involuzione

involuzione
FIRMA LA PETIZIONE
Poche cose abbiamo imparato dalla storia all'infuori di questa: che le idee si condensano in un sistema di ortodossia, i poteri in una forma gerarchica e che ciò che può ridare vita al corpo sociale irrigidito è soltanto l'alito della libertà, con la quale intendo quella irrequietezza dello spirito, quell'insofferenza dell'ordine stabilito, quell'aborrimento di ogni conformismo che richiede spregiudicatezza mentale ed energia di carattere.
Io sono convinto che se non avessimo imparato dal marxismo a vedere la storia dal punto di vista degli oppressi, guadagnando una nuova immensa prospettiva sul mondo umano, non ci saremmo salvati. O avremmo cercato riparo nell'isola della nostra interiorità o ci saremmo messi al servizio dei vecchi padroni. Ma tra coloro che si sono salvati, solo alcuni hanno tratto in salvo un piccolo bagaglio dove, prima di buttarsi in mare, avevano deposto, per custodirli, i frutti più sani della tradizione intellettuale europea: l'inquietudine della ricerca, il pungolo del dubbio, la volontà del dialogo, lo spirito critico, la misura nel giudicare, lo scrupolo filologico, il senso della complessità delle cose.
Norberto Bobbio

martedì 18 gennaio 2011

Pensioni: dal 1° gennaio 2011, è d'obbligo richiederle solo via Internet

prima bisognerebbe riuscire a comprarsi un computer (by Rossoallosso)

pensioni_cna_53_degli_anziani_vive_in_precarieta_economica 

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2010/11/24/visualizza_new.html_1677363474.html

 

 

La lunga marcia della Pubblica Amministrazione verso i servizi telematici: il nuovo sito dell'INPS già offre alcune prestazioni on-line, altre diventeranno obbligatorie, entro il 2011, unicamente tramite il sito, tra queste la richiesta di pensione.


Nonni tecnologici di tutta Italia pronti a scattare con il clic più veloce per richiedere la  pensione di vecchiaia. Entro la fine dl 2011, infatti, la richiesta all'Inps dovrà essere inoltrata esclusivamente via Internet attraverso il nuovo portale dell'INPS. Attualmente il sito web offre già molte prestazioni on-line, alcune delle quali, come la richiesta della pensione, diventeranno obbligatorie entro la fine del prossimo anno.

É da tempo che l'istituto di previdenza porta avanti il progetto di telematizzazione di servizi e prestazioni, una "rivoluzione" che, oggi, si concretizza nella pubblicazione nuovo sito internet che oltre alla grafica rinnovata, offre maggior ricchezza di contenuti e più facilità di utilizzo. "La nuova veste del sito - dicono dall'Inps - è stata studiata per cercare di soddisfare le esigenze di un pubblico sempre più vasto, che mediamente fa registrare circa 350mila contatti giornalieri, con punte che sfiorano le 500mila visite quotidiane". "Nei primi dieci mesi del 2010 - aggiungono - sono state sfogliate oltre 2 miliardi di pagine con un incremento del 50 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno".

Tra le novità del sito dell'Inps, l'area 'Come fare per', uno spazio al servizio del cittadino per tutte le  informazioni relative ad alcuni degli argomenti di maggior interesse. Immediatamente disponibili sono le notizie e i servizi correlati riguardanti i buoni lavoro, il riscatto della laurea, il versamento dei contributi volontari e la gestione dei rapporti di lavoro domestico, cui si aggiungeranno nel corso del tempo i temi che scaturiranno anche dai suggerimenti dei cittadini.
Il sito si presenta rinnovato anche nelle sezioni relative ai servizi e è più semplice per gli utenti gestire da casa le proprie pratiche, effettuare i pagamenti ed avere le informazioni necessarie. È già possibile, per esempio, leggere on-line l'estratto conto previdenziale di oltre 25 milioni di lavoratori italiani con una posizione aperta all'Inps. Nel 2011 questo impegno verrà accentuato "per rendere il sito sempre più lo sportello Inps più vicino ai cittadini".
Così come accade con tutti i servizi di cui oggi si può disporre, dalla prenotazione per un treno o un aereo, dalle operazioni di internet banking, fino alla programmazione di una visita a un museo o una serata al cinema, prossimamente, nell'arco del 2011, circa una ventina di tipologie di prestazioni saranno disponibili esclusivamente on-line. Si tratta di servizi di grande necessità ed interesse rispetto ai quali non ci si dovrà più scomodare da casa e fare lunghe file presso gli sportelli.
SERVIZI DA RICHIEDERE SOLO VIA INTERNET. Dal 1° gennaio 2011, le seguenti prestazioni si dovranno richiedere esclusivamente per via telematica:

- domanda di disoccupazione ordinaria e agricola, per indennità di mobilità ordinaria e di assegno integrativo;

- domanda di iscrizione e richiesta di variazione per la Gestione separata INPS per i lavoratori domestici, quelli dipendenti, gli agricoli e gli agricoli autonomi;

- domanda per tutte le tipologie di ricorsi; certificazioni Ise/Isee;

- segnalazioni di variazioni contributive; richiesta di accentramento contributivo;

- richiesta di assegno per il nucleo familiare ai lavoratori agricoli, disoccupati e in mobilità, per le ricostituzioni (supplementi, assegni familiari, documentali, contributive, reddituali);

- cure termali e dichiarazioni di responsabilità dei contribuenti (lavoratori dipendenti e agricoli).

Grazie ad alcune sperimentazioni avviate dal 1° ottobre in alcune sedi INPS, il presidente dell'istituto di previdenza, Antonio Mastrapasqua, sostiene che "la risposta da parte dei cittadini è stata positiva", tanto da rendere obbligatorio il ricorso alla via telematica per alcune prestazioni già dal 1° gennaio 2011. Quanto agli anziani e alla domanda di pensione on-line, hanno ancora del tempo per familiarizzarsi con l'uso del computer e di internet.
LINKIl nuovo sito web dell'INPS
Comunicato sulle prestazioni via web da gennaio 2011
Silvia D'Ambrosi

Nessun commento: