involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

sabato 26 gennaio 2013

Evo Morales: dieci comandamenti contro il capitalismo, per la vita e l'Umanità

"La nostra visione del socialismo Comunitaria di Living Well si basa sui diritti e non sul ​​mercato. Essa si basa sulla piena realizzazione della felicità umana dei popoli e delle popolazioni, attraverso la piena complementarità dei diritti dei popoli, persone, stati e Madre Terra "
Il 21 dicembre, in una celebrazione del solstizio nel lago Titicaca, nelle Ande, presidente della Bolivia Evo Morales ha introdotto il "Manifesto di Isla del Sol."  "Vivir Bien" è stato a lungo un elemento chiave nella filosofia politica Morales '. La frase significa letteralmente "vivere bene", ma il suo significato in Bolivia è più vicino a "vivere nel modo giusto" o "vivere in modo appropriato, in modo che gli altri possono anche vivere."

DIECI COMANDAMENTI per affrontare CAPITALISMO
E la costruzione di
UNA CULTURA DELLA VITA
Sorelle e fratelli, voglio esprimere il mio stupore per la dimensione di questo grande incontro che oggi riunisce, in questo Isla del Sol, sorelle e fratelli di Yala, America, Europa, Africa e Asia.
Un saluto al nostro Vice-Presidente della Bolivia, Álvaro García Linera, al Vice-Presidente del Nicaragua, Omar Moisés Halleslevens Acevedo, al Ministro delle comunicazioni e informazioni del Venezuela, Ernesto Villegas, e ai viceministri del Venezuela per l'America Latina e Caraibi, Verónica Guerrero, e per il Nord America, Claudia Salerno, al Ministro della Cultura di Cuba, Rafael Bernal Alemany, ai ministri e ambasciatori di Bolivia, di tutta l'America, dell'Asia e dell'Europa.
Saluti, nonché, per i nostri dirigenti, uomini e donne che stanno guidando i movimenti sociali e le organizzazioni dei vari settori che sono stati dibattito intorno a questo 21 dicembre ed esprimere alcuni pensieri profondi politici, economici, sociali e per l'ambiente e la Madre terra. Essi sono impegnati in un dibattito continuo circa l'uguaglianza e la giustizia sociale.
Oggi siamo tutti riuniti qui, al tempo di Pachakuti, nel momento di cambiamento.
La Isla del Sol, la nascita di un nuovo tempo
Dal Isla del Sol, dal Sacro Lago Titicaca che condividiamo tra Perù e Bolivia, vogliamo dirvi che siamo riuniti oggi, il 21 dicembre 2012 non, in attesa che il mondo è alla fine, dato che alcuni erano dicendo. Il mondo non potrà mai finire. Siamo qui per dare speranza in questa nuova alba per i popoli di tutto il mondo.
In questo Isla del Sol, dove un migliaio di anni fa, il tempo del sole cominciò, Manco Kapac e Mama Ocllo, che erano a fondare Tahuantinsuyo, sono nati. Questo è il motivo per cui questa isola è l'isola fondazione del tempo e della storia dei figli del sole. Ma più tardi, il buio è arrivato con gli invasori stranieri. Incoraggiati dalla cupidigia, sono venuti al nostro continente, Abya Yala, di sottoporre le nazioni indigene. Era il tempo di oscurità, di dolore e di tristezza, un tempo che per i bambini del Willka fu un periodo di tempo.
Oggi, da questa stessa isola che ha dato alla luce Tahuantinsuyo, stiamo chiudendo l'epoca delle tenebre e del non tempo, e stiamo aprendo un nuovo tempo della luce: la Pachakuti.
Anche in questo caso, i popoli del mondo, i movimenti sociali, le persone emarginate, discriminate, umiliate, si stanno organizzando, mobilitando, guadagnando consapevolezza e derivanti di nuovo come in quei tempi del Pacha, i tempi di Pachakuti.
Ecco perché, fratelli e sorelle, questo grande evento storico senza precedenti è una grande sorpresa, in quanto è, anche, per i nostri fratelli in Guatemala, Messico, Ecuador e in altri paesi del mondo, che oggi si stanno mobilitando per ricevere il Pacha.
Questa mattina, con il fratello vicepresidente Álvaro García e con il Ministro degli affari esteri fratello, David Choquehuanca, siamo stati informati che i popoli del Nord America, sia in Canada che negli Stati Uniti, si stanno mobilitando per esprimere la loro speranza in questa solstizio d'estate.

Sorelle, fratelli:. Il mondo è stato colpito da una crisi mondiale più che si manifesta in un clima, finanziaria, alimentare, istituzionale, crisi culturale, etica e spirituale Questa crisi ci indica che stiamo vivendo negli ultimi giorni di capitalismo e consumismo sfrenato, cioè, di un modello di società in cui gli esseri umani sostengono di essere superiore alla Madre Terra, trasformando la natura in un oggetto del loro dominio spietato predatore.
Gli ideologi del capitalismo sostengono che le seguenti sono le soluzioni alla crisi del sistema capitalista:
Da un lato, più il capitalismo, più privatizzazioni, più mercificazione, più consumismo, lo sfruttamento più irrazionale e predatorio delle risorse naturali e più protezione per le imprese e il profitto privato.
D'altra parte, meno diritti sociali, la salute pubblica meno, meno istruzione pubblico e gratuito, e meno la tutela dei diritti umani.
Oggi le società ei popoli dei paesi sviluppati sono tragicamente vivendo la crisi del capitalismo creato da proprio mercato. Governi capitalisti pensano che sia più importante per salvare le banche che per salvare gli esseri umani, ed è più importante per salvare le aziende che per salvare le persone. Nel sistema capitalista, le banche hanno diritti di priorità economiche e godere di prima classe della cittadinanza, ed è per questo si può dire che le banche valgono più della vita. In questo capitalismo senza freni, individui e dei popoli non sono fratelli e sorelle, non sono cittadini, non sono esseri umani, uomini e dei popoli sono inadempienti debito, mutuatari, gli inquilini e clienti, in breve, se la gente non ha soldi, sono nulla.
Viviamo nel regno del colore verde. Verde come i dollari sono le politiche monetarie, verde come i dollari sono le politiche di sviluppo, verde come i dollari sono politiche per la casa, verde come i dollari sono le politiche di sviluppo umano e le politiche ambientali. Ecco perché, di fronte alla nuova ondata di crisi del sistema capitalista, i suoi ideologi sono usciti a favore della privatizzazione natura attraverso la cosiddetta economia verde o capitalismo verde.
Tuttavia, le ricette del mercato, del liberalismo, della privatizzazione semplicemente generare povertà e l'emarginazione, la fame e l'emarginazione.
Le immagini che il capitalismo lascia libero al mondo sono sinistri:
  1. Più di 850 milioni di persone che soffrono la fame nel mondo, quasi 200 milioni in più rispetto a quelli che esistevano 30 anni fa;
  2. L'aspettativa di vita dei più poveri del mondo continua ad essere lo stesso come lo era nel 1977, cioè 44 anni di età;
  3. Circa 1,3 miliardi di persone vivono in condizioni di povertà;
  4. Ci sono vicino a 230 milioni di disoccupati nel mondo, 40 milioni in più di quante ce ne fossero 30 anni fa;
  5. Infine, i paesi sviluppati annualmente sprecare 700 milioni di tonnellate di cibo, che è tre volte più di quello che l'Africa subsahariana produce in un anno.
Tra le cause strutturali della crisi globale del capitalismo sono i seguenti:
  1. L'accumulo e la concentrazione della ricchezza in alcuni paesi e in piccoli gruppi sociali privilegiati,
  2. La concentrazione del capitale nella produzione e commercializzazione delle risorse e dei beni che producono il profitto più veloce e il più grande,
  3. Promozione del massiccio ed eccessivo consumo sociale dei prodotti, nella convinzione che per avere più è quello di vivere meglio,
  4. Massiccia produzione di prodotti usa e getta per arricchire capitale e aumentare l'impronta ecologica,
  5. Eccessivo e insostenibile uso extractivist produttivista delle risorse naturali rinnovabili e non rinnovabili ad alti costi ambientali,
  6. La concentrazione del capitale in processi di speculazione finanziaria al fine di generare profitti rapidi e generosi,
  7. Concentrazione di conoscenza e tecnologia nei paesi ricchi e nei gruppi più ricchi e potenti sociali,
  8. Promozione di pratiche finanziarie e schemi produttive estrattive e commerciali che minano l'economia e la sovranità degli Stati, in particolare nei paesi in via di sviluppo, monopolizzando il controllo delle risorse naturali e dei loro guadagni,
  9. Riduzione del ruolo degli Stati a quello delle autorità di regolamentazione deboli, convertendo i grandi investitori in manager di proprietà di terzi, e degli stati e dei popoli in servi deboli o partner con il mito che gli investimenti esteri in grado di risolvere tutto.
Sorelle e fratelli di tutto il mondo: il capitalismo ha creato una civiltà che è uno spreco, consumismo, esclusivo, clientelare, un generatore di opulenza e miseria. Questo è il modello di vita, di produzione e di consumo che abbiamo urgente bisogno di trasformare.
Il pianeta e l'umanità sono in grave pericolo di estinzione. Le foreste sono in pericolo, la biodiversità è in pericolo, i fiumi e gli oceani sono in pericolo e la terra è in pericolo. Questa bella comunità umana che abita la nostra Madre Terra è in pericolo a causa della crisi climatica.
Le cause di questa crisi climatica sono direttamente collegate l'accumulazione e la concentrazione della ricchezza in alcuni paesi e in piccoli gruppi sociali, al consumo di massa, eccessivo e costoso derivante dalla convinzione che per avere più è vivere meglio, alla produzione di inquinanti beni usa e getta per arricchire capitale, aumentando l'impronta ecologica, così come l'uso eccessivo e non sostenibile estrattiva per la produzione di risorse naturali rinnovabili e non rinnovabili ad elevati costi ambientali.
Sorelle e fratelli: Lo Stato Plurinazionale della Bolivia, riecheggiando la voce dei popoli del mondo, accetta un obbligo morale per il pianeta e sostiene la necessità per gli esseri umani a recuperare un senso di unità e la pertinenza con la Madre Terra.
Siamo in un momento cruciale per la definizione del futuro del nostro pianeta. Nelle nostre mani e nella nostra coscienza è la responsabilità di concordare sulla strada che stiamo per seguire per garantire l'eliminazione della povertà, la distribuzione e la redistribuzione della ricchezza, e la creazione e il rafforzamento del nostro sociale, condizioni materiali e spirituali, al fine di vivere in armonia ed equilibrio con la natura.
I paesi ricchi e industrializzati devono contribuire a promuovere la socializzazione della ricchezza e del benessere in armonia con la natura, mentre i paesi poveri e in via di sviluppo deve distribuire la ricchezza poco che hanno. Non c'è futuro per l'umanità se l'egoismo e l'avidità prevalgono, con l'accumulo e l'ostentazione che fanno parte di un sistema in cui chi ha più regole rispetto a quelli senza. Dobbiamo condividere e si completano a vicenda nella conoscenza, la ricchezza, l'umanità e il rispetto per la natura.
Questo 21 dicembre è il giorno di apertura del Pachakuti, che si traduce in il risveglio del mondo per la cultura della vita. E 'l'inizio della fine del capitalismo senza freni, nonché il passaggio dal tempo di violenza tra gli esseri umani e della violenza alla natura per un nuovo tempo in cui gli esseri umani costituiscono una unità con la Madre Terra e tutti vivranno in armonia ed equilibrio con il cosmo nel suo insieme.
Questo giorno è per le antiche società nel momento in cui i principali tellurico-cosmiche cambiamenti si verificheranno nel pianeta ed è l'auspicio che la cultura della morte, la fame e l'ingiustizia avrà raggiunto la sua fine. Significa la fine di uno stato di cose e l'inizio di profondi cambiamenti nel mondo.
Allo stesso modo, questo nuovo tempo deve essere l'inizio della fine delle monarchie, le gerarchie, le oligarchie e le anarchie del mercato e del capitale.
Il Pachakuti è arrivato, e voi che ora unirsi a noi nella sacra Isla del Sol, nel lago Titicaca, ci sono i guerrieri arcobaleno, siamo i guerrieri del Vivir Bien [Living Well], siamo gli insorti del mondo.
In questo contesto, cerchiamo di suggerire dieci comandamenti per affrontare il capitalismo e costruire la cultura della vita:
1. IN POLITICA:
Ritrovata democrazia e politica, potere ai poveri e servire i popoli
Il mondo sta vivendo una crisi dei sistemi politici, perché non rappresentano più i popoli, sono elitario, esclusivo, disciplinato dalla leadership oligarchiche con la visione di riempire le tasche di pochi e non al servizio del popolo. Le cosiddette democrazie sono il pretesto per la consegna delle risorse naturali al capitale transnazionale. In queste false democrazie, la politica è stata trasformata in uno strumento a scopo di lucro e non una vocazione di servizio. Forme anacronistiche di governi sopravvivono ancora che non rispondono più alle esigenze dei popoli del mondo. Dobbiamo rifondare la democrazia. Noi non vogliamo una democrazia coloniale in cui i politici sono una classe aristocratica e non militanti per la causa dei poveri e di servizio ai poveri.
La democrazia non è praticabile se non responsabilizzare i poveri, gli emarginati, e non risponde in primo luogo alle esigenze urgenti dei più bisognosi. Una democrazia nella quale poche diventare ricchi e la maggioranza diventare poveri non è una democrazia.
Rifondazione della democrazia, gli Stati rifondazione, rifondazione repubbliche e la politica rifondazione richiede le seguenti azioni, tra l'altro:
  1. Rifondare i sistemi politici, seppellendo ogni forma di gerarchia, monarchia, oligarchia e l'anarchia del mercato e del capitale. La democrazia è il governo dei popoli e non del mercato.
  2. Andare oltre la democrazia rappresentativa, in cui il potere è al servizio degli interessi delle élite e delle minoranze, alla democrazia comunitaria, nella quale non ci sono né maggioranze né minoranze, ma invece le decisioni sono prese per consenso, ed è la ragione che prevale, non voti .
  3. Promuovere l'idea che l'azione politica significa servizio completo e costante alla vita, che è, a sua volta, un impegno etico, umano e morale per i nostri popoli, recuperando i codici dei nostri antenati: non rubare, non mentire, non essere pigro e non essere ossequiosi.
  4. Service per la patria non può essere intesa come usare la patria, come se si trattasse di un business; politici non possono utilizzare gli strumenti amministrativi, giuridici ed economici dello Stato per i loro interessi privati ​​e personali.
  5. Il popolo, attraverso le loro organizzazioni sociali e comunitarie, devono prendere il potere politico, la costruzione di nuove forme di stati plurinazionali, in modo che noi ci governare nel quadro del mandar obedeciendo (in vantaggio di obbedire).
2. NELLA VITA SOCIALE:
Più diritti sociali e umani, contro la mercificazione dei bisogni umani
Una realtà offensivo e scandaloso che persiste nel mondo di oggi è il divario tra ricchi e poveri, il risultato della distribuzione ineguale del reddito e disparità di accesso e discriminatorio ai servizi di base. Capitale e il mercato non è una soluzione per la disuguaglianza e la povertà, ma solo privatizzare i servizi e il profitto dai bisogni. Abbiamo avuto una tragica esperienza con la privatizzazione dei servizi di base, in particolare l'acqua.
Per superare le gravi disuguaglianze sociali, è necessario intraprendere le seguenti azioni, tra l'altro:
  1. E 'imperativo che noi riconosciamo, nella legislazione internazionale e negli standard nazionali in tutti i paesi, che i servizi di base come acqua, elettricità, comunicazioni e servizi igienico-sanitari di base sono un diritto fondamentale delle persone in tutti gli angoli del pianeta.
  2. In particolare, l'acqua deve essere un diritto umano fondamentale, perché essa riguarda direttamente lo sviluppo della vita di tutti gli esseri del pianeta ed è un componente fondamentale per la mobilitazione di tutti i processi produttivi.
  3. Oltre al riconoscimento dei servizi di base come diritto umano, dobbiamo procedere con la nazionalizzazione di tali servizi, in quanto i proprietari privati ​​escludere la maggior parte della popolazione dall'accesso ai servizi che sono fondamentali per la vita, dando loro un valore economico che è irraggiungibile per molti.
  4. Vi è la necessità di concentrare le risorse più economiche nelle mani dello Stato e di creare meccanismi per la distribuzione di questa ricchezza tra le regioni e tra le persone che sono i più bisognosi e più vulnerabili, al fine di eliminare nei prossimi anni tutte le forme del sociale, materiale e spirituale, la povertà nel mondo attraverso la democratizzazione della ricchezza economica.
  5. E 'necessario sviluppare la formazione di un nuovo essere umano completo che non è né materialista né un consumatore, ma sempre focalizzata sulla ricerca di vivere bene, con un'etica profonda rivoluzionario basato su armonia e solidarietà, riconoscendo che tutti i popoli del mondo costituiscono una grande famiglia. \
  6. Dobbiamo porre fine al monopolio transnazionale dell'industria farmaceutica e recuperare e rafforzare le nostre conoscenze ancestrali e naturali medicinali e pratiche.
3. NELLA VITA CULTURALE E SPIRITUALE:
Decolonize i nostri popoli e le nostre culture, per costruire un socialismo comunitario di vivere bene
Sorelle e fratelli: Viviamo in una società in cui tutto è globalizzato e omogeneizzato, in cui le identità culturali sembrano schiaffo del passato che tutti vogliono ignorare. Le culture antiche e ancestrali sono emarginati nei processi economici e politici e la loro forza culturale e spirituale e l'energia sono scontati. Ciò ha portato ad una profonda disumanizzazione del mondo e la discriminazione nelle risorse spirituali e culturali che ci possono dare le forze necessarie per fermare la brutalità del capitalismo. Dobbiamo:
  1. Decolonize noi di razzismo, il fascismo e tutti i tipi di discriminazione.
  2. Decolonize noi stessi di mercificazione e del consumismo, il lusso, l'egoismo e l'avidità, e promuovere Living Well.
  3. Recuperare le conoscenze e codici delle antiche culture del mondo, per rafforzare la consapevolezza degli individui e delle società di Madre Terra, capire che cosa significa essere un essere vivente e sacro, che siamo le sue figlie e figli e ci nutriamo del suo , nel rispetto dei cicli della natura e la comprensione che tutte le cose esistenti sono parte del bilancio e l'armonia della vita. Siamo nati dal grembo della Madre Terra e torneremo nel suo grembo.
  4. Dove ci sono culture diversi paesi è indispensabile per promuovere la costruzione di stati plurinazionali che il pluralismo rispetto sociale, economico, giuridico e culturale.
4. NEL RISPETTO PER L'AMBIENTE:
Per i diritti della Madre Terra, per vivere bene e in opposizione al colonialismo ambientale della green economy
Negli ultimi anni gli ideologi del sistema capitalistico hanno promosso la "green economy", come la salvezza di questo modello di società. Questo significa semplicemente la mercificazione della natura, nel contesto di un capitalismo verde. L'economia verde è l'economia della morte, perché nel contesto del protezionismo della natura è una condanna a morte per i popoli del mondo. È per questo che noi condanniamo l'economia verde come il nuovo colonialismo ambientale e capitalismo verde. Allo stesso modo, la crisi climatica del pianeta è una questione di preoccupazione per noi, perché la comunità umana che abita la nostra Madre Terra è in pericolo a causa delle catastrofiche conseguenze delle catastrofi naturali.
Per trasformare questa situazione i popoli del mondo devono promuovere le seguenti azioni:
  1. La domanda che i paesi che hanno causato la crisi climatica assumersi la loro responsabilità storica per pagare il debito climatico ai popoli del Sud, e ridurre drasticamente le emissioni di gas a effetto serra nel quadro di accordi internazionali vincolanti.
  2. Dobbiamo attuare le politiche e le azioni necessarie per prevenire ed evitare l'esaurimento delle risorse naturali, accettando che la vita dipende sostenere la capacità di rigenerazione dei sistemi di vita di Madre Terra e la gestione completa e sostenibile dei loro componenti. Dobbiamo sempre tenere a mente che il pianeta può vivere meglio senza gli esseri umani, ma gli esseri umani non possono vivere senza il pianeta.
  3. Questo è il secolo della battaglia per il riconoscimento universale dei diritti della Madre Terra in tutta la legislazione, i trattati e gli accordi nazionali e internazionali, in modo che noi esseri umani cominciano a vivere in armonia e in equilibrio con il cosmo.
  4. I paesi del mondo devono promuovere la determinazione ed efficacia la non commercializzazione delle funzioni ambientali e dei processi naturali di Madre Terra, così come la gestione integrata e sostenibile delle sue componenti. Non possiamo vendere la nostra sacra Madre Terra unicamente sulla base di false illusioni che i mercati promuovono alcuni finanziamenti per i nostri popoli. I nostri popoli e la Madre Terra non può né ora né mai è in vendita.
5. IN MATERIA DI RISORSE NATURALI:
Sovranità sulle risorse naturali è un requisito per la liberazione dalla dominazione coloniale e neoliberista e per il pieno sviluppo dei popoli
In molti paesi la principale fonte di ricchezza economica si basa su l'uso delle risorse naturali. Tuttavia, nella maggior parte dei paesi questa ricchezza è stato saccheggiato e stanziati in mani private e da poteri transnazionali che si arricchiscono a spese dei popoli. Invitiamo i paesi a sviluppare le seguenti azioni in materia di risorse naturali:
  1. Mettere proprietà delle risorse naturali nello Stato, a favore delle popolazioni in modo che siano orientati verso il divertimento e beneficio di tutti.
  2. In tutti i paesi che dispongono di risorse naturali strategiche, promuovere l'attuazione di processi di nazionalizzazione, perché è solo attraverso la nazionalizzazione in modo che siamo in grado di fermare i processi di colonialismo economico e garantire il rafforzamento dello Stato con risorse economiche che a loro volta promuovere i servizi di base migliore per i loro popoli.
  3. Sviluppare processi di industrializzazione di queste risorse naturali, tenendo sempre presente il bisogno di protezione e il rispetto dei diritti della Madre Terra.
6. IN RELAZIONE ALLA SOVRANITÀ ALIMENTARE:
Sapere come nutrire noi stessi per vivere bene, per favorire la realizzazione della sovranità alimentare e il diritto umano al cibo
La discussione della sicurezza alimentare è stata portata avanti in tutto il mondo da diversi punti di vista e approcci, quali la sicurezza alimentare, sovranità alimentare e il diritto umano al cibo. Il cibo è centrale per la vita delle persone e il raggiungimento di vivere bene, ed è per questo che gli Stati ei popoli devono promuovere una serie di azioni:
  1. Per progredire nella costruzione di "Sapere Come nutrirsi per vivere bene", recuperando le conoscenze alimentari e di tecnologie produttive di nutrizione comunità, in quali alimenti sono la medicina e una parte della nostra identità culturale.
  2. Per cercare di garantire in ogni paese gli alimenti di base consumati dalla popolazione attraverso il rafforzamento delle economiche, produttive, sistemi sociali, culturali, politici ed ecologici dei produttori rurali, con particolare attenzione per l'agricoltura comunità familiare.
  3. Per proteggere la popolazione dagli effetti della malnutrizione, con particolare attenzione al controllo della commercializzazione di alimenti che sono dannosi per la salute umana.
  4. Per punire la speculazione finanziaria basata sulla produzione e la commercializzazione di prodotti alimentari.
7. IN MATERIA DI INTEGRAZIONE E RELAZIONI INTERNAZIONALI:
L'alleanza dei popoli del Sud contro l'interventismo, il neoliberismo e il colonialismo
I nostri popoli ancestrali sempre vissuto integrato nelle culture, integrate nel commercio, integrato in solidarietà e in reti di collaborazione. Oggi dobbiamo costruire e rafforzare i nostri accordi di integrazione tra i popoli e le comunità, tra stati e governi, in un quadro di sostegno, collaborazione e solidarietà, al fine di rafforzare la vita e l'umanità.
Di fronte alla diplomazia della morte e della guerra, mercificazione, privatizzazione, il saccheggio delle risorse naturali, dobbiamo costruire la diplomazia dei popoli del Sud, al fine di rafforzare noi stessi da sud.
Il Sud non è e non può essere una pedina obbediente e servile dei poteri del Nord. Non siamo la discarica per i rifiuti industriali e nucleari dei poteri del Nord, né siamo la loro fonte inesauribile di materie prime. Il Sud sta emergendo con la potenza dei popoli e dei governi patriottici e sovrano, e sta costruendo progetti di imprese, integrazione produttiva, culturale, tecnologico, economico, finanziario e sociale. Questo è un momento in cui i popoli del Sud del mondo, e insieme con i popoli del Nord, deve condividere, sostenere e rafforzare noi stessi socialmente, economicamente e culturalmente.
L'integrazione è subordinata alla dipendenza da Stati forti e popoli, nazionalisti, patrioti, i governi socialisti di volontà politica e di controllo nazionale, con progetti e strategie di alleanze regionali per formare un Sud che sta costruendo progetti per l'alimentazione e l'integrazione regionale.
La potenza del Sud è la sua sovranità, il diritto allo sviluppo, il sostegno e la solidarietà dei popoli e degli Stati. Il Sud sta diventando sempre più forte, diventando armonizzato. Non ci può essere del Sud forte senza sovranità, il patriottismo, il nazionalismo, il desiderio dei popoli e degli stati di spezzare le catene della schiavitù coloniale e neo-liberale.
Per ottenere integrazione Sud-Sud, dobbiamo promuovere le seguenti azioni:
  1. Forma potenti coalizioni e alleanze per sottoscrivere accordi di Vita e di condividere le conoscenze, la tecnologia e la fornitura di risorse finanziarie, e non accordi di libero scambio, che sono i trattati di morte per i popoli del Sud e per i popoli del Nord.
  2. Costruire un meccanismo per lo sviluppo integrale e integrazione tra gli Stati ei popoli del Sud che comprende, tra le altre cose, le aree di conoscenza, la tecnologia, l'energia, la produzione alimentare, il finanziamento, la salute e l'istruzione.
  3. Andare avanti nel gemellaggio dei popoli del Sud con quelli del Nord, per distruggere l'imperialismo e costruire l'orizzonte civilizzatrice di vivere bene in armonia e in equilibrio con la Madre Terra.
8. IN MATERIA DI CONOSCENZA E TECNOLOGIA:
La conoscenza e la tecnologia sono strumenti fondamentali per raggiungere uno sviluppo integrale e l'eliminazione della povertà e della fame
La conoscenza e la tecnologia sono fondamentali per la fornitura di mezzi di comunicazione, l'istruzione, i servizi di base e di progetti industriali e di energia, la trasformazione delle materie prime e la produzione di cibo, in breve, di guidare le nostre economie. Oggi i paesi sviluppati ciecamente proteggere le loro tecnologie con brevetti e licenze e ci impediscono di accedervi. Se vogliamo tecnologia che abbiamo di entrare nei loro mercati tecnologici. Non c'è solidarietà, non la complementarità tecnologica possibile con i paesi sviluppati. Il monopolio della tecnologia è uno strumento di potere per controllare i paesi in via di sviluppo. I poteri transnazionali dei paesi ricchi industrializzati e l'imperialismo non condividono la tecnologia, perché vogliono solo vendere per dominare noi e creare dipendenza.
