involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

sabato 12 febbraio 2011

Egitto: e l'Italia quando?

Jane Slaughter
| February 9, 2011 | 9 Febbraio 2011
Anche se tutti gli occhi sono puntati sul Cairo, pochi potevano sapere che i lavoratori egiziani hanno protestato e colpisce il gran numero. . In un 2009 AFL-CIO relazione Stanford storico Joel Benin ha scritto: "L'attuale ondata di proteste è in eruzione dal più grande movimento sociale, l'Egitto ha visto in oltre mezzo secolo.  Oltre 1,7 milioni di lavoratori impegnati in più di 1.900 scioperi e altre forme di protesta da 2004 al 2008. "
  Oggi, gli scioperi dei lavoratori 'che sono parte delle proteste in Egitto, con più di 20.000 lavoratori fuori e più in programma per Giovedi.
  Il New York Times ha riportato che nella città tessile di Mahalla, più di 1.500 scioperanti hanno bloccato le strade e che più di 2.000 lavoratori dell'azienda farmaceutica Sigma a Quesna sono scesi in sciopero.
. Labor Notes ha intervistato Kamal Abbas, direttore del Centro per i sindacati e operatori dei servizi, un gruppo indipendente, di 'la partecipazione dei lavoratori nella rivolta egiziana.
  Labor Notes: I media ha detto che circa 20.000 lavoratori in fabbrica hanno scioperato il Mercoledì.  Dove lavorano?
Kamal Abbas: Questa giornata nella rivoluzione potrebbe essere chiamato per le organizzazioni sindacali. Si sono spostati in tutto, con più di 20 scioperi nelle ferrovie e anche il tessile, infermieri e medici, un ospedale, in fabbriche di proprietà del governo e anche privati. . I numeri sono più di 20.000.
  I giornalisti indipendenti hanno denunciato la corruzione, che 3 miliardi dollari sono da qualche parte .  Il Guardian ha pubblicato 12 miliardi dollari per la famiglia Mubarak. Questo ha provocato disgusto orribile, in un paese dove il 40 per cento sono sotto la soglia di povertà.  Ora le domande sono: "Voglio i miei diritti, dove sono i nostri diritti?"
  LN:c' erano donne coinvolte negli scioperi?
  KA: Sì, naturalmente, i lavoratori del settore tessile sono state 1.200 persone.  Anche un ospedale ha partecipato.
  Otto milioni di persone nel paese stanno partecipando alla protesta. Ci sono un milione di persone in piazza Tahrir, e ci sono migliaia di lavoratori tra di loro. . Nel movimento delle persone, che stanno imparando la lezione.  Naturalmente, la classe operaia è adatta per organizzare, e sono stati in movimento in maniera molto deliberata, molto organizzata per fare richieste.
LN: gli scioperanti esigono aumenti di stipendio o che Mubarak se ne dovrebbe andare, o entrambi?
  KA: Oggi stanno chiedendo per entrambi.
  Vorrei sottolineare un buon sviluppo: ci aspettiamo che una delle fabbriche tessili, con 24.000 persone, possa scioperare domani.
  LN: Dicci di più su l'ondata di scioperi degli ultimi anni.
KA: Ci sono stati 3.000 scioperi che comprendevano  tutti i settori, sia pubblico che privato.  Naturalmente, queste azioni sono state facendo richieste economiche . Il primo ministro ha affermato che il 90 per cento delle richieste sono state accolte ed eseguite. Abbiamo un salario minimo di $ 60 al mese adesso.    
  LN: C'è una connessione tra questi scioperi e le proteste in corso? 
KA: Sì, non c'è dubbio.  Non è solo la mia opinione.  Non c'è dubbio che quel modello ha portato a coinvolgere e rompere la paura del resto del popolo, tra più lavoratori.
LN:  il funzionario della federazione sindacale del governo, l'egiziana Trade Union Federation (che è l'unica unione legale), sono stati coinvolti nelle proteste ?
KA: sono ancora dalla parte di Mubarak. Ma loro sono scomparsi. . Neppure non compaiono affatto.  Ieri, per esempio, gli scioperanti hanno deciso di togliere la leadership. Hanno parlato di corruzione e di andare dal procuratore.
Il 30 gennaio una nuova federazione è stata fondata, la Federazione dei Sindacati Egiziani (fetu), in molte città, sia del settore privato e pubblico. E 'stato riconosciuto in tutto il mondo, in Germania, l'AFL-CIO, l'Organizzazione Internazionale del Lavoro.Pertanto i lavoratori egiziani effettivamente possono aprire una nuova pagina, rompendo lo schema di quello che era il passato.
[quando Gamal Abdel Nasser ha preso la direzione del governo], il governo ha cercato di fermare i sindacati e messo molti leader in carcere.  Hanno istituito un'unione fedele commerciale, il FSE.  La nostra lotta non si è mai fermata, ma è stata repressa duramente.  Ho partecipato personalmente ad uno sciopero quando lavoravo in Helwan [un sobborgo industriale di Cairo] con i metalmeccanici, 1.000 persone hanno partecipato. la Sicurezza ha utilizzato tutti i tipi di munizioni disponibili , gas lacrimogeni, proiettili di gomma. Una persona è stata uccisa e 1.000 persone furono imprigionate. da un mese a tre mesi.
LN: Che cosa prendono di stipendio i lavoratori egiziani?
  KA: Varia da settore a settore. Se prendiamo per esempio gli insegnanti, essi sono in realtà i lavoratori temporanei.  Fanno circa 34 dollari al mese.  I più anziani prendono di più. Altri lavoratori governativi, circa 5 milioni di persone, fanno circa 70 dollari al mese. Nel settore privato, 110 dollari al mese.
la società egiziana soffre di due cose: prezzi in aumento per tutto il tempo e di disoccupazione in corso.  Abbiamo 7 milioni di disoccupati [circa il 10 per cento della forza lavoro].
  LN: E molti non sono considerati parte della forza lavoro ufficiale?
KA: Quattro milioni di persone sono senza alcun diritto alle cure sanitarie, niente. Non sono nemmeno riconosciuti come parte della forza lavoro in qualsiasi modo contrattuale.
LN: Cosa succede se Mubarak si rifiuta di partire?  molte persone andranno in carcere?
KA: Questa rivoluzione non si fermerà fino a quando non se ne va.Non vogliamo che il suo processo, si vuole solo sbarazzarsi di lui.  Almeno per ora.
  Ci sono molti scenari che si stanno discutendo.  Le persone stanno bloccando le strade, ci sono scontri, milioni di persone si riversano ogni giorno alla Liberazione Square. Cinque persone sono stati uccise nella zona di Wahat sul lato est dell'Egitto.Un centro di sicurezza è stata bruciato.
Venerdì prossimo nessuno sa predire i numeri, ci possono essere 8 milioni di persone in tutto il quartiere. Tutti gli scenari sono possibili.
  La stampa sta mostrando gli scontri all'interno del governo, tra i generali dell'esercito e Mubarak.  Io non sono impressionato con il fatto che l'esercito è amichevole. Una sorta di intervento americano si può sviluppare, ma noi non lo sappiamo.  Queste sono tutte le possibilità.
LN: ieri alcuni sindacati hanno dimostrato alle ambasciate egiziane in giro per il mondo, per sostenere i manifestanti.Cosa possono fare i lavoratori americani per aiutare la vostra causa?
  KA: Ci aspettiamo che continuino la pressione su Obama,poichè egli appoggia ancora Mubarak e il suo regime.
 

Nessun commento: