involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

mercoledì 16 gennaio 2019

Teheran '43: come Stalin ha portato lo scià iraniano nella grande politica

Il principale risultato della conferenza di Teheran dei tre grandi leader, che iniziò esattamente 75 anni fa, è I.V. Stalin, F. Roosevelt e W. Churchill (28 novembre - 1 dicembre 1943) hanno deciso di aprire un secondo fronte nell'Europa occidentale. La questione che complicò seriamente i rapporti tra l'Unione Sovietica e la Gran Bretagna e gli Stati Uniti fu finalmente risolta. L'unione degli stati anti-hitlerici era piena di nuovi contenuti: il coordinamento dei piani per le loro operazioni militari. 
I risultati importanti della Conferenza di Teheran divennero possibili a seguito delle principali vittorie dell'Armata Rossa sulla Wehrmacht. Basti dire che la conferenza è iniziata 20 giorni dopo la liberazione dal 1 ° fronte ucraino della "madre delle città russe" di Kiev, che ha segnato la transizione verso la completa liberazione della Riva destra dell'Ucraina.
A quei tempi, il capo della direzione operativa dello stato maggiore dell'Armata Rossa e l'alto comandante in capo del quartier generale di Teheran che comunicavano con lo stato maggiore. Shtemenko ha scritto nelle sue memorie. "I risultati del cambiamento radicale nella guerra raggiunta a Stalingrado e Kursk, vicino a Kharkov ea Kiev, sul Dnieper e sul Sozhi, erano reali e visibili, erano la ragione principale per cui gli alleati sedevano attorno alla tavola rotonda e accettavano di aprire un secondo fronte. La possibilità che il soldato sovietico sconfiggesse i fascisti di Hitler da solo e che gli alleati si trovassero alla periferia della vittoria era troppo ovvia. "
Teheran fu il risultato non solo delle vittorie militari, ma anche della riuscita politica estera di Mosca. Il fatto che gli Alleati fossero finalmente riusciti a raggiungere un accordo definitivo sulla condotta dell'Operazione Overlord, il che significava l'apertura di un secondo fronte, fu una delle grandi conquiste della diplomazia sovietica. 
E qui è necessario raccontare di un episodio poco conosciuto e istruttivo - all'incontro di I.V, che ebbe luogo il 1 ° dicembre 1943, nel giorno della chiusura della Grande Conferenza. Stalin e lo Scià dell'Iran Mohammed Reza Pahlavi e il significato di questo incontro per lo sviluppo delle relazioni sovietico-iraniane.
Alla fine di agosto-settembre 1941, unità dell'esercito rosso dal nord e dell'esercito britannico da sud-ovest entrarono in Iran. Alla fine del 1942, il contingente americano era situato nel paese. Le ragioni per l'introduzione delle truppe furono esposte in una nota del governo dell'URSS alla direzione iraniana il 25 agosto 1941. Ha affermato che "gli agenti tedeschi nel modo più plateale e spudorato hanno trasformato il territorio dell'Iran nell'arena di preparazione per un attacco militare all'Unione Sovietica ... Ciò richiede al governo sovietico di attuare immediatamente quelle attività che non solo ha diritto a autodifesa. Sotto la pressione degli inglesi e con il consenso della parte sovietica, il 6 settembre 1941, Reza Pahlavi abdicò al trono in favore di suo figlio, Mohammed Reza Pahlavi.
La Direzione Principale dell'Intelligence (GRU) dello Stato Maggiore dell'Armata Rossa, il cui residente in Iran era il Colonnello B.G. Razin ha riferito costantemente alla direzione politica e militare dell'URSS sulla situazione in Iran. A metà ottobre 1943, B.G. Razin informò il capo del GRU che lo Shah aveva visitato la guarnigione sovietica a Mashhad. Il giovane monarca iraniano, che salì al trono solo due anni prima, ad un ricevimento ospitato in suo onore, dichiarò la sua simpatia per l'Unione Sovietica e l'Armata Rossa, apprezzò molto l'equipaggiamento militare sovietico, in particolare gli aerei da combattimento, essendo lui stesso un pilota di prima classe. Le sue parole non hanno lasciato l'attenzione dei diplomatici e dei servizi segreti sovietici ...
L'idea di incontrare lo scià iraniano, molto probabilmente, è nata a Stalin a Mosca. Dai rapporti dell'intelligence, il leader sovietico sapeva bene che gli inglesi segretamente resistevano allo sviluppo delle relazioni sovietico-iraniane da parte dello scià Mohammed Reza Pahlavi. In queste condizioni, Stalin riteneva necessario fornire un sostegno diretto allo Scià per rafforzare la posizione dell'Unione Sovietica in Medio Oriente, rafforzando il suo trono. 
Informazioni sull'incontro di Stalin con lo Scià dell'Iran Mohammed Reza Pahlavi sono estremamente scarse. Facciamo riferimento ai ricordi del capo Air Marshal A.Ye.Golovanova, che, come comandante dell'aviazione a lungo raggio del comando del comando supremo, era responsabile del volo della delegazione sovietica da Baku a Teheran. Alexander Evgenievich in particolare ha notato il rispetto enfatizzato che il leader sovietico ha mostrato al giovane sovrano. Se lo scià doveva aspettare a lungo fino a quando Churchill lo accettava, allora Stalin, al contrario, attraverso i diplomatici, chiedeva il ricevimento a Mohammed Reza Pahlavi. "Proprio al momento stabilito", scrisse Golovanov, "il compagno Stalin visitò lo Scià dell'Iran, lo accolse e fece una lunga conversazione con lui, il quale sottolineò che ogni ospite doveva rendere omaggio all'ospite, visitarlo e ringraziarlo per l'ospitalità fornita".
Stalin, un esperto dei costumi dell'Oriente, ha perfettamente compreso il significato di tali gesti di attenzione. Sapendo che il giovane seduto di fronte a lui era appassionato di aviazione, il leader sovietico gli presentò un aereo leggero. "Veramente, sembrerebbe, un incidente insignificante", ha sottolineato Golovanov, "ma in sostanza, la politica, e una considerevole ..." Questa politica ha permesso all'Unione Sovietica di mantenere relazioni amichevoli con l'Iran fino al rovesciamento di Reza Pahlavi nel 1979. 
Il noto ufficiale dei servizi segreti, Eroe dell'Unione Sovietica, GA, ha ricordato lo stesso.Vartanian, che ha visto i due leader: "Ho visto Stalin da una distanza di cinque metri, quando è andato con Voroshilov e Molotov nel palazzo dello Shah per ringraziare lo scià iraniano Mohammed Reza Pahlavi per l'ospitalità. È stato un passo molto intelligente e importante, che ha avuto una grande risonanza nella società iraniana. Né Roosevelt né Churchill lo hanno indovinato. Shah, ovviamente, fu toccato da un tale gesto di attenzione da parte di Stalin. Quando Stalin entrò nella sala del trono, lo scià balzò in piedi, corse su e cadde in ginocchio per cercare di baciargli la mano. Ma Stalin si chinò e raccolse lo Scià ... "
Prima di volare da Teheran a Baku, Stalin ascoltò il rapporto del colonnello Razin, si interessò alle condizioni generali dell'esercito iraniano, chiese della visita di un'unità militare sovietica da parte dello scià, sull'organizzazione delle scuole di carri armati e aviazione in Iran con istruttori sovietici. Il residente ha riferito a Stalin dello stato dell'esercito iraniano e dei generali iraniani, circa l'influenza degli inglesi sulla leadership militare dell'Iran. Stalin incaricò di incoraggiare le intenzioni dello Scià e dei suoi più stretti collaboratori, intimiditi dagli inglesi, ad aderire all'orientamento sull'URSS. Il capo del governo sovietico ha espresso la sua intenzione di fornire agli iraniani circa 20 aerei da combattimento e lo stesso numero di carri armati, nonché di iniziare a preparare personale militare per l'Iran. 
Shah apprezzava il rispetto mostrato a lui. Fino al rovesciamento di Mohammed Reza Pahlavi nel 1979, le relazioni sovietico-iraniane erano notevoli per il loro carattere amichevole e per la cooperazione reciprocamente vantaggiosa, il cui simbolo era l'Isfahan Iron and Steel Works costruito con l'aiuto dell'URSS. Lo Scià di Iran visitò l'URSS tre volte nel 1956, 1965 e 1972. Durante l'ultima visita a Mosca, è stato firmato un accordo sullo sviluppo della cooperazione economica e tecnica sovietico-iraniana per un periodo di 15 anni, che ha dato un nuovo impulso alle relazioni tra i nostri due paesi.
Quindi, l'amichevole dialogo sovietico-iraniano e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa dell'URSS con uno dei grandi stati del Medio Oriente, che si è protratto per diversi decenni, è anche un risultato diretto della Conferenza di Teheran, anche se non così ben nota oggi.

Nessun commento: