. Ci insegnano ad amare il "cambiamento" e a non amare la "stabilità"; unirsi agli altri nell'amare la nostra "mancanza" - ciò che il capitalismo ci ha rubato.
Ci insegnano ad amare le inflizioni del capitalismo, i traumi dello sfruttamento; insegnano alle persone a pensare che questo atteggiamento sia rivoluzionario. Ma è falsa coscienza e nient'altro. Fanno una parodia della classe operaia. Questa ideologia ci separa, ci isola in folle solitarie e passive di "io". Ci insegnano a odiare ciò che è salutare e invece amano le nostre malattie.
Il momento della verità è arrivato per me quando mi è stato negato il mio dottorato di ricerca. La mia tesi era una critica dell'educazione "inclusiva" di New Labour. In esso, ho parlato della disabilità degli studenti e, a quanto pare, ho fatto l'errore di non riuscire a collegare la disabilità con la politica dell'identità, invece di parlarne in termini di classe. Ho sostenuto che l'educazione borghese opprime i bambini non perché sono disabili fisici o mentali ma perché sono bambini della classe operaia. Ho sostenuto che il capitalismo definisce l'identità borghese come abilità; le persone sono viste come capaci quando appartengono alla borghesia e si sottomettono alla sua ideologia. Il capitalismo considera l'identità della classe operaia una disabilità e cerca di "gestirla" e integrarla nel suo sistema di sfruttamento, non per alleviarla o curarla.
Nel momento in cui ho iniziato a trarre tali conclusioni, gli esaminatori hanno contestato la mia metodologia per "motivi etici" e mi hanno negato il mio dottorato. Ho dovuto inviare nuovamente la mia tesi, perché, secondo gli esaminatori, stavo "etichettando" le persone chiamandole "classe operaia". L'unica identità veritiera - una realtà sociologica che sono stato in grado di dimostrare con molte prove statistiche - è stata censurata come "etichettatura". Mi era proibito parlare della classe dei miei studenti, ma potevo condurre un sondaggio sui "desideri sessuali" dei bambini delle scuole elementari senza problemi.
Sono a questo partito perché il comunismo è l'unico discorso, l'unica filosofia, l'unico modo per parlare delle cose come sono e radunare le persone non intorno alla loro "mancanza" ma intorno alla loro unica identità collettiva, l'unica che abbiamo, che che si basa sulla nostra classe. Non siamo qui per feticizzare i nostri traumi, poiché li viviamo sotto il capitalismo.
In una società comunista, le persone sperimentano se stesse e gli altri in modo diverso, come in una società come quella di Cuba. Non possiamo confrontarci con Cuba. Cuba si è sviluppata lungo un percorso socialista; le persone sono al potere; approvano la legislazione relativa alla loro società e al suo posto nella sfera internazionale. Ai bambini cubani nelle scuole non viene insegnato ciò che viene insegnato ai nostri figli. Lo stato e il governo socialista filtrano le cose in modo molto diverso perché l'economia non è la stessa che abbiamo qui. Le leggi cubane su LGBTQ non possono essere paragonate alla politica britannica dominante. Come lavoratori britannici dobbiamo concentrarci su ciò che sta accadendo nel nostro paese e cercare un'istruzione alternativa a quella che stiamo ottenendo.
Dobbiamo ripristinare le cose che ci uniscono e non le cose che ci dividono. L'unica cosa che ci unisce è la classe e se ti preoccupi del benessere delle persone gay, delle donne stuprate, dei bambini disabili, ecc., Devi dichiarare che l'unica agenzia che hanno è se agiscono collettivamente in un modo politico organizzato basato su i loro interessi di classe e non un vago idealismo.
Se ti preoccupi della dignità delle persone oppresse, devi convincerle a unirsi agli altri e chiedere potere; chiedere tutto ciò di cui discutiamo nelle risoluzioni del congresso del nostro partito.
Marxismo Il leninismo è l'unico modo per garantire il successo della lotta dei lavoratori. Come leninisti marxisti non patrociniamo le persone; non diciamo loro che ciò che stanno attraversando è qualcosa che dovrebbero indossare come identità, perché tali identità isolanti li disabilitano. Abbiamo una responsabilità nei confronti delle persone che soffrono e dobbiamo difenderle dicendo la verità.
I "diritti transgender" sono ideologia borghese. L'intera questione confonde la realtà. È puro idealismo perché la realtà è che non possiamo scegliere la nostra identità a volontà. È un'illusione, un errore e un crimine insegnare alle persone a pensare di poter scegliere in questo modo, sotto il capitalismo.

Siamo qui per aiutarli a dissipare le loro illusioni borghesi e le nostre prime, per quanto onerose e dolorose possano essere.

lunedì 6 gennaio 2020

IRAN



00:44
Leader cristiano anti-ISIS : Se alcuni dimenticano il loro debito con noi [i cristiani] non dimenticheremo .. ha avuto un ruolo in Iraq nella sconfitta dell'ISIS e nella li

Sondaggi: l'80% dei rumeni ritiene che l'esecuzione di Ceausescu sia stata un crimine e il 60% dei giovani pensa che con il comunismo vivrebbero meglio

Trenta anni dopo il violento colpo di stato contro il popolo rumeno, nel dicembre 1989,
che si concluse con l'esecuzione di Nicolae Ceausescu e sua moglie e provocò un periodo di distruzione di massa di posti di lavoro, industria nazionale e un esilio di massa di lavoratori per sopravvivere, il Centro urbano e regionale di sociologia (CURS, in rumeno), ha condotto un nuovo sondaggio che ha portato a un altro nuovo fiasco per i mezzi di propaganda del capitale e il suo enorme sforzo per criminalizzare il comunismo.

Lo studio rivela che i rumeni, di tutte le età, non credono alla propaganda e giudicano dalla disastrosa realtà di tre decenni di capitalismo. 

Ad esempio, per quanto riguarda il processo per farsa che i produttori di colpi di stato hanno commesso al presidente Nicolae Ceausescu e sua moglie, con una sentenza sommaria di morte, con l'obiettivo principale di mettere a tacere ed evitare la resistenza dei lavoratori rumeni e quella del presidente stesso del paese, Il 74% dei partecipanti al sondaggio è molto chiaro che non si è trattato di un processo equo, con solo l'11% che pensa di esserlo. In relazione alla convinzione di quel paripé, il 78% ritiene che i giustiziati non meritino di essere uccisi, mentre solo l'11% afferma il contrario.
 
Prima della domanda se si vive meglio sotto il capitalismo rispetto a prima del 1990, solo il 38% ha risposto affermativamente, mentre solo il 33% lo ha fatto quando la domanda si riferiva alla propria esperienza personale, alla propria vita sotto entrambi regimi. 

D'altra parte, un'altra analisi statistica, pubblicata questa volta dalla portavoce della capitale EuropaFM , incentrata sui giovani, come l'emittente, mostra che un diverso studio condotto dalla società di studi sociologici, CURS, ha determinato che il 60% del I giovani rumeni credono che durante gli anni della prevista economia socialista abbiano vissuto meglio che sotto l'attuale regime capitalista, mentre il 20% degli altri non è interessato alla questione.
 
Questa notizia corrisponde a quella conosciuta attraverso un altro, pubblicato pochi giorni fa  studio, quello dell'Associazione delle vittime del comunismo , con sede a Washingtonin , che ha confermato che i "millennial" (giovani tra il 1981 e il 1996) I rumeni  voterebbero nel 2020 a un candidato comunista  se si presentasse alle elezioni . Ricordo che in Romania i partiti Comunisti sono vietati