Ecco perché, oggi più che mai, è fondamentale promuovere le seguenti azioni:
  1. Costruire convergenza tra le conoscenze ancestrali e di comunità, la saggezza, le tecniche e le tecnologie e le pratiche e le tecnologie della scienza moderna, al fine di contribuire a creare le condizioni per vivere bene e la protezione della Madre Terra.
  2. Sviluppare le nostre conoscenze e le tecnologie che rompono la dipendenza tecnologica sui poteri transnazionali del Nord.
  3. In opposizione alla commodity egoismo dei poteri transnazionali del Nord ci permettono di costruire la collaborazione, la solidarietà e la complementarità dei popoli e dei paesi del Sud insieme ai popoli del Nord.
9. NEI CONFRONTI DEL istituzionalità INTERNATIONAL:
Dobbiamo costruire un mondo istituzionalità dei popoli, dei poveri, della Madre Terra. Non accettiamo o permettere interventismo o neoliberismo da parte delle Nazioni Unite o istituzionalità dell'impero del capitale
L'istituzionalità coloniale globale è stato progettato per sottoporre e ingannare i popoli. In nome della libertà e della democrazia organizzazioni come la NATO, tra cui le Nazioni Unite attraverso il Consiglio di sicurezza di fama, invadere paesi, distruggere i popoli, legalizzare e aiutare a massacri. Non possiamo permettere o ammettere la costruzione di basi militari e delle industrie di guerra per dominare i popoli con il pretesto della sicurezza nazionale. La cosa principale è la sicurezza della Terra popoli, la vita e la mamma. I bracci costruire-up è l'attività della morte che arricchisce il capitalismo e distrugge il pianeta.
La macchina istituzionale globale del cosiddetto Nazioni Unite è stato progettato per distruggere la volontà sovrana dei popoli. È qui che una burocrazia lavora al servizio del capitale e dell'imperialismo. Noi, i popoli del mondo, non accettano che le organizzazioni internazionali dovrebbero appropriarsi a se stessi il diritto di invasione e di intervento. Le Nazioni Unite non ha morale di imporre. Noi, i popoli del mondo, non accettano questa istituzionalità elitaria dei burocrati dell'impero.
E 'stato nelle viscere delle Nazioni Unite che l'economia verde privatizzazione origine, che noi capiamo come l'economia sommersa della morte, da quelle viscere nascono le ricette per la privatizzazione e l'interventismo. L'ONU sembra essere l'Organizzazione per i Paesi ricchi e potenti, forse dovrebbe essere nominato il INO, imperialista Organizzazione delle Nazioni. Che ONU non vogliamo, lo rinnegano.
Che la burocrazia neoliberista, la burocrazia della green economy e la privatizzazione, la burocrazia che promuove aggiustamenti strutturali, quelle funzionari del capitale e gli ideologi della dominazione e della povertà, agire con la convinzione patriarcale e coloniale che i popoli ei paesi in via di sviluppo sono incapaci e stupidi, e che per uscire dalla povertà, dobbiamo seguire fedelmente le loro ricette di sviluppo.
Per costruire nuove istituzioni dei popoli di tutto il mondo, al fine di vivere bene, dobbiamo sviluppare le seguenti azioni:
  1. Costruire le condizioni istituzionali e giuridiche per i nostri popoli e paesi di vivere in dignità e sovranità senza l'interventismo e senza basi militari straniere.
  2. Liberarci dai vincoli ideologici e politici delle agenzie finanziarie globali come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, e dei loro satelliti e intellettuali di dominio neoliberista, e costruiamo le nostre istituzioni per la progettazione e consulenza sulle politiche volte a vivere bene.
  3. Costruire un'organizzazione mondo dei poveri, una Organizzazione Mondiale della Giustizia, una Organizzazione Mondiale della Sovranità dei Popoli, una Organizzazione Mondiale della Madre Terra, una Organizzazione dell'Assemblea dei popoli del mondo.
10. IN ECONOMIA DI FINANZIAMENTO:
Lo sviluppo economico non deve essere orientata al mercato, al capitale e al profitto, lo sviluppo deve essere globale ed essere orientato alla felicità umana, l'armonia e l'equilibrio con la Madre Terra
Il capitalismo globalizza solo la povertà, la fame e le ingiustizie sociali, distrugge i diritti umani e dei diritti sociali, economici e culturali, e distrugge l'ambiente. Capitalismo sfrenato crea povertà e la fame. Il sistema capitalista globale finanziario è colonialista e imperialista, è un'arma dei paesi più potenti per soggezione dei paesi in via di sviluppo e dei popoli, per la privatizzazione e la mercificazione, per l'assoggettamento al controllo delle oligarchie e l'anarchia bene di consumo di capitale.
Questo è il motivo per cui dobbiamo rinnegare e smantellare il sistema finanziario internazionale e dei suoi satelliti, il FMI e la Banca mondiale.
Invitiamo i popoli ei governi del mondo per rompere le catene di questa schiavitù dal colonialismo finanziario, perché la sovranità solo economica e finanziaria ci permette di decidere il nostro futuro in un modo sovrano.
Per ottenere la sovranità in economia e finanza, siamo sfidati a prendere i seguenti provvedimenti:
  1. Dobbiamo configurare un nuovo ordine economico internazionale e finanziario, basato sui principi di equità, la sovranità nazionale, interessi comuni, armonia con la natura, la cooperazione e la solidarietà tra Stati e popoli. Questo nuovo ordine deve essere orientato al cambiamento dei modelli insostenibili di produzione e consumo, riducendo sensibilmente il divario tra ricchi e poveri e tra i paesi sviluppati e in via di sviluppo.
  2. Dobbiamo costruire una nuova architettura globale, regionale e nazionale e sistema finanziario che è privo di vincoli e tentacoli del potere della Banca Mondiale e del FMI. Una nuova architettura e di un nuovo ordine finanziario dei popoli e per i popoli.
  3. E 'essenziale per la costruzione di nuovi quadri giuridici e istituzionali a livello nazionale ed internazionale e di sviluppare un sistema di regolamentazione e vigilanza del settore finanziario. Stati ed i popoli devono controllare la finanza privata e non è soggetta alla servilismo coloniale di governance finanziaria da parte di interessi privati.
  4. Dobbiamo liberarci da quel legame coloniale chiamato il debito estero, che serve solo a ricattarci, per obbligarci a consegnare i nostri beni e la privatizzazione delle nostre risorse naturali, e di distruggere la sovranità dei popoli e degli Stati. Il debito estero coloniale è il meccanismo di esazione e di impoverimento che affligge i paesi in via di sviluppo e limita il loro accesso allo sviluppo. Chiediamo per cancellare il debito ingiusto esterna. Non più disuguaglianza. Non più povertà. E 'tempo di distribuire la ricchezza.
  5. Dato che i paesi in via di sviluppo, dobbiamo creare i nostri propri strumenti finanziari. Dobbiamo creare la Banca Mondiale dei poveri e dei popoli sovrani del mondo. Non possiamo dipendere dalle donazioni e prestiti condizionali del sistema coloniale capitalista finanziario. Dobbiamo unire e integrare, e questo significa costruire la nostra finanziaria, popolare, comunità, stato e sovrani sistemi finanziari.
  6. Costruire e rafforzare i mercati regionali basate sulla solidarietà e la complementarità, sostituendo le politiche di complementarietà derivanti dell'orizzonte civilizzatrice di vivere bene in luogo delle politiche di competitività promosse dal capitalismo.
La nostra visione del socialismo Comunitaria di Living Well si basa sui diritti e non sul mercato, che si basa sulla piena realizzazione della felicità umana dei popoli e delle popolazioni, attraverso la piena complementarità dei diritti dei popoli, persone, stati e Madre Terra in modo complementare, modo inclusivo e interdipendenti.
La nuova epoca è quella del potere del lavoro, il potere delle comunità, il potere della solidarietà dei popoli e la comunione di tutti gli esseri viventi in modo che insieme possiamo costituiscono la Madre Terra e il Socialismo Comunitario di Living Well.
Sorelle e fratelli: vi ringrazio per la vostra pazienza in ascolto di questo Manifesto della Isla del Sol, che esprime dieci comandamenti per la vita e per l'umanità. Si tratta di un Manifesto sulla base dell'esperienza del popolo boliviano, che possono sostenere la liberazione di tutti i popoli del mondo.
Sorelle e fratelli, i leader di Abya Yala, d'America e del mondo, le forze come popolo e come sociali, abbiamo una grande responsabilità: per salvare il pianeta, per salvare la vita e l'umanità. Quindi, vi ringraziamo per la vostra presenza in questo storico giorno del solstizio d'estate, l'inizio del tempo della Pachakuti.

Clicca l'immagine per l'edizione originale in spagnolo del Manifesto di Isla del Sol. La copertina mostra Morales arrivare l'Isola del Sole in una replica delle zattere di balsa che i popoli andini usato per secoli sul lago Titicaca
Clicca l'immagine per l'edizione originale in spagnolo del Manifesto di Isla del Sol. La copertina mostra Morales in arrivo l'Isola del Sole in una replica delle barche di canne che i popoli andini usato per secoli sul lago Titicaca


Nessun commento